Edizioni MeridioNews

Edizioni MeridioNews

Edizione Sicilia

Migranti, iniziata l'identificazione dei profughi morti
Cadaveri recuperati da gommone con 150 persone

I corpi verranno sottoposti all'ispezione cadaverica alla presenza della polizia scientifica e del medico legale. Il riconoscimento sarà possibile grazie al contributo dei superstiti. Successivamente verranno seppelliti nei cimiteri del Ragusano. Guarda il video

Redazione

Sono iniziate a Pozzallo le operazioni per identificare i 29 cadaveri sbarcati ieri pomeriggio a bordo di una nave della guardia costiera. I corpi sono stati recuperati da un gommone insieme ad altre 150 persone. Il riconoscimento si baserà anche sui contributi dei superstiti e sarà svolto dalla squadra mobile e dalla polizia scientifica, coadiuvati dal medico legale e alla presenza della sostituta procuratrice Valentina Botti. Bisognerà attendere l'esito delle ispezioni cadaveriche e degli esami autoptici per stabilire le cause dei decessi. I cadaveri verranno poi seppelliti nei cimiteri del Ragusano.

Intanto sono stati individuati i tre scafisti che nei giorni scorsi avrebbero guidato altrettanti gommoni soccorsi al largo della Libia e i cui passeggeri sono sbarcati successivamente nel porto pozzallese. 

MeridioNews è una testata registrata presso il tribunale di Catania n.18/2014
Direttora responsabile: Claudia Campese Editore Mediaplan Soc. Coop. Sociale
Riproduzione riservata

Coronavirus, tutto quello che c'è da sapere

La cronaca, gli aggiornamenti, le disposizioni della Regione, le informazioni utili, gli effetti collaterali. Tutto quello che c'è da sapere sul nuovo virus, arrivato anche nell'Isola.

Il sistema Montante

L'arresto di Antonello Montante ha scoperchiato un sistema di potere che tocca politica, forze dell'ordine, mafia e imprenditoria

Giustizia per Emanuele Scieri

Il paracadutista siracusano è stato trovato morto nella caserma di Pisa nel 1999. Ora si cerca di ricostruire quanto successo

Infrastrutture, Sicilia spezzata

Frane, autostrade a una carreggiata, statali interrotte. Viaggio in uno dei principali fattori del mancato sviluppo della Sicilia

Mario Ciancio e la mafia

Le indagini, la richiesta di archiviazione, il rigetto del giudice per le indagini preliminari e il proscioglimento. Tutte le tappe dell'avventura giudiziaria del direttore-editore del quotidiano etneo La Sicilia, imprenditore edilizio di opere pubbliche e private

Leggi tutti i Dossier

Segnala una notizia

Utilizzando questo form puoi segnalare le tue notizie alla redazione

Invia un tuo contributo

I campi contrassegnati con * sono obbligatori

×

Abbonati a MeridioNews
il primo mese è gratuito

Raccontiamo il tuo quotidiano

×

Dall'8 luglio per leggere le notizie di MeridioNews chiediamo il tuo supporto. In cambio avrai accesso a tutti i contenuti, inclusi quelli speciali, senza pubblicità invasiva.

Disabilita AdBlock

Disabilita le estensioni "AdBlock" e ricarica la pagina per leggere MeridioNews