Edizioni MeridioNews

Edizioni MeridioNews

Edizione Sicilia

Caso Scieri, nuova autopsia affidata a Cristina Cattaneo
Amoddio: «Sul corpo lesioni compatibili con le percosse»

I legali dei tre ex commilitoni indagati per omicidio hanno contestato il modo in cui la procura ha riesumato la salma del parà e si riservano di chiedere la nullità. Per la presidente della commissione d'inchiesta Sofia Amoddio «quest'esame può dire tutto»

Marta Silvestre

La procura di Pisa ha conferito alla medica legale Cristina Cattaneo l'incarico di eseguire una nuova autopsia, a quasi vent'anni dalla morte, sui resti del corpo di Emanuele Scieri. La salma del parà siracusano, trovato morto nel pomeriggio del 16 agosto del 1999 ai piedi di una torre di asciugatura dei paracadute della caserma Gamerra di Pisa, è stata riesumata ieri nel cimitero di Noto. Adesso, si trova già a Milano dove il 21 maggio inizieranno le operazioni per l'esame autoptico. I legali dei tre ex commilitoni indagati per omicidio volontario in concorsoAlessandro Panella, Luigi Zabara e Andrea Antico - hanno contestato le modalità con cui la procura, in assoluta riservatezza, ha deciso di riesumare la salma di Scieri. Per questo hanno fatto mettere a verbale che si riserveranno di chiedere la nullità dell'autopsia

Il procuratore Alessandro Crini e il pubblico ministero Sisto Restuccia hanno affidato l'incarico all’anatomopatologa a capo del Labanof (Laboratorio di antropologia e odontologia forense) dell'Università di Milano che, in passato, ha coordinato la mega operazione di identificazione dei cadaveri dei migranti rimasti intrappolati nel barcone inabissato il 18 aprile del 2015 e ha seguito anche il caso di Yara Gambirasio e di Stefano Cucchi. Adesso, Cattaneo - che ha chiesto la riesumazione dopo avere analizzato la documentazione della procura - dovrà analizzare il corpo di Scieri per tentare di risalire a traumi e lesioni che potrebbero esserci stati in vita o al momento della morte. La relazione alla magistratura dovrebbe essere consegnata entro 60 giorni.

«Quando ho consegnato gli atti segretati della commissione parlamentare d'inchiesta sulla morte di Emanuele Scieri di cui ero presidente - spiega a MeridioNews Sofia Amoddio - avevo già esposto la disponibilità della famiglia a riesumare il corpo se, dall'analisi della documentazione, si fosse reso necessario». La svolta nella vicenda arriva con la riapertura delle indagini da parte della procura di Pisa, dopo due anni di lavori della commissione parlamentare, che nella relazione conclusiva ha individuato nuovi elementi utili per definire delle responsabilità penali. Colloqui e raffronti in oltre cinquanta sedute e settantasei audizioni, hanno fatto emergere il dubbio del nonnismo, che la procura ha deciso di verificare. «Da questa autopsia si può capire tutto - spiega Amoddio - le cause della morte, se Emanuele poteva essere salvato, che tipo di percosse ha subito, se alcune lesioni non sono compatibili con la caduta». 

Nei primi anni Duemila, il decesso del parà siracusano laureato in giurisprudenza era stato archiviato come suicidio. «Anche all'epoca fu fatta l'autopsia e - afferma Amoddio - alcune cose che si potevano accertare non furono accertate. Come emerso dalla perizia che ho disposto, e che è stata effettuata dall'ingegnera Grazia La Cava e dal commissario della polizia scientifica di Roma Federico Boffi, sul corpo di Emanuele c'erano lesioni non compatibili con la caduta ma con le percosse». 

MeridioNews è una testata registrata presso il tribunale di Catania n.18/2014
Direttora responsabile: Claudia Campese Editore Mediaplan Soc. Coop. Sociale
Riproduzione riservata

Viaggiare in Sicilia

Percorsi, itinerari e consigli per chi vuole viaggiare in Sicilia lontano dalle solite mete e dai circuiti turistici di massa

Giustizia per Emanuele Scieri

Il paracadutista siracusano è stato trovato morto nella caserma di Pisa nel 1999. Ora si cerca di ricostruire quanto successo

La mafia nel Siracusano

La provincia di Siracusa - soprattutto la parte Sud, tra Noto, Pachino e Avola - deve fare i conti con una criminalità organizzata che condiziona sempre più le attività economiche, a cominciare dall'agricoltura

Il sistema Montante

L'arresto di Antonello Montante ha scoperchiato un sistema di potere che tocca politica, forze dell'ordine, mafia e imprenditoria

Mario Ciancio e la mafia

Le indagini, la richiesta di archiviazione, il rigetto del giudice per le indagini preliminari e il proscioglimento. Tutte le tappe dell'avventura giudiziaria del direttore-editore del quotidiano etneo La Sicilia, imprenditore edilizio di opere pubbliche e private

Leggi tutti i Dossier

Segnala una notizia

Utilizzando questo form puoi segnalare le tue notizie alla redazione

Invia un tuo contributo

I campi contrassegnati con * sono obbligatori

×

Abbonati a MeridioNews
il primo mese è gratuito

Raccontiamo il tuo quotidiano

×

Dall'8 luglio per leggere su smartphone e tablet le notizie di MeridioNews chiediamo il tuo supporto. In cambio avrai accesso a tutti i contenuti, inclusi quelli speciali, senza pubblicità invasiva.