Edizioni MeridioNews

Edizioni MeridioNews

Edizione Sicilia

Denise Pipitone, chiesta l'archiviazione per Anna Corona
Piera Maggio: «Non finisce qui, mia figlia merita giustizia»

È questa la richiesta arrivata dalla procura di Marsala al giudice per le indagini preliminari sul caso della bambina scomparsa da Mazara del Vallo 17 anni fa. «Studieremo le oltre 4000 pagine prodotte in questi quattro mesi», dice l'avvocato Giacomo Frazzitta

Marta Silvestre

La procura di Marsala ha chiesto al gip l'archiviazione per Anna Corona, indagata per il sequestro e la sparizione di Denise Pipitone, la bambina scomparsa da Mazara del Vallo (in provincia di Trapani) l'1 settembre 2004 quando aveva quatto anni. Corona è l'ex moglie di Pietro Pulizzi, padre biologico di Denise, e la madre di Jessica, sorellastra di Denise processata e poi assolta per concorso nel sequestro della bambina. L'archiviazione è stata chiesta anche per Giuseppe Della Chiave. L'uomo è il nipote di Battista, il testimone sordo che aveva raccontato di averlo visto Denise su uno scooter lo stesso giorno della scomparsa. 

«Lunedì faremo la copia degli atti - ha dichiarato l'avvocato Giacomo Frazzitta che è il legale di Piera Maggio, la mamma di Denise - e avremo trenta giorni di tempo per studiare questa mole di documenti, oltre 4000 pagine che sono state prodotte in quattro mesi». Nell'ultimo periodo, infatti, sono riprese le indagini sul caso della bambina scomparsa 17 anni fa. «I magistrati hanno fatto tanta attività - ha aggiunto il legale - Per certi versi, é un segnale di attenzione sul caso. Io non ho dubbi sul procuratore capo e su chi collabora con lui. Valuteremo la possibilità di fare opposizione. Non per screditare ma nel rispetto del contraddittorio, potrebbe essere utile anche per la procura. Abbiamo fatto delle indagini difensive, le depositeremo anche noi. Se la scelta fosse quella dell'archiviazione, noi l'accetteremmo. Continueremo - ha concluso Frazzitta - con le nostre ricerche di Denise Pipitone».

«Sulla scelta della procura di Marsala non abbiamo nessun commento da fare, attenderemo di acquisire l'intero fascicolo per analizzarlo e prendere le decisioni che il codice di procedura prevede. Non finisce qui, Denise merita giustizia». È questo il commento che Piera Maggio e Pietro Pulizzi hanno affidato a un post su Facebook. Intanto, il 23 dicembre si aprirà il processo per false dichiarazioni al pubblico ministero a carico dell'zi, la magistrata che per prima indagò sulla scomparsa della bambina. Oggi giudice del lavoro a Sassari (in Sardegna), Angioni ha parlato in tv di depistaggi nell'inchiesta di 17 anni fa, di connivenze delle forze dell'ordine e di falle gravissime negli accertamenti. Le circostanze, però, non hanno trovato nessun riscontro. Per lo stesso reato sono indagati pure due turisti che hanno raccontato di avere visto Denise all'hotel Ruggero II (dove all'epoca lavorava Anna Corona) e di avere sentito la frase "Ma proprio qui la dovevi portare?". La procura ha accertato che questo racconto, arrivato a 17 anni di distanza, è falso.

Meridio rubriche

Leggi tutte le rubriche

MeridioNews è una testata registrata presso il tribunale di Catania n.18/2014
Direttora responsabile: Claudia Campese Editore RMB s.r.l.
Riproduzione riservata

Coronavirus, tutto quello che c'è da sapere

La cronaca, gli aggiornamenti, le disposizioni della Regione, le informazioni utili, gli effetti collaterali. Tutto quello che c'è da sapere sul nuovo virus, arrivato anche nell'Isola.

Elezioni comunali 2021 in Sicilia

Il 10 e 11 ottobre e il 24 e 25 ottobre 2021 in diversi Comuni siciliani si vota per le Amministrative. I cittadini saranno chiamati alle urne per scegliere nuovi sindaci e consiglieri comunali. Il percorso di avvicinamento al voto e i risultati degli scrutini

Giustizia per Emanuele Scieri

Il paracadutista siracusano è stato trovato morto nella caserma di Pisa nel 1999. Ora si cerca di ricostruire quanto successo

Il sistema Montante

L'arresto di Antonello Montante ha scoperchiato un sistema di potere che tocca politica, forze dell'ordine, mafia e imprenditoria

Mario Ciancio e la mafia

Le indagini, la richiesta di archiviazione, il rigetto del giudice per le indagini preliminari e il proscioglimento. Tutte le tappe dell'avventura giudiziaria del direttore-editore del quotidiano etneo La Sicilia, imprenditore edilizio di opere pubbliche e private

Leggi tutti i Dossier

Segnala una notizia

Utilizzando questo form puoi segnalare le tue notizie alla redazione

Invia un tuo contributo

I campi contrassegnati con * sono obbligatori

×