Edizioni MeridioNews

Edizioni MeridioNews

Edizione Sicilia

Ravanusa, individuato punto di rottura della rete del gas
Procura: «Sotto la casa del professore Pietro Carmina»

Per il terzo giorno proseguono le operazioni per ricostruire cosa abbia provocato l'esplosione dell'11 dicembre dove hanno perso la vita nove persone. Il procuratore Luigi Patronaggio ha confermato che «si è creato un deposito di metano»

Redazione

L'esplosione dell'11 dicembre a Ravanusa sarebbe stata provocata da una rottura della rete del metano sotto l'abitazione del professore Pietro Carmina, una delle nove vittime della tragedia. È quanto emerge dalle operazione di scavo. «Dopo due giorni di operazioni peritali - ha spiegato il procuratore di Agrigento Luigi Patronaggio - i consulenti tecnici del pubblico ministero, insieme a quelli di Italgas, sotto la supervisione del procuratore aggiunto Salvatore Vella e con la partecipazione del collegio difensivo, hanno individuato, tramite delicati scavi meccanici, un punto esatto di rottura della rete di metano». Il punto individuato si trova al di sotto del manto stradale di via Trilussa, in prossimità dell'abitazione del professore Carmina

«Si ipotizza - ha aggiunto Patronaggio - una perdita di gas dalla rete di distribuzione del metano che ha creato un deposito accumulandosi nelle abitazioni limitrofe». Le operazioni tecniche con l'aiuto dei vigili del fuoco del comando provinciale di Agrigento, del nucleo investigativo antincendio e del gruppo movimento terra della direzione Sicilia, sono proseguite anche durante la giornata di oggi per il terzo giorno consecutivo. Nell'inchiesta della procura di Agrigento, che ipotizza i reati di disastro colposo e omicidio colposo plurimo, sono indagati - come atto dovuto - dieci dirigenti e tecnici di Italgas Reti ai quali nei giorni scorso è già stato notificato un avviso di garanzia

Il primo passaggio dei lavori è stato un test di tenuta della condotta, immettendo gas inerte e gas etilico che potrebbe segnalare la presenza di caduta nella conduttrice. Questo tipo di soluzione tecnica era stato suggerito dal collegio difensivo dei dieci indagati. I legali hanno partecipato alle operazioni insieme ai propri consulenti di parte. L'esplosione provocata da una fuga di gas ha causato il crollo di una palazzina e la devastazione di un intero quartiere: sotto le macerie rimasero intrappolate dodici persone, nove delle quali morirono (dieci se si conta anche il bambino portato in grembo da una delle vittime che sarebbe nato pochi giorni dopo). E, sin da subito, c'è stato chi ha parlato di una «strage annunciata».

Meridio rubriche

Leggi tutte le rubriche

MeridioNews è una testata registrata presso il tribunale di Catania n.18/2014
Direttora responsabile: Claudia Campese Editore RMB s.r.l.
Riproduzione riservata

Coronavirus, tutto quello che c'è da sapere

La cronaca, gli aggiornamenti, le disposizioni della Regione, le informazioni utili, gli effetti collaterali. Tutto quello che c'è da sapere sul nuovo virus, arrivato anche nell'Isola.

Il sistema Montante

L'arresto di Antonello Montante ha scoperchiato un sistema di potere che tocca politica, forze dell'ordine, mafia e imprenditoria

Giustizia per Emanuele Scieri

Il paracadutista siracusano è stato trovato morto nella caserma di Pisa nel 1999. Ora si cerca di ricostruire quanto successo

Elezioni comunali 2021 in Sicilia

Il 10 e 11 ottobre e il 24 e 25 ottobre 2021 in diversi Comuni siciliani si vota per le Amministrative. I cittadini saranno chiamati alle urne per scegliere nuovi sindaci e consiglieri comunali. Il percorso di avvicinamento al voto e i risultati degli scrutini

Mario Ciancio e la mafia

Le indagini, la richiesta di archiviazione, il rigetto del giudice per le indagini preliminari e il proscioglimento. Tutte le tappe dell'avventura giudiziaria del direttore-editore del quotidiano etneo La Sicilia, imprenditore edilizio di opere pubbliche e private

Leggi tutti i Dossier

Segnala una notizia

Utilizzando questo form puoi segnalare le tue notizie alla redazione

Invia un tuo contributo

I campi contrassegnati con * sono obbligatori

×