Il nodo-consulenze del Centrodestra e la soluzione geniale di Schifani

In Sicilia se si parla di consulenze esterne alla Regione il primo nome a saltare in mente è quello di Rosario Crocetta. Mai nessuno prima di lui ha conferito così tanti incarichi fuori dal palazzo e i suoi numeri restano ancora imbattuti. E se il governo Musumeci era stato attento, pur non risparmiandosi, a non esagerare, negli ultimi giorni è tornato in auge il tema consulenze tanto alla Regione quanto al Comune di Palermo. Da una parte, sul versante di palazzo d’Orleans, spicca tra gli atti pubblici il ritorno del figliol prodigo Gaetano Armao, assessore al Bilancio di Nello Musumeci, candidato alla presidenza della Regione con il Terzo polo di Calenda e Renzi. Non solo si riavvicina a Forza Italia una volta venuto a mancare il suo più grande oppositore, Gianfranco Miccichè, ma torna anche a fare quello che ha sempre fatto: rappresentare la Sicilia nei tavoli con il governo nazionale per cercare di veicolare sull’Isola fondi extraregionali. Il tutto giocoforza a spese di Marco Falcone, assessore di ruolo, che paga con un notevole depotenziamento una Finanziaria martoriata in lungo e in largo dalla Corte dei conti che, giusto ieri, ha colpito persino la revisione di Bilancio.

Tolta questa consulenza, dal sapore strettamente politico, così come politica è gran parte della nuova squadra di consulenti, a voler fare le pulci ai consulenti di questo governo si fa veramente difficoltà. Non tanto per la gestione virtuosa, quanto per la soluzione geniale a cui si è pervenuti in quel di palazzo d’Orleans, sui cui siti istituzionali vengono pubblicate una per una in ordine cronologico tutte le determine e le disposizioni, sì. Ma le pagine relative agli elenchi dei consulenti esterni, con debita documentazione e compensi non sono più state aggiornate. Così, chiunque voglia controllare l’operato della giunta, sotto questo punto di vista, troverà come ultimi incarichi esterni solo quelli attribuibili al governo Musumeci, con la pagina dedicata alle consulenze dell’ufficio di presidenza che riporta un impietoso «ultimo aggiornamento 11.04.2022». E dire che, proprio per evitare questo, esiste un apposito decreto – il 33 del 2013 – che al suo articolo 15 obbliga l’amministrazione a rendere conto sull’apposita pagina Amministrazione trasparente del sito istituzionale.

E dire che il centrodestra ha sempre avuto una gestione piuttosto fantasiosa delle consulenze: basti pensare all’ultima polemica nata in seno al Comune di Palermo, con l’Amat, società partecipata al cento per cento da palazzo delle Aquile, che incarica la società Focus consulting di Napoli per «avviare l’iter per l’ottenimento della certificazione per la parità di genere». In sostanza, volendo semplificare molto, stabilire quanti dipendenti sono uomini e quante donne. Il tutto per 5000 euro circa, con una società, l’Amat che nei primi tre mesi del 2023 ha certificato perdite per quasi un milione e mezzo di euro. Decisione forse discutibile, ma che in ogni caso è sicura di arrivare seconda nella speciale classifica delle stranezze, dopo la squadra istituita dall’allora sindaco di Palermo Diego Cammarata, anche lui Centrodestra, con l’onere di censire i tombini del capoluogo, che a oggi resta imbattuta.


Dalla stessa categoria

Ricevi le notizie di MeridioNews su Whatsapp: iscriviti al canale

I più letti

Dal controllo della velocità alla segnalazione di un imminente pericolo. Sono gli Adas, i sistemi avanzati di assistenza alla guida che aumentano non solo la sicurezza, ma anche il comfort durante i viaggi in auto. Più o meno sofisticati, i principali strumenti Adas sono ormai di serie nelle auto più nuove, come quelle a noleggio. […]

Un aiuto concreto ai lavoratori per affrontare il carovita. Ma anche un modo per rendere più leggero il contributo fiscale delle aziende. Sono le novità introdotte dalla conversione in legge del cosiddetto decreto lavoro, tra cui figura una nuova soglia dell’esenzione fiscale dei fringe benefit per il 2023, portata fino a un massimo di 3mila euro. […]

Il potere dell’app, la mossa del cestino, il colpo del calendario, lo scudo del numero verde e la forza del centro di raccolta. Sono questi i superpoteri che Kalat Ambiente Srr fornisce a tutti i cittadini per arrivare all’obiettivo di una corretta modalità di conferimento dei rifiuti e di decoro ambientale. «Supereroi da prendere a […]

«Era come avere la zip del giubbotto chiusa sopra e aperta sotto: ecco, noi abbiamo voluto chiudere la zip di questo giubbotto». Indispensabile se si parla di Etna, dove fa sempre fresco. È nato così CraterExpress, la nuova proposta che permette di raggiungere la vetta del vulcano a partire dal centro di Catania, con quattro […]

Dodici mesi, 52 settimane e 365 giorni (attenzione, il 2024 è bisestile e quindi avremo un giorno in più di cui lamentarci). Un tempo legato da un unico filo: l’inadeguatezza. Culturale, innanzitutto, ma anche materiale, davanti ai temi complessi, vecchi e nuovi. Difficoltà resa evidente dagli argomenti che hanno dominato il 2023 siciliano; su tutti, […]

Il seme del cambiamento. Timido, fragile e parecchio sporco di terra, ma è quello che pare stia attecchendo in questi ultimi mesi, dopo i più recenti episodi di violenza sulle donne. In principio, quest’estate, fu lo stupro di gruppo a Palermo. In questi giorni, il femminicidio di Giulia Cecchettin in Veneto. Due storie diverse – […]

Mai come in campagna elettorale si parla di turismo. Tornando da Palermo con gli occhi pieni dei metri di coda – moltiplicata per varie file di serpentina – per visitare la cappella Palatina e qualunque mostra appena un piano sotto, lo stato di musei e beni archeologici di Catania non può che suscitare una domanda: […]

Riforme che potrebbero essere epocali, in termini di ricaduta sulla gestione dei territori e nella vita dei cittadini, ma che sembrano frenate dalla passività della politica. Sembra serena ma pratica- e soprattutto, attendista – la posizione di Ignazio Abbate, parlamentare della Democrazia Cristiana Nuova chiamato a presiedere la commissione Affari istituzionali dell’Assemblea regionale siciliana. Quella […]

Dai rifiuti alla mobilità interna della Sicilia, che avrà una spinta grazie al ponte sullo Stretto. Ne è convinto Giuseppe Carta, deputato regionale in quota autonomisti, presidente della commissione Ambiente, territorio e mobilità all’Assemblea regionale siciliana. Tavolo di lavoro che ha in mano anche due leggi su temi particolarmente delicati: urbanistica e appalti. Con in […]

Dall’agricoltura alle soluzioni per il caro energia; dalle rinnovabili di difficile gestione pubblica allo sviluppo delle imprese bandiera del governo di Renato Schifani. Sono tanti, vari e non semplici i temi affidati alla commissione Attività produttive presieduta da Gaspare Vitrano. Deputato passato dal Pd a Forza Italia, tornato in questa legislatura dopo un lungo processo […]