Minacce a MeridioNews, giornaliste sentite davanti a giudice Alla sbarra i due neomelodici Andrea Zeta e Niko Pandetta

Entra nel vivo il processo per minacce e diffamazione che vede alla sbarra i cantanti neomelodici Vincenzo Niko Pandetta e Filippo Zuccaro, conosciuto con il nome d’arte di Andrea Zeta. Dopo l’apertura del dibattimento e un rinvio, avvenuto nell’udienza del 13 maggio scorso, è toccato alle parti offese comparire davanti alla giudice. In un’aula dell’ex pretura di via Francesco Crispi la direttrice di MeridioNews Claudia Campese e la cronista Luisa Santangelo hanno ripercorso quanto accaduto dopo la pubblicazione su questa testata del reportage Catania canta come Napoli. Il video, che risale al 3 gennaio 2018 ed è consultabile nell’archivio, raccontava il panorama della musica neomelodica a Catania. Nel lavoro venivano citate le parentele dei due cantanti: Pandetta è nipote del capomafia ergastolano Turi Cappello, mentre Zeta è figlio di Maurizio Zuccaro, sanguinario boss della famiglia di Cosa nostra dei Santapaola-Ercolano. 

Subito dopo la pubblicazione, i due neomelodici inviavano messaggi testuali e audio vocali alla redazione di MeridioNews e alla cronista Santangelo: «Avete sbagliato a fare i nostri nomi e della nostra famiglia senza il nostro permesso». Testi carichi di insulti e minacce, poi rimarcate durante una diretta Facebook trasmessa da Pandetta. Tutto materiale che le giornaliste hanno allegato alla denuncia presentata nell’immediatezza dei fatti alla polizia postale di Catania. Nella diretta Pandetta etichettò i giornalisti come «pezzi di merda» specificando che «la famiglia è venuta offesa». 

Dopo le domande iniziali per ripercorrere la vicenda, formulate dalla vice procuratore onorario Laura Verga e degli avvocati delle giornaliste – Sergio Ziccone per Campese e Goffredo D’Antona per Santangelo – è toccato ai legali dei due neomelodici: Salvo Centorbi per Zuccaro e Maria Chiaramonte per Pandetta. «Avete dato la possibilità a Zuccaro di essere ospitato sul giornale dopo la pubblicazione?», chiede il legale alla direttrice di MeridioNews. «Ai suoi insulti abbiamo risposto con un messaggio a mia firma inviato tramite la fan page del quotidiano online – spiega la giornalista – Lo invitavo ad abbassare i toni oltre a sottolineare la possibilità, che vige per tutti, dal professionista all’uomo della strada, di pubblicare una sua eventuale replica». Il risultato fu però una serie di messaggi audio «inviati con il profilo dal nome Andrea Z privato» con cui il cantante insisteva negli insulti.  «Tramite uno dei messaggi mi invitava ad aprire un hot club – spiega Campese – “Così le porcate le fate lì”. Parole che ho trovato particolarmente fastidiose perché chiaramente riferite al mio essere una professionista, una donna».

A raccontare quei giorni di tensione e la preoccupazione per il proprio volto esibito sui social ai fan dei due cantanti con l’invito a condividere è stata la cronista Santangelo. «Durante la diretta di Pandetta, raccontarono di conoscere mio padre e, pur sbagliando sulla mia storia familiare, indicarono una via effettivamente molto vicina a casa mia», spiega la giornalista. Circostanze confermate dalla direttrice. «Ma se era preoccupata delle minacce, perché non ha rimosso il video?», chiede l’avvocata Chiaramonte. «Sono una giornalista, davanti alle minacce non posso andare incontro a chi le fa rimuovendone la causa. Abbiamo fatto quello che si doveva fare: denunciare», risponde la direttrice.

Il giorno dopo la pubblicazione del servizio, gli animi non si erano ancora calmati. «In alcuni messaggi, Zeta minacciava di far segnalare la pagina di MeridioNews dalle sue migliaia di fan per farla bloccare da Facebook», continua Campese sottolineando gli eventuali danni che avrebbe prodotto un gesto simile. «Una modalità per esprimere l’apprezzamento della pagina? Uno strumento democratico?», chiede Centorbi. «Per quello esistono i like. Le segnalazione hanno il compito di bloccare le pagine in cui compaiono contenuti sensibili, razzismo e incitazione alla violenza», la risposta della direttrice. Nel caso di Pandetta i toni sostanzialmente sono rimasti gli stessi anche a distanza di mesi. «Nel 2019 fece un post in cui ci insultava per la pubblicazione di un articolo. Andrea Zeta? Lui si è poi eclissato, ma c’è da dire che ha avuto altro a cui pensare dopo l’arresto che ha subito (misura cautelare nell’ambito dell’operazione Zeta della procura di Catania, ndr)».


