Foto di unictmagazine.unict.it

Le due ricercatrici che portano la scienza siciliana in finale nazionale: «Serve uscire dai laboratori»

Raccontare un fenomeno scientifico a un pubblico generalista con un talk di appena tre minuti. Questo è FameLab – Talking Science, una competizione tra ricercatori e ricercatrici ideata nel 2005 dal Cheltenham Science Festival. Per essere efficaci, per colpire la giuria e il pubblico, serve chiarezza, semplicità, umorismo (perché no) e una buona interazione con gli oggetti che si portano sul palco: il regolamento di questo contest di divulgazione scientifica, infatti, non permette di usare slide, immagini o le classiche video-presentazioni. Si sta sul palco – come nella stand up comedy – solo che si parla di chimica e di fisica, di biologia e di farmacia; e quindi di particelle, di atomi, di spazio, del corpo umano e di una serie di argomenti potenzialmente infiniti.

In questi 16 anni FameLab ha assunto una dimensione internazionale e dal 2012 anche l’Italia è tra i Paesi in cui si svolge la gara. Le città italiane che stanno partecipando all’edizione 2024 sono 12, con Catania unica rappresentante della Sicilia. Le tappe sono quattro: due all’interno della propria università – la pre-selezione e la selezione finale – poi c’è la finale nazionale, infine quella internazionale. Alla pre-selezione catanese – che si è svolta il 15 aprile – hanno partecipato dieci persone, otto sono quelle arrivate alla selezione finale, che si è disputata il 18 aprile. A vincere sono state Maria Gulisano e Rossella Santonocito. Il prossimo settembre le due scienziate catanesi dovranno affrontare altre 22 tra ricercatrici e ricercatori, per tentare di conquistare la finale di Cheltenham (in Inghilterra), che si terrà a novembre. Trent’anni la prima, 27 la seconda, Gulisano e Santonocito sono entrambe alla prima esperienza a FameLab.

Maria Gulisano è assegnista di ricerca in Biochimica generale al dipartimento di Scienze del farmaco e della salute. «Si pensa che chi fa ricerca stia sempre in laboratorio a fare esperimenti e a seguire protocolli – dice Gulisano a MeridioNews – invece parte del nostro lavoro si concentra sulla divulgazione scientifica, sia in alcuni eventi accademici sia in contesti come FameLab». Rossella Santonocito, invece, è dottoranda in Chimica al dipartimento di Scienze chimiche. «Ogni anno mi dicevo che volevo partecipare a FameLab, ma poi non lo facevo mai (ride, ndr). Quest’anno ho deciso di farlo, per gioco, per mettermi alla prova». Sul palco della finale catanese Gulisano ha portato il talk Il potere della leptina; la comunicazione tra adipociti e cervello. «Non pensavo di superare la pre-selezione», dice Gulisano, che nel suo talk ha spiegato cosa fa la leptina, cioè «l’ormone della sazietà, il messaggero che gli adipociti – cioè le cellule del grasso – mandano al cervello, così da dare il senso di sazietà, il segnale di stop al cibo».

Per spiegare questo meccanismo Maria Gulisano si è affidata quasi unicamente alla parola; solo alla fine del suo talk si è servita del suo cellulare, spiegando che la comunicazione tra grasso e cervello è «come quella che avviene tra due persone su WhatsApp». La comunicazione «è la chiave che serve a far funzionare bene ogni rapporto – ha detto Gulisano sul palco – Ma si sa che ogni tanto ci sono delle incomprensioni. E se ce ne sono tra grasso e cervello, si verifica la leptino-resistenza». Prendendo come esempi le doppie spunte e i messaggi ricevuti ma non visualizzati su WhatsApp, Gulisano ha spiegato che questi difetti di comunicazione si verificano in persone sovrappeso e diabetiche. Rossella Santonocito, invece, ha accompagnato il pubblico e la giuria dentro una «puntata di MasterChef». Solo che gli ingredienti per la sua ricetta sono stati «una lampada, delle soluzioni colorate e un filtro bianco». Questi elementi erano contenuti in una Mystery Box, che è anche il titolo del talk di Santonocito.

Nei tre minuti a sua disposizione Santonocito ha spiegato come funziona il cortisolo, cioè «l’ormone dello stress», mostrando sul palco anche un sensore portatile per monitorare proprio lo stress. Per allenarsi prima della gara Santonocito ha fatto «diverse prove con persone totalmente diverse». Si è esibita davanti alle persone con cui fa sport e a gente con formazioni diverse, ma «mi hanno ascoltata anche mia mamma, mia sorella, mio cognato e mio nipote di quattro anni». Per la pre-selezione Rossella Santonocito ha «scritto tre storie, ma grazie ai feedback di chi mi ha ascoltata ho capito subito quale funzionava di più». Perché obiettivo di FameLab è proprio questo: far arrivare un concetto scientifico ai non addetti ai lavori.

Sia Gulisano sia Santonocito hanno detto al nostro giornale che nel loro futuro vedono «la ricerca e l’insegnamento all’università». Ma non escludono che nelle loro carriere la divulgazione possa avere un ruolo. E se Santonocito è aperta alla possibilità – «nella vita mai dire ‘no’» – per Gulisano «è parte integrante del mio lavoro. In futuro farò in modo di prendere parte a tutte le iniziative di divulgazione scientifica in qualsiasi forma verranno proposte». Intanto nel futuro prossimo di entrambe c’è una masterclass formativa di FameLab, che si terrà a giugno, poi la finale nazionale di settembre e – incrociamo le dita – la finale internazionale di Cheltenham.


Dalla stessa categoria

Ricevi le notizie di MeridioNews su Whatsapp: iscriviti al canale

I più letti

Raccontare un fenomeno scientifico a un pubblico generalista con un talk di appena tre minuti. Questo è FameLab – Talking Science, una competizione tra ricercatori e ricercatrici ideata nel 2005 dal Cheltenham Science Festival. Per essere efficaci, per colpire la giuria e il pubblico, serve chiarezza, semplicità, umorismo (perché no) e una buona interazione con gli oggetti […]

Raccontare un fenomeno scientifico a un pubblico generalista con un talk di appena tre minuti. Questo è FameLab – Talking Science, una competizione tra ricercatori e ricercatrici ideata nel 2005 dal Cheltenham Science Festival. Per essere efficaci, per colpire la giuria e il pubblico, serve chiarezza, semplicità, umorismo (perché no) e una buona interazione con gli oggetti […]

Raccontare un fenomeno scientifico a un pubblico generalista con un talk di appena tre minuti. Questo è FameLab – Talking Science, una competizione tra ricercatori e ricercatrici ideata nel 2005 dal Cheltenham Science Festival. Per essere efficaci, per colpire la giuria e il pubblico, serve chiarezza, semplicità, umorismo (perché no) e una buona interazione con gli oggetti […]

Raccontare un fenomeno scientifico a un pubblico generalista con un talk di appena tre minuti. Questo è FameLab – Talking Science, una competizione tra ricercatori e ricercatrici ideata nel 2005 dal Cheltenham Science Festival. Per essere efficaci, per colpire la giuria e il pubblico, serve chiarezza, semplicità, umorismo (perché no) e una buona interazione con gli oggetti […]

Dal controllo della velocità alla segnalazione di un imminente pericolo. Sono gli Adas, i sistemi avanzati di assistenza alla guida che aumentano non solo la sicurezza, ma anche il comfort durante i viaggi in auto. Più o meno sofisticati, i principali strumenti Adas sono ormai di serie nelle auto più nuove, come quelle a noleggio. […]

Un aiuto concreto ai lavoratori per affrontare il carovita. Ma anche un modo per rendere più leggero il contributo fiscale delle aziende. Sono le novità introdotte dalla conversione in legge del cosiddetto decreto lavoro, tra cui figura una nuova soglia dell’esenzione fiscale dei fringe benefit per il 2023, portata fino a un massimo di 3mila euro. […]

Una festa di colori ha animato la mattinata della piazza centrale di Grammichele, in provincia di Catania. «Fai super la raccolta differenziata» è la frase sulle magliette – blu, rosse, verdi e gialle – di migliaia di studenti e studentesse delle scuole primarie e secondarie di primo e secondo grado del territorio del Calatino. Tutti […]

«Era come avere la zip del giubbotto chiusa sopra e aperta sotto: ecco, noi abbiamo voluto chiudere la zip di questo giubbotto». Indispensabile se si parla di Etna, dove fa sempre fresco. È nato così CraterExpress, la nuova proposta che permette di raggiungere la vetta del vulcano a partire dal centro di Catania, con quattro […]

Quannu è a siccu e quannu è a sacco (quando è troppo poco e quando è troppo). La Sicilia non ha moderazione. Si passa agevolemente, piroettando come ginnasti artistici sul cavallo con maniglie (dell’ammore), dalle mostre monstre di Manlio Messina a Cannes allo stand dell’assessorato ai Beni Culturali e all’Identità Siciliana al Salone del Libro […]

Dodici mesi, 52 settimane e 365 giorni (attenzione, il 2024 è bisestile e quindi avremo un giorno in più di cui lamentarci). Un tempo legato da un unico filo: l’inadeguatezza. Culturale, innanzitutto, ma anche materiale, davanti ai temi complessi, vecchi e nuovi. Difficoltà resa evidente dagli argomenti che hanno dominato il 2023 siciliano; su tutti, […]

Il seme del cambiamento. Timido, fragile e parecchio sporco di terra, ma è quello che pare stia attecchendo in questi ultimi mesi, dopo i più recenti episodi di violenza sulle donne. In principio, quest’estate, fu lo stupro di gruppo a Palermo. In questi giorni, il femminicidio di Giulia Cecchettin in Veneto. Due storie diverse – […]

Mai come in campagna elettorale si parla di turismo. Tornando da Palermo con gli occhi pieni dei metri di coda – moltiplicata per varie file di serpentina – per visitare la cappella Palatina e qualunque mostra appena un piano sotto, lo stato di musei e beni archeologici di Catania non può che suscitare una domanda: […]

Riforme che potrebbero essere epocali, in termini di ricaduta sulla gestione dei territori e nella vita dei cittadini, ma che sembrano frenate dalla passività della politica. Sembra serena ma pratica- e soprattutto, attendista – la posizione di Ignazio Abbate, parlamentare della Democrazia Cristiana Nuova chiamato a presiedere la commissione Affari istituzionali dell’Assemblea regionale siciliana. Quella […]

Dai rifiuti alla mobilità interna della Sicilia, che avrà una spinta grazie al ponte sullo Stretto. Ne è convinto Giuseppe Carta, deputato regionale in quota autonomisti, presidente della commissione Ambiente, territorio e mobilità all’Assemblea regionale siciliana. Tavolo di lavoro che ha in mano anche due leggi su temi particolarmente delicati: urbanistica e appalti. Con in […]

Dall’agricoltura alle soluzioni per il caro energia; dalle rinnovabili di difficile gestione pubblica allo sviluppo delle imprese bandiera del governo di Renato Schifani. Sono tanti, vari e non semplici i temi affidati alla commissione Attività produttive presieduta da Gaspare Vitrano. Deputato passato dal Pd a Forza Italia, tornato in questa legislatura dopo un lungo processo […]