Rimpasto di giunta: Schifani potrebbe scegliere di accontentare tutti senza accontentare nessuno

Nelle ultime ore si fanno sempre più insistenti le voci su possibili cambiamenti all’interno della giunta regionale. Fratelli d’Italia vorrebbe la testa di Mimmo Turano, che con la sua Lega non ha supportato il candidato del centrodestra unito – si fa per dire – a Trapani causandone la sconfitta. Un’onta mal digerita dai meloniani, che avevano trovato in Maurizio Miceli un candidato di partito e un’ulteriore medaglia da esibire alla fine di una fortunata tornata elettorale. Sul capo di Giovanna Volo, assessora alla Salute, invece, pesa da settimane persino una mozione di sfiducia, presentata all’Assemblea regionale dai gruppi di Cateno De Luca. E che dire dei rapporti sempre più tesi tra lo stesso Schifani e Marco Falcone? I nomi sulla graticola sono comunque tanti e come al solito, la palla avvelenata è nelle mani del mediatore Schifani.

Qualcuno aveva fissato la deadline entro cui muovere le pedine a palazzo d’Orleans a dopo le Amministrative, qualcun altro a dopo l’estate. In realtà, prende sempre più corpo la possibilità che l’ex presidente del Senato possa decidere di accontentare tutti, ma senza accontentare nessuno. In che modo? Scegliendo di lasciare tutto così com’è. Da parte sua, tanti sono gli alibi di Turano, che dichiara di avere dato il suo personale appoggio a Miceli su Trapani. E difficile è smentirlo fino in fondo: d’altra parte, i suoi uomini di riferimento sul territorio vantano pur sempre un’autonomia propria e non è un caso che molti non abbiano seguito l’assessore nella trasmigrazione da Udc a Lega. Di certo non lo hanno fatto gli assessori uscenti di Giacomo Tranchida, sindaco rieletto, che hanno ripresentato la stessa lista – nel nome e nel logo – con cui avevano sostenuto il primo cittadino cinque anni prima, una scelta che tecnicamente non si può imputare a Turano, difeso anche dall’uomo forte della Lega alla Regione, Luca Sammartino, vice di Schifani, che ha invitato tutti a una riflessione.

Riflessione che non può prescindere dal fatto che in tanti dei 128 Comuni al voto il centrodestra non sia andato compatto, spesso preferendo le sirene di Cateno De Luca per apparentamenti neanche troppo improbabili. E riflessione che a questo punto dovrebbe riguardare anche gli altri assessori regionali, non tanto per un fatto di obbedienza politica, quanto per una questione strettamente legata ai risultati: si guardi per esempio all’accoppiata di Fratelli d’Italia Scarpinato-Amata, rispettivamente ai Beni culturali e al Turismo. Dei due assessori in questi mesi ci si ricorda più per l’imbarazzo dell’affaire Cannes, che ha portato Schifani a decidere di scambiarli di posto. Una valutazione che potrebbe essere estesa a gran parte della giunta, in cui il cuffariano Andrea Messina e il meloniano Alessandro Aricò sembrano al momento gli unici a poter dormire sonni tranquilli.

E Mentre Marco Falcone, assessore al Bilancio, di fatto commissariato dal consulente speciale Armao, può giocarsi la carta del buon risultato elettorale dei suoi – visto che pare essere cosa che conta di questi tempi – persino su Giovanna Volo le valutazioni potrebbero essere cambiate. Da quando è entrato in azione al suo fianco l’ex europarlamentare Salvatore Iacolino, alla guida del dipartimento di Pianificazione, gli imbarazzi e i lunghi silenzi dell’assessora si sono sciolti e l’assessorato adesso cammina in maniera più spedita. Da qui, anche da qui, la possibile soluzione del “tutti responsabili nessun responsabile“, con il presidente della Regione che potrebbe decidere di andare avanti con la sua squadra nata subito dopo l’elezione. Oppure di stravolgere tutto, accontentando comunque tutti e allo stesso tempo scontentandoli.