Dalla stessa categoria

Ricevi le notizie di MeridioNews su Whatsapp: iscriviti al canale

I più letti

Dal controllo della velocità alla segnalazione di un imminente pericolo. Sono gli Adas, i sistemi avanzati di assistenza alla guida che aumentano non solo la sicurezza, ma anche il comfort durante i viaggi in auto. Più o meno sofisticati, i principali strumenti Adas sono ormai di serie nelle auto più nuove, come quelle a noleggio. […]

Un aiuto concreto ai lavoratori per affrontare il carovita. Ma anche un modo per rendere più leggero il contributo fiscale delle aziende. Sono le novità introdotte dalla conversione in legge del cosiddetto decreto lavoro, tra cui figura una nuova soglia dell’esenzione fiscale dei fringe benefit per il 2023, portata fino a un massimo di 3mila euro. […]

«Era come avere la zip del giubbotto chiusa sopra e aperta sotto: ecco, noi abbiamo voluto chiudere la zip di questo giubbotto». Indispensabile se si parla di Etna, dove fa sempre fresco. È nato così CraterExpress, la nuova proposta che permette di raggiungere la vetta del vulcano a partire dal centro di Catania, con quattro […]

Ma non si parlava, tipo, di turismo sostenibile, eco bio qualcosa? No perché mi pareva di avere sentito che eravate diventati sensibili alla questione ambientale e che vi piaceva, tipo, andare nella natura, immergervi nella ruralità, preoccuparvi dell’apocalisse solare. Probabilmente avrò capito male.Qui, nel sudest siculo, fino a non molto tempo fa, ricordo un turismo […]

Dodici mesi, 52 settimane e 365 giorni (attenzione, il 2024 è bisestile e quindi avremo un giorno in più di cui lamentarci). Un tempo legato da un unico filo: l’inadeguatezza. Culturale, innanzitutto, ma anche materiale, davanti ai temi complessi, vecchi e nuovi. Difficoltà resa evidente dagli argomenti che hanno dominato il 2023 siciliano; su tutti, […]

Il seme del cambiamento. Timido, fragile e parecchio sporco di terra, ma è quello che pare stia attecchendo in questi ultimi mesi, dopo i più recenti episodi di violenza sulle donne. In principio, quest’estate, fu lo stupro di gruppo a Palermo. In questi giorni, il femminicidio di Giulia Cecchettin in Veneto. Due storie diverse – […]

Mai come in campagna elettorale si parla di turismo. Tornando da Palermo con gli occhi pieni dei metri di coda – moltiplicata per varie file di serpentina – per visitare la cappella Palatina e qualunque mostra appena un piano sotto, lo stato di musei e beni archeologici di Catania non può che suscitare una domanda: […]

Riforme che potrebbero essere epocali, in termini di ricaduta sulla gestione dei territori e nella vita dei cittadini, ma che sembrano frenate dalla passività della politica. Sembra serena ma pratica- e soprattutto, attendista – la posizione di Ignazio Abbate, parlamentare della Democrazia Cristiana Nuova chiamato a presiedere la commissione Affari istituzionali dell’Assemblea regionale siciliana. Quella […]

Dai rifiuti alla mobilità interna della Sicilia, che avrà una spinta grazie al ponte sullo Stretto. Ne è convinto Giuseppe Carta, deputato regionale in quota autonomisti, presidente della commissione Ambiente, territorio e mobilità all’Assemblea regionale siciliana. Tavolo di lavoro che ha in mano anche due leggi su temi particolarmente delicati: urbanistica e appalti. Con in […]

Dall’agricoltura alle soluzioni per il caro energia; dalle rinnovabili di difficile gestione pubblica allo sviluppo delle imprese bandiera del governo di Renato Schifani. Sono tanti, vari e non semplici i temi affidati alla commissione Attività produttive presieduta da Gaspare Vitrano. Deputato passato dal Pd a Forza Italia, tornato in questa legislatura dopo un lungo processo […]