Le amministrative a Trapani e quel risultato che fa litigare sia destra che sinistra

In campagna elettorale i big lo dicono sempre: «Le Comunali sono diverse da ogni altro tipo di elezione, saltano gli schemi». Sembra una frase fatta, ma mai come questa volta questo assunto ha creato problemi ai palazzi palermitani e di riflesso a quelli romani. D’altra parte, quando si parla di elezioni amministrative, Trapani trova sempre il modo di calamitare il centro dell’attenzione. Non poteva fare eccezione questa tornata elettorale, dove, seppure non ci siano stati grandi colpi di scena rispetto a quanto successo negli scorsi anni nel capoluogo più occidentale dell’Isola, il risultato sta scatenando malumori all’interno della politica regionale a tutte le latitudini.

Ha vinto al primo turno il sindaco uscente Giacomo Tranchida. Risultato netto, con il 5,22 per cento di vantaggio su Maurizio Miceli, un distacco più che sufficiente, visto che Tranchida ha infranto il muro del 40 per cento delle preferenze, necessario per evitare il ballottaggio. È stato più volte detto della diatriba che ha visto l’assessore regionale Mimmo Turano sostenere insieme ai suoi fedelissimi, tutti targati Lega, Tranchida, che pure partiva con una coalizione civica sbilanciata a centrosinistra. Un sostegno che aveva generato malumori, persino nel grande mediatore Renato Schifani, che è arrivato a considerare a rischio anche la posizione in giunta di Turano, che pure non ha fatto passi indietro.

Alla fine il danno, se così lo si vuole chiamare, è stato grosso: la lista in cui sono confluiti i leghisti di Turano è stata la più votata del pacchetto di Tranchida, con l’8,72 per cento delle preferenze. Un dato che, inutile dirlo, ha fatto la differenza, con una percentuale di voti che, anche se fosse stata dimezzata, avrebbe potuto sancire, se non la vittoria, quanto meno il ballottaggio per il candidato del centrodestra (quasi) unito, il già citato Maurizio Miceli. Fonti vicine all’ambiente del centrodestra palermitano parlano di confronti tutt’altro che pacifici con i vertici Fratelli d’Italia in particolare intenzionati a chiedere la testa dell’assessore alle Attività produttive per la sua mancanza di gioco di squadra. A fare muro, tuttavia, avrebbe pensato Luca Sammartino, vicepresidente e uomo forte della Lega alla Regione, che ha ricordato ai colleghi che le analisi devono essere fatte a tutto campo, non su un solo dato particolare.

E in effetti, allargando il punto di vista, Turano e i suoi hanno peccato di coerenza, decidendo di proseguire un percorso, quello con Tranchida, che dura fin dalla scorsa legislatura, quando hanno di fatto governato al fianco del rieletto sindaco trapanese. D’altra parte, emerge anche lo scarso contributo dei partiti con simbolo nazionale dalla parte di Miceli, con Forza Italia che prima riesce a presentare una lista sul filo del rasoio – dopo non poche difficoltà – e poi non supera lo sbarramento. Impresa riuscita soltanto ad Autonomisti e Fratelli d’Italia, che comunque hanno portato molta meno acqua al mulino di Miceli della lista civica che lo sosteneva – Amo Trapani – la più votata in assoluto tra tutte le liste in campo, anche più di quella di Turano. Un dettaglio che non può certo passare inosservato.

Ma se Sparta piange, Atene certo non ride. L’exploit della lista che ospitava i leghisti ha adombrato persino l’unico risultato propizio per il centrosinistra e per il Partito democratico in particolare. Il Pd aveva scelto di non schierare il simbolo in questo caso, presentando la lista civica I democratici, che per nome e grafica non lasciava troppo spazio all’immaginazione. Lista che avrà il suo spazio a Palazzo d’Alì, ma che ha passato lo sbarramento con affanno, grazie a un salvifico 0,1 per cento. Di certo una performance non paragonabile con quella di Amo Trapani, che di fatto delegittima la vittoria Dem, che provano non poche difficoltà a intestarsi un sindaco che hanno sostenuto ed eletto, ma da comprimari. Insomma, a Trapani a cantare vittoria è solo Giacomo Tranchida, con buona pace dei giochi di partito. Per i partiti, quelli di palazzo dei Normanni, invece, comincia il lungo tempo dei ragionamenti interni.


