Così parlò (con risentimento) Matteo Messina Denaro: «Chiunque mi vuole bene, mi avete distrutto una famiglia»

È il 7 luglio del 2023 quando Matteo Messina Denaro, arrestato sei mesi prima e consapevole di non avere ancora molto da vivere (morirà poco più di due mesi dopo), decide di aprire uno spiraglio rispondendo alle domande del procuratore aggiunto di Palermo Paolo Guido che lo invita a contribuire a «ricostruire dei pezzetti di verità» precisando che non si tratta di un invito al pentimento. Le sue parole vengono messe nero su bianco in un verbale depositato oggi nel corso dell’udienza preliminare per Laura Bonafede, l’insegnante storica amante del boss di Castelvetrano. «Non sono interessato – risponde l’ormai ex primula rossa di Cosa nostra – Poi, nella vita, mai dire mai: non sono stato mai un assolutista, nel senso che non è che perché dico una cosa sarà sempre quella. Ho cambiato idea tante volte, però – aggiunge – con delle basi solide». Messina Denaro, consapevole di essere «alla fine della mia vita», ribadisce comunque di non essere «il tipo di persona che vengo da lei e mi metto a parlare dell’omicidio per rovinare X o Y», spiega ai magistrati in un’alternanza di piccole aperture e chiusure nette.

«A me mi sembra un poco riduttivo dire che a Falcone lo hanno ucciso per la sentenza del maxi processo – sostiene Messina Denaro – Se poi voi siete convinti di ciò, ben venga, sono fatti vostri. Ma la base di partenza non è questa». Il boss lascia intendere, insomma, che ci sarebbero altre verità ancora da scoprire sulla strage di Capaci senza spiegare oltre ma mettendo in dubbio anche le dichiarazioni rese da alcuni collaboratori di giustizia. «Quello che sto dicendo è verità. Tutti questi pentiti hanno detto qualche pezzo di verità, ma ognuno ha portato acqua al suo mulino». Un accenno poi Messina Denaro lo fa pure sulla strage di via D’Amelio e sul depistaggio delle indagini sull’attentato in cui perse la vita Paolo Borsellino. «Perché vi siete fermati a La Barbera che era all’apice di qualcosa», dice riferendosi all’ex poliziotto ritenuto la mente dell’inquinamento dell’inchiesta che ha portato alla condanna di innocenti. «Se fosse vivo, ci sareste arrivati ​​o vi sareste fermati un gradino prima?», chiede Messina Denaro ai pubblici ministeri. 

Catturato il 16 gennaio del 2023 nella clinica privata La Maddalena di Palermo, Messina Denaro aveva già dichiarato: «Mi avete preso per la malattia, non mi pentirò mai». Torna a ribadirlo anche in questa occasione mentre è ancora detenuto in regime di 41bis nel carcere di massima sicurezza de L’Aquila, ma andando oltre: «Con la mente ho ricostruito tutto come è stato il discorso, so che non c’è stato nessun traditore. La mattina che mi hanno arrestato, la prima cosa che uno pensa è che qualcuno ha tradito. È stato tradito Gesù Cristo. Poi il colonnello mi ha detto: “Le assicuro che non l’ha tradito nessuno”». In un primo momento, Messina Denaro non gli crede. Poi ogni dubbio di tradimento svanisce. «Ho letto le carte e mi sono fatto pure una logica. Mi avete preso per la malattia o per un errore mio: dirlo a mia sorella (Rosalia, a casa della quale fu trovato il pizzino nascosto nel bracciolo di una sedia da cui partirono le indagini, ndr). Perché gliel’ho detto? Non volevo farmi trovare morto e nessuno in famiglia sapeva niente».

Andando avanti nell’interrogatorio, Messina Denaro torna a parlare di sé come aveva già fatto in altre occasioni. «Sono, diciamo tra virgolette, un mafioso per come mi considera voi, un poco anomalo. Non mi sono inimicato nessuno nel territorio, intendo il mio paese. Chiunque mi vuole bene. Lei stamattina pensava di trovare un Rambo, invece non ha trovato niente», dice il boss con un tono dimesso e affaticato dall’aggravamento della malattia. «Io sono sempre stato, in quello che voi ritenete mafiosità, una garanzia per tutti. Non ho mai rubato niente a nessuno, non ho mai cercato di prevaricare nel mio ambiente né in ascese di potere né per soldi». E a proposito del denaro trovato a casa della sorella spiega che «mi serviva per mantenermi. Erano soldi di famiglia, ovviamente se mia madre mi poteva aiutare mi aiutava. Non ho mai chiesto estorsioni a nessuno, non ho mai fatto traffici di droga e nemmeno rapine».

Una latitanza lunga trent’anni quella di Matteo Messina Denaro. «Che vita facevo a Palermo? Libero come quella di Campobello», dice il boss assimilando un periodo palermitano a quello trascorso nella cittadina del Trapanese dove ha passato gran parte della latitanza e dove sono stati trovati i covi. «Le mie amicizie erano dovunque», aggiunge parlando ai magistrati a cui racconta anche che tra il 2006 e il 2009 nel centro del capoluogo ha pure fatto dei tatuaggi ed è stato in cura da un dentista. «Non ho mai distinto tra ricchi e poveri, – prosegue – Se dovevo frequentare una persona povera, non ci andavo col Rolex per una forma di educazione. Se, invece, ero per i fatti miei con persone come me non avevo problemi, cioè non avevo quella forma di annacamento (vanto, ndr). Non volevo dimostrare niente».

E un ultimo pensiero di Messina Denaro va ai parenti. È per le indagini nei loro confronti che si lamenta con i magistrati: «Io ho una famiglia rovinata. Ma, alla fin fine, quale colpa ho avuto io? Posso avere colpe personali: impiccatemi, datemi tutti gli ergastoli che volete; ma che la mia famiglia sta pagando da una vita questo tipo di rapporto con me, perché mi viene sorella o mi viene fratello…». Questo no, proprio non riesce ad accettarlo e lo dichiara anche davanti ai pubblici ministeri che lo interrogano. «Io so soltanto una cosa. Non sto facendo nessun atto di accusa, però mi avete distrutto una famiglia, rasa al suolo. Ci sono dei sistemi che non vanno, lasciamo stare le condanne. Ora sento dire di case distrutte. Perché mia mamma che è latitante o mafiosa? Lei… la legge, lo Stato gli ha distrutto la casa, i mobili fatti a pezzettini. Volete trovare un dialogo, quando ci sono questi comportamenti?», dice mostrando un evidente risentimento.


Dalla stessa categoria

I più letti

Il noleggio a lungo termine conviene. Lo sanno le aziende e i liberi professionisti e, ormai, si tratta di una scelta sempre più condivisa anche dai privati. A volte, però, a frenarci può essere il dubbio di non trovare l’auto giusta per noi. Quