La lettera-appello di Niko Pandetta dal carcere: «Sciopero della fame per avere i miei diritti da detenuto»

«Non ce la faccio più. Sono a sciopero della fame». Sembrano lontani i tempi in cui il neomelodico catanese poi passato al trap Niko Pandetta cantava «maresciallo non mi prendi» nella sua hit Pistole nella Fendi che gli è valsa due dischi d’oro. Da tre mesi, il cantante nipote del sanguinario capomafia al 41bis Turi Cappello, si trova detenuto nel carcere di Opera, a Milano. La sentenza di condanna a quattro anni per spaccio di droga, nell’ambito dell’operazione Double track da cui era venuto fuori il suo profilo di pusher di cocaina dai domiciliari in via Plebiscito, è diventata definitiva dopo che la Cassazione ha dichiarato il ricorso inammissibile. Dicitura che poi è diventata il titolo dell’album che è uscito quando lui era dietro le sbarre da appena qualche giorno. Ed è da lì che Pandetta – all’anagrafe Vincenzo – ha scritto di suo pugno una lettera in stampatello. Un foglio che 16 ore fa è stato pubblicato come storia sul suo profilo Instagram che conta oltre 770mila follower. Una missiva che ha i toni di un appello.

«Con la direttrice (della casa circondariale, ndr) ci ho parlato una sola volta – scrive Pandetta dopo avere ricostruito la prima settimana passata in carcere tra isolamento e sezione tossicodipendenti – La sua priorità è stata chiamarmi a colloquio non a capire le mie problematiche da detenuto. Ci ha tenuto però – sostiene – a umiliarmi come persona e come artista. Dall’alto della sua ostentata superiorità, ha giudicato me e la mia musica e mi ha fatto capire che non siamo tutti uguali». Insomma, stando alle accuse del cantante diventato celebre per avere dedicato la sua prima canzone allo zio boss ergastolano, la direttrice avrebbe gusti musicali che non incontrano il suo stile. Pandetta lamenta di non avere la possibilità di fare colloqui o telefonate. Ma è lui stesso, qualche riga dopo, a raccontare il motivo per cui sarebbero state sospese le videochiamate. «Per uno screenshot fatto in videochiamata su WhatsApp da un’altra persona, pubblicato su TikTok e diventato virale, mi hanno sospeso le videochiamate e fatto rapporto e denuncia».

Dopo avere annunciato l’inizio dello sciopero della fame, Pandetta fa appello «ai fan, ai colleghi artisti e a tutti quelli che mi vogliono bene» per fare in modo che «vengano rispettati i miei diritti di detenuto». Per concludere la lettera anche una chiusa a effetto: «Fatemi pagare per i miei sbagli (reati) – con la parentesi che non lascia dubbi ai lettori – e non per la mia musica». Del resto, de gustibus. Intanto, qualche mese fa, Pandetta è finito tra gli indagati della rissa con sparatoria – in cui due persone sono rimaste ferite – avvenuta ad aprile davanti all’Ecs Dogana, la discoteca nella zona del porto di Catania. Insieme al suo collega  Andrea Zeta – al secolo Filippo Zuccaro, figlio del boss ergastolano Maurizio Zuccaro – inoltre, Pandetta è ancora a processo per le minacce a MeridioNews.


Dalla stessa categoria

Ricevi le notizie di MeridioNews su Whatsapp: iscriviti al canale

I più letti

Dal controllo della velocità alla segnalazione di un imminente pericolo. Sono gli Adas, i sistemi avanzati di assistenza alla guida che aumentano non solo la sicurezza, ma anche il comfort durante i viaggi in auto. Più o meno sofisticati, i principali strumenti Adas sono ormai di serie nelle auto più nuove, come quelle a noleggio. […]

Un aiuto concreto ai lavoratori per affrontare il carovita. Ma anche un modo per rendere più leggero il contributo fiscale delle aziende. Sono le novità introdotte dalla conversione in legge del cosiddetto decreto lavoro, tra cui figura una nuova soglia dell’esenzione fiscale dei fringe benefit per il 2023, portata fino a un massimo di 3mila euro. […]

Circa due tonnellate. È la quantità di rifiuti raccolta da oltre tremila studenti e studentesse di undici Comuni del territorio del Calatino durante le giornate di plogging organizzate da Kalat Ambiente Srr. «L’obiettivo del nostro campionato – spiegano dall’ente che si occupa di pianificazione, programmazione e affidamento della gestione del ciclo integrato dei rifiuti – […]

«Era come avere la zip del giubbotto chiusa sopra e aperta sotto: ecco, noi abbiamo voluto chiudere la zip di questo giubbotto». Indispensabile se si parla di Etna, dove fa sempre fresco. È nato così CraterExpress, la nuova proposta che permette di raggiungere la vetta del vulcano a partire dal centro di Catania, con quattro […]

Ma non si parlava, tipo, di turismo sostenibile, eco bio qualcosa? No perché mi pareva di avere sentito che eravate diventati sensibili alla questione ambientale e che vi piaceva, tipo, andare nella natura, immergervi nella ruralità, preoccuparvi dell’apocalisse solare. Probabilmente avrò capito male.Qui, nel sudest siculo, fino a non molto tempo fa, ricordo un turismo […]

Dodici mesi, 52 settimane e 365 giorni (attenzione, il 2024 è bisestile e quindi avremo un giorno in più di cui lamentarci). Un tempo legato da un unico filo: l’inadeguatezza. Culturale, innanzitutto, ma anche materiale, davanti ai temi complessi, vecchi e nuovi. Difficoltà resa evidente dagli argomenti che hanno dominato il 2023 siciliano; su tutti, […]

Il seme del cambiamento. Timido, fragile e parecchio sporco di terra, ma è quello che pare stia attecchendo in questi ultimi mesi, dopo i più recenti episodi di violenza sulle donne. In principio, quest’estate, fu lo stupro di gruppo a Palermo. In questi giorni, il femminicidio di Giulia Cecchettin in Veneto. Due storie diverse – […]

Mai come in campagna elettorale si parla di turismo. Tornando da Palermo con gli occhi pieni dei metri di coda – moltiplicata per varie file di serpentina – per visitare la cappella Palatina e qualunque mostra appena un piano sotto, lo stato di musei e beni archeologici di Catania non può che suscitare una domanda: […]

Riforme che potrebbero essere epocali, in termini di ricaduta sulla gestione dei territori e nella vita dei cittadini, ma che sembrano frenate dalla passività della politica. Sembra serena ma pratica- e soprattutto, attendista – la posizione di Ignazio Abbate, parlamentare della Democrazia Cristiana Nuova chiamato a presiedere la commissione Affari istituzionali dell’Assemblea regionale siciliana. Quella […]

Dai rifiuti alla mobilità interna della Sicilia, che avrà una spinta grazie al ponte sullo Stretto. Ne è convinto Giuseppe Carta, deputato regionale in quota autonomisti, presidente della commissione Ambiente, territorio e mobilità all’Assemblea regionale siciliana. Tavolo di lavoro che ha in mano anche due leggi su temi particolarmente delicati: urbanistica e appalti. Con in […]

Dall’agricoltura alle soluzioni per il caro energia; dalle rinnovabili di difficile gestione pubblica allo sviluppo delle imprese bandiera del governo di Renato Schifani. Sono tanti, vari e non semplici i temi affidati alla commissione Attività produttive presieduta da Gaspare Vitrano. Deputato passato dal Pd a Forza Italia, tornato in questa legislatura dopo un lungo processo […]