Dalla stessa categoria

I più letti

Dal controllo della velocità alla segnalazione di un imminente pericolo. Sono gli Adas, i sistemi avanzati di assistenza alla guida che aumentano non solo la sicurezza, ma anche il comfort durante i viaggi in auto. Più o meno sofisticati, i principali strumenti Adas sono ormai di serie nelle auto più nuove, come quelle a noleggio. […]

Un aiuto concreto ai lavoratori per affrontare il carovita. Ma anche un modo per rendere più leggero il contributo fiscale delle aziende. Sono le novità introdotte dalla conversione in legge del cosiddetto decreto lavoro, tra cui figura una nuova soglia dell’esenzione fiscale dei fringe benefit per il 2023, portata fino a un massimo di 3mila euro. […]

Bottiglie in plastica del latte che diventano dei colorati maialini-salvadanaio. Ricostruzioni di templi greci che danno nuova vita al cartone pressato di un rivestimento protettivo. Ma anche soluzioni originali di design, come una lampada composta da dischi di pvc, un grande orologio da parete in stile anni ’70 in polistirolo e due sedie perfettamente funzionanti […]

«Era come avere la zip del giubbotto chiusa sopra e aperta sotto: ecco, noi abbiamo voluto chiudere la zip di questo giubbotto». Indispensabile se si parla di Etna, dove fa sempre fresco. È nato così CraterExpress, la nuova proposta che permette di raggiungere la vetta del vulcano a partire dal centro di Catania, con quattro […]

Dodici mesi, 52 settimane e 365 giorni (attenzione, il 2024 è bisestile e quindi avremo un giorno in più di cui lamentarci). Un tempo legato da un unico filo: l’inadeguatezza. Culturale, innanzitutto, ma anche materiale, davanti ai temi complessi, vecchi e nuovi. Difficoltà resa evidente dagli argomenti che hanno dominato il 2023 siciliano; su tutti, […]

Il seme del cambiamento. Timido, fragile e parecchio sporco di terra, ma è quello che pare stia attecchendo in questi ultimi mesi, dopo i più recenti episodi di violenza sulle donne. In principio, quest’estate, fu lo stupro di gruppo a Palermo. In questi giorni, il femminicidio di Giulia Cecchettin in Veneto. Due storie diverse – […]

Mai come in campagna elettorale si parla di turismo. Tornando da Palermo con gli occhi pieni dei metri di coda – moltiplicata per varie file di serpentina – per visitare la cappella Palatina e qualunque mostra appena un piano sotto, lo stato di musei e beni archeologici di Catania non può che suscitare una domanda: […]

Riforme che potrebbero essere epocali, in termini di ricaduta sulla gestione dei territori e nella vita dei cittadini, ma che sembrano frenate dalla passività della politica. Sembra serena ma pratica- e soprattutto, attendista – la posizione di Ignazio Abbate, parlamentare della Democrazia Cristiana Nuova chiamato a presiedere la commissione Affari istituzionali dell’Assemblea regionale siciliana. Quella […]

Dai rifiuti alla mobilità interna della Sicilia, che avrà una spinta grazie al ponte sullo Stretto. Ne è convinto Giuseppe Carta, deputato regionale in quota autonomisti, presidente della commissione Ambiente, territorio e mobilità all’Assemblea regionale siciliana. Tavolo di lavoro che ha in mano anche due leggi su temi particolarmente delicati: urbanistica e appalti. Con in […]

Dall’agricoltura alle soluzioni per il caro energia; dalle rinnovabili di difficile gestione pubblica allo sviluppo delle imprese bandiera del governo di Renato Schifani. Sono tanti, vari e non semplici i temi affidati alla commissione Attività produttive presieduta da Gaspare Vitrano. Deputato passato dal Pd a Forza Italia, tornato in questa legislatura dopo un lungo processo […]