Edizioni MeridioNews

Edizioni MeridioNews

Edizione Sicilia

Caso Scieri, gli interrogatori dei tre indagati
Panella: «Io con la morte non c'entro niente»

L'ex caporale arrestato nei giorni scorsi per l'omicidio volontario del parà siracusano è stato sentito questa mattina. «Non è vero che volevo fuggire», avrebbe detto. Nel pomeriggio tocca ad Andrea Antico. Ieri Luigi Zabara si è avvalso della facoltà di non rispondere

Marta Silvestre

«Io con la morte di Scieri non c'entro niente e non è vero che volevo fuggire, ma semplicemente avevo programmato il rientro nel Paese dove vivo e lavoro». Sarebbe questo il contenuto della breve dichiarazione spontanea resa da Alessandro Panella, l'ex caporale arrestato nei giorni scorsi con l'accusa di omicidio volontario in concorso per la morte di Emanuele Scieri, avvenuta il 13 agosto 1999 nella caserma Gamerra di Pisa. 

È iniziato intorno alle 10 di questa mattina ed è durato più di un'ora in tutto il suo interrogatorio di garanzia davanti al giudice per le indagini preliminari Giulio Cesare Cipolletta. Panella, ai domiciliari nella casa di famiglia di Cerveteri in provincia di Roma, è arrivato al palazzo di giustizia in macchina insieme ai suoi avvocati Marco Meoli Tiziana Mannocci. Entrato in tribunale da un ingresso secondario, è andato via dopo circa un'ora e mezza, sempre in auto con i suoi difensori. Non è ancora chiaro, dunque, se Panella abbia risposto alle domande del gip anche perché niente trapela nemmeno dai suoi avvocati che, però, stanno preparando il ricorso al tribunale del Riesame per chiedere la revoca o l'attenuazione della misura cautelare dei domiciliari.

Nel pomeriggio in procura è fissato l'interrogatorio di uno degli altri indagati per omicidio volontario: Andrea Antico, 39enne originario di Casarano (in provincia di Lecce) sottufficiale dell'esercito tuttora in servizio presso il reggimento settimo Vega dell’esercito a Rimini e anche consigliere comunale (eletto nel 2016) in una lista civica a Montescudo-Monte Colombo, un piccolo comune del Riminese. Si è svolto, invece, ieri pomeriggio intorno alle 15, l'interrogatorio di Luigi Zabara, il 39enne romano ex commilitone di Scieri anche lui indagato per lo stesso reato. Arrivato in procura insieme al suo avvocato, si è avvalso della facoltà di non rispondere e ha chiesto gli atti del procedimento.

MeridioNews è una testata registrata presso il tribunale di Catania n.18/2014
Direttora responsabile: Claudia Campese Editore Mediaplan Soc. Coop. Sociale
Riproduzione riservata

Coronavirus, tutto quello che c'è da sapere

La cronaca, gli aggiornamenti, le disposizioni della Regione, le informazioni utili, gli effetti collaterali. Tutto quello che c'è da sapere sul nuovo virus, arrivato anche nell'Isola.

Il sistema Montante

L'arresto di Antonello Montante ha scoperchiato un sistema di potere che tocca politica, forze dell'ordine, mafia e imprenditoria

Giustizia per Emanuele Scieri

Il paracadutista siracusano è stato trovato morto nella caserma di Pisa nel 1999. Ora si cerca di ricostruire quanto successo

Infrastrutture, Sicilia spezzata

Frane, autostrade a una carreggiata, statali interrotte. Viaggio in uno dei principali fattori del mancato sviluppo della Sicilia

Mario Ciancio e la mafia

Le indagini, la richiesta di archiviazione, il rigetto del giudice per le indagini preliminari e il proscioglimento. Tutte le tappe dell'avventura giudiziaria del direttore-editore del quotidiano etneo La Sicilia, imprenditore edilizio di opere pubbliche e private

Leggi tutti i Dossier

Segnala una notizia

Utilizzando questo form puoi segnalare le tue notizie alla redazione

Invia un tuo contributo

I campi contrassegnati con * sono obbligatori

×

Abbonati a MeridioNews
il primo mese è gratuito

Raccontiamo il tuo quotidiano

×

Dall'8 luglio per leggere le notizie di MeridioNews chiediamo il tuo supporto. In cambio avrai accesso a tutti i contenuti, inclusi quelli speciali, senza pubblicità invasiva.

Disabilita AdBlock

Disabilita le estensioni "AdBlock" e ricarica la pagina per leggere MeridioNews