Minacce a MeridioNews: in aula Pandetta e Zeta. «Quando dissi “Vi spacco la testa” intendevo in senso musicale»

«Siete delle merde? Uno sfogo verso tutti i giornalisti. Quel giorno ero un po’ nervoso», «Vi spacco la testa? Intendevo musicalmente». Ammissioni, giustificazioni e qualche «non ricordo», hanno caratterizzato l’ultima udienza del processo per diffamazione e minacce in cui sono imputati i cantanti neomelodici Filippo Zuccaro – noto come Andrea Zeta – e Vincenzo Niko Pandetta. Entrambi sono finiti alla sbarra per la reazione alla pubblicazione, da parte di questa testata, del reportage Catania canta come Napoli. Un video risalente al 3 gennaio 2018, consultabile nell’archivio online, in cui si raccontava il panorama della scena musicale neomelodica a Catania. Nel lavoro venivano citate le parentele dei due cantanti: Pandetta è nipote del capomafia Turi Cappello, a cui ha intitolato il brano Dedicato a te, mentre Zeta è figlio di Maurizio Zuccaro, boss dei Santapaola-Ercolano. Dopo la pubblicazione del video i due cantanti presero di mira la cronista Luisa Santangelo e la testata MeridioNews, nella persona della direttrice del quotidiano Claudia Campese. Insulti e minacce rimarcati con messaggi privati e durante una diretta Facebook.

In aula, dopo l’udienza dello scorso novembre in cui sono state sentite le parti offese, è toccato ai due imputati rispondere alle domande di avvocati, presidente e pm. Pantaloni Gucci, maglia Stone Island e occhiali da vista, Pandetta è stato portato in udienza da due agenti della polizia penitenziaria. Il cantante al momento sta infatti scontando una condanna definitiva per spaccio di droga. «Siete delle merde? L’ho detto, ma era uno sfogo di un’artista rivolto in generale a tutti i giornalisti», spiega ai legali delle giornaliste, Sergio Ziccone per Campese e Goffredo D’Antona per Santangelo. «Le mie non erano minacce, io intendevo in senso legale», continua Pandetta che però, come sottolineato dallo stesso imputato, non ha mai querelato MeridioNews. «Non ricordo di avere detto di volere “scippare la testa” – continua – Forse era una cosa detta in generale». «Loro hanno fatto un servizio senza essere autorizzati da me – conclude – E mi sono sentito offeso perché offesero la mia famiglia di sangue».

Subito dopo è toccato a Zeta. «Io non ho insultato – sostiene – Diciamo che l’ho presa un po’ male». Poche ore dopo la pubblicazione del reportage, il cantante aveva contattato il quotidiano attraverso messaggi: «Spero di non incontrarvi mai, tanto riconosco i vostri volti tramite Facebook» oltre all’invito ad aprire «un hot club, così le porcate le fate lì». «Vi sputerei in faccia? È un modo di dire, l’ho pensato e l’ho detto», spiega in aula, aggiungendo anche che la frase «Vi spacco la testa era da intendere in senso musicale». «L’hot club? Una cosa stupida, detta così. Poi io comunque mi sono scusato perché sono una persona intelligente», conclude. Rigettata, invece, la richiesta degli avvocati dei due cantanti – Salvo Centorbi per Zuccaro e Maria Chiaramonte per Pandetta – di sentire un secondo agente della polizia postale che ha condotto gli accertamenti sul carteggio online. Prima dei cantanti c’era già stata la testimonianza dell’assistente Raffaele Marco Caltabiano che si è occupato di redigere l’annotazione di servizio sui profili Facebook utilizzati per inviare messaggi alla redazione.

Alcuni momenti della giornata in aula di Pandetta sono finiti immortalati con video e foto (anche all’interno dell’aula) poi pubblicati sul suo profilo Instagram. Prima dell’udienza chi cura la pagina social aveva annunciato la presenza del cantante nel capoluogo etneo: «Domani mattina Niko si troverà presso il tribunale di Catania per un processo». Ad attenderlo c’erano la mamma, il fratello e un amico di vecchia data. A processo concluso, Pandetta è stato immortalato in una foto all’esterno dell’ex pretura di via Francesco Crispi, pubblicata in una storia con la scritta «Chi non commenta è complice dello Stato». In contemporanea, un video dall’alto – anche questo pubblicato su Instagram – fissa il momento dei saluti con la madre. Infine, un breve filmato in aula e la foto di Pandetta seduto a testimoniare, con una scritta a corredo: «Fate bene a temere una mia sovraesposizione mediatica – si legge – In natura vince il più forte, vi battiamo anche con le mani incatenate. Il tempo è galantuomo e mette tutto a posto e la guerra la vince chi sa aspettare».


Dalla stessa categoria

Ricevi le notizie di MeridioNews su Whatsapp: iscriviti al canale

I più letti

«Siete delle merde? Uno sfogo verso tutti i giornalisti. Quel giorno ero un po’ nervoso», «Vi spacco la testa? Intendevo musicalmente». Ammissioni, giustificazioni e qualche «non ricordo», hanno caratterizzato l’ultima udienza del processo per diffamazione e minacce in cui sono imputati i cantanti neomelodici Filippo Zuccaro – noto come Andrea Zeta – e Vincenzo Niko […]

«Siete delle merde? Uno sfogo verso tutti i giornalisti. Quel giorno ero un po’ nervoso», «Vi spacco la testa? Intendevo musicalmente». Ammissioni, giustificazioni e qualche «non ricordo», hanno caratterizzato l’ultima udienza del processo per diffamazione e minacce in cui sono imputati i cantanti neomelodici Filippo Zuccaro – noto come Andrea Zeta – e Vincenzo Niko […]

«Siete delle merde? Uno sfogo verso tutti i giornalisti. Quel giorno ero un po’ nervoso», «Vi spacco la testa? Intendevo musicalmente». Ammissioni, giustificazioni e qualche «non ricordo», hanno caratterizzato l’ultima udienza del processo per diffamazione e minacce in cui sono imputati i cantanti neomelodici Filippo Zuccaro – noto come Andrea Zeta – e Vincenzo Niko […]

«Siete delle merde? Uno sfogo verso tutti i giornalisti. Quel giorno ero un po’ nervoso», «Vi spacco la testa? Intendevo musicalmente». Ammissioni, giustificazioni e qualche «non ricordo», hanno caratterizzato l’ultima udienza del processo per diffamazione e minacce in cui sono imputati i cantanti neomelodici Filippo Zuccaro – noto come Andrea Zeta – e Vincenzo Niko […]

Dal controllo della velocità alla segnalazione di un imminente pericolo. Sono gli Adas, i sistemi avanzati di assistenza alla guida che aumentano non solo la sicurezza, ma anche il comfort durante i viaggi in auto. Più o meno sofisticati, i principali strumenti Adas sono ormai di serie nelle auto più nuove, come quelle a noleggio. […]

Un aiuto concreto ai lavoratori per affrontare il carovita. Ma anche un modo per rendere più leggero il contributo fiscale delle aziende. Sono le novità introdotte dalla conversione in legge del cosiddetto decreto lavoro, tra cui figura una nuova soglia dell’esenzione fiscale dei fringe benefit per il 2023, portata fino a un massimo di 3mila euro. […]

Il potere dell’app, la mossa del cestino, il colpo del calendario, lo scudo del numero verde e la forza del centro di raccolta. Sono questi i superpoteri che Kalat Ambiente Srr fornisce a tutti i cittadini per arrivare all’obiettivo di una corretta modalità di conferimento dei rifiuti e di decoro ambientale. «Supereroi da prendere a […]

«Era come avere la zip del giubbotto chiusa sopra e aperta sotto: ecco, noi abbiamo voluto chiudere la zip di questo giubbotto». Indispensabile se si parla di Etna, dove fa sempre fresco. È nato così CraterExpress, la nuova proposta che permette di raggiungere la vetta del vulcano a partire dal centro di Catania, con quattro […]

Dodici mesi, 52 settimane e 365 giorni (attenzione, il 2024 è bisestile e quindi avremo un giorno in più di cui lamentarci). Un tempo legato da un unico filo: l’inadeguatezza. Culturale, innanzitutto, ma anche materiale, davanti ai temi complessi, vecchi e nuovi. Difficoltà resa evidente dagli argomenti che hanno dominato il 2023 siciliano; su tutti, […]

Il seme del cambiamento. Timido, fragile e parecchio sporco di terra, ma è quello che pare stia attecchendo in questi ultimi mesi, dopo i più recenti episodi di violenza sulle donne. In principio, quest’estate, fu lo stupro di gruppo a Palermo. In questi giorni, il femminicidio di Giulia Cecchettin in Veneto. Due storie diverse – […]

Mai come in campagna elettorale si parla di turismo. Tornando da Palermo con gli occhi pieni dei metri di coda – moltiplicata per varie file di serpentina – per visitare la cappella Palatina e qualunque mostra appena un piano sotto, lo stato di musei e beni archeologici di Catania non può che suscitare una domanda: […]

Riforme che potrebbero essere epocali, in termini di ricaduta sulla gestione dei territori e nella vita dei cittadini, ma che sembrano frenate dalla passività della politica. Sembra serena ma pratica- e soprattutto, attendista – la posizione di Ignazio Abbate, parlamentare della Democrazia Cristiana Nuova chiamato a presiedere la commissione Affari istituzionali dell’Assemblea regionale siciliana. Quella […]

Dai rifiuti alla mobilità interna della Sicilia, che avrà una spinta grazie al ponte sullo Stretto. Ne è convinto Giuseppe Carta, deputato regionale in quota autonomisti, presidente della commissione Ambiente, territorio e mobilità all’Assemblea regionale siciliana. Tavolo di lavoro che ha in mano anche due leggi su temi particolarmente delicati: urbanistica e appalti. Con in […]

Dall’agricoltura alle soluzioni per il caro energia; dalle rinnovabili di difficile gestione pubblica allo sviluppo delle imprese bandiera del governo di Renato Schifani. Sono tanti, vari e non semplici i temi affidati alla commissione Attività produttive presieduta da Gaspare Vitrano. Deputato passato dal Pd a Forza Italia, tornato in questa legislatura dopo un lungo processo […]