Dalla stessa categoria

Ricevi le notizie di MeridioNews su Whatsapp: iscriviti al canale

I più letti

Nelle ultime ore si fanno sempre più insistenti le voci su possibili cambiamenti all’interno della giunta regionale. Fratelli d’Italia vorrebbe la testa di Mimmo Turano, che con la sua Lega non ha supportato il candidato del centrodestra unito – si fa per dire – a Trapani causandone la sconfitta. Un’onta mal digerita dai meloniani, che […]

Dal controllo della velocità alla segnalazione di un imminente pericolo. Sono gli Adas, i sistemi avanzati di assistenza alla guida che aumentano non solo la sicurezza, ma anche il comfort durante i viaggi in auto. Più o meno sofisticati, i principali strumenti Adas sono ormai di serie nelle auto più nuove, come quelle a noleggio. […]

Un aiuto concreto ai lavoratori per affrontare il carovita. Ma anche un modo per rendere più leggero il contributo fiscale delle aziende. Sono le novità introdotte dalla conversione in legge del cosiddetto decreto lavoro, tra cui figura una nuova soglia dell’esenzione fiscale dei fringe benefit per il 2023, portata fino a un massimo di 3mila euro. […]

Una festa di colori ha animato la mattinata della piazza centrale di Grammichele, in provincia di Catania. «Fai super la raccolta differenziata» è la frase sulle magliette – blu, rosse, verdi e gialle – di migliaia di studenti e studentesse delle scuole primarie e secondarie di primo e secondo grado del territorio del Calatino. Tutti […]

«Era come avere la zip del giubbotto chiusa sopra e aperta sotto: ecco, noi abbiamo voluto chiudere la zip di questo giubbotto». Indispensabile se si parla di Etna, dove fa sempre fresco. È nato così CraterExpress, la nuova proposta che permette di raggiungere la vetta del vulcano a partire dal centro di Catania, con quattro […]

Quannu è a siccu e quannu è a sacco (quando è troppo poco e quando è troppo). La Sicilia non ha moderazione. Si passa agevolemente, piroettando come ginnasti artistici sul cavallo con maniglie (dell’ammore), dalle mostre monstre di Manlio Messina a Cannes allo stand dell’assessorato ai Beni Culturali e all’Identità Siciliana al Salone del Libro […]

Dodici mesi, 52 settimane e 365 giorni (attenzione, il 2024 è bisestile e quindi avremo un giorno in più di cui lamentarci). Un tempo legato da un unico filo: l’inadeguatezza. Culturale, innanzitutto, ma anche materiale, davanti ai temi complessi, vecchi e nuovi. Difficoltà resa evidente dagli argomenti che hanno dominato il 2023 siciliano; su tutti, […]

Il seme del cambiamento. Timido, fragile e parecchio sporco di terra, ma è quello che pare stia attecchendo in questi ultimi mesi, dopo i più recenti episodi di violenza sulle donne. In principio, quest’estate, fu lo stupro di gruppo a Palermo. In questi giorni, il femminicidio di Giulia Cecchettin in Veneto. Due storie diverse – […]

Mai come in campagna elettorale si parla di turismo. Tornando da Palermo con gli occhi pieni dei metri di coda – moltiplicata per varie file di serpentina – per visitare la cappella Palatina e qualunque mostra appena un piano sotto, lo stato di musei e beni archeologici di Catania non può che suscitare una domanda: […]

Riforme che potrebbero essere epocali, in termini di ricaduta sulla gestione dei territori e nella vita dei cittadini, ma che sembrano frenate dalla passività della politica. Sembra serena ma pratica- e soprattutto, attendista – la posizione di Ignazio Abbate, parlamentare della Democrazia Cristiana Nuova chiamato a presiedere la commissione Affari istituzionali dell’Assemblea regionale siciliana. Quella […]

Dai rifiuti alla mobilità interna della Sicilia, che avrà una spinta grazie al ponte sullo Stretto. Ne è convinto Giuseppe Carta, deputato regionale in quota autonomisti, presidente della commissione Ambiente, territorio e mobilità all’Assemblea regionale siciliana. Tavolo di lavoro che ha in mano anche due leggi su temi particolarmente delicati: urbanistica e appalti. Con in […]

Dall’agricoltura alle soluzioni per il caro energia; dalle rinnovabili di difficile gestione pubblica allo sviluppo delle imprese bandiera del governo di Renato Schifani. Sono tanti, vari e non semplici i temi affidati alla commissione Attività produttive presieduta da Gaspare Vitrano. Deputato passato dal Pd a Forza Italia, tornato in questa legislatura dopo un lungo processo […]