Edizioni MeridioNews

Edizioni MeridioNews

Edizione Sicilia

Denise Pipitone, l'avvocato partecipa a programma tv russo
Legale: «Per gli esiti degli esami bisogna aspettare domani»

È in corso in questo momento la registrazione della trasmissione che andrà in onda domani. A quel punto si saprà se Olesya Rostova è la bambina scomparsa da Mazara del Vallo nel 2004. «È una sceneggiata mediatica», dice l'ex pm che aveva seguito il caso

Marta Silvestre

«Ho appena ricevuto una mail dall'avvocato di Olesya Rostova che conferma la volontà di cooperazione con noi e accetta la richiesta di fornirci i risultati degli esami scientifici sulla ragazza». Dopo avere ricevuto questa comunicazione, ha deciso di partecipare alla registrazione del programma della tv russa l'avvocato Giacomo Frazzitta, il legale di Piera Maggio, la madre di Denise Pipitone, la bambina di quattro anni scomparsa da Mazara del Vallo (Trapani) nel settembre del 2004. 

Bisognerà aspettare domani (giorno della messa in onda della trasmissione пусть говорят, in italiano Lasciali parlare, che sarà registrata oggi pomeriggio) per avere i risultati degli esami del sangue che potranno dire se la ragazza 21enne che ha fatto un video-appello in tv per cercare la madre è Denise Pipitone. «L'esito - assicura l'avvocato - lo comunicheremo subito alla procura di Marsala che indaga sul caso», assicura l'avvocato che dalle 17 è in collegamento Skype con il programma del Primo canale russo. «Acquisiremo il dato dopo che la tv russa avrà trasmesso il programma», spiega Frazzitta che ieri aveva annunciato che non si sarebbe sottoposto a un «ricatto mediatico» e, quindi, non avrebbe partecipato alla trasmissione senza prima avere avuto i risultati degli esami. La programmazione era stata rimandata di 24 ore, ufficialmente per un impegno di Olesya Rostov

A 17 anni dalla scomparsa di Denise, a riaccendere le speranze è stata la somiglianza della 21enne con Piera Maggio e la coincidenza dell'età. La giovane ha raccontato di essere stata rapita da piccola e di avere vissuto, chiedendo l'elemosina, in un campo nomadi dove è stata poi trovata nel 2005 e trasferita in un orfanotrofio. La notizia è arrivata qui grazie a Helena, una infermiera di origine russa che vive e lavora in Italia da 20 anni, che l'ha segnalata alla trasmissione Chi l'ha visto? di Rai3. 

«La ragazza russa potrebbe essere Denise? Ma per carità. Non credo proprio. Sono convinto che sia tutta una sceneggiata mediatica della tv russa». Ne è convinto Alberto Di Pisa, l'ex procuratore di Marsala che chiese e ottenne il rinvio a giudizio della sorellastra della bambina scomparsa. «Di questi avvistamenti, anche con caratteristiche fisiche più pronunciate di questa giovane donna mostrata in tv, ne arrivavano a decine», dice Di Pisa. Alle segnalazioni, negli anni, sono seguiti anche esami del Dna. Tutto, però, si è sempre chiuso con l'archiviazione. «All'epoca - aggiunge Di Pisa - la nostra tesi era quella, che poi abbiamo portato a giudizio, che Jessica Pulizzi (la figlia maggiore del padre biologico della bimba, ndr) abbia sottratto la piccola e l'abbia consegnata ad altri. Ma è stata assolta sia in primo che in secondo grado». 

Meridio rubriche

Leggi tutte le rubriche

MeridioNews è una testata registrata presso il tribunale di Catania n.18/2014
Direttora responsabile: Claudia Campese Editore RMB s.r.l.
Riproduzione riservata

Coronavirus, tutto quello che c'è da sapere

La cronaca, gli aggiornamenti, le disposizioni della Regione, le informazioni utili, gli effetti collaterali. Tutto quello che c'è da sapere sul nuovo virus, arrivato anche nell'Isola.

Il sistema Montante

L'arresto di Antonello Montante ha scoperchiato un sistema di potere che tocca politica, forze dell'ordine, mafia e imprenditoria

Giustizia per Emanuele Scieri

Il paracadutista siracusano è stato trovato morto nella caserma di Pisa nel 1999. Ora si cerca di ricostruire quanto successo

Mario Ciancio e la mafia

Le indagini, la richiesta di archiviazione, il rigetto del giudice per le indagini preliminari e il proscioglimento. Tutte le tappe dell'avventura giudiziaria del direttore-editore del quotidiano etneo La Sicilia, imprenditore edilizio di opere pubbliche e private

Infrastrutture, Sicilia spezzata

Frane, autostrade a una carreggiata, statali interrotte. Viaggio in uno dei principali fattori del mancato sviluppo della Sicilia

Leggi tutti i Dossier

Segnala una notizia

Utilizzando questo form puoi segnalare le tue notizie alla redazione

Invia un tuo contributo

I campi contrassegnati con * sono obbligatori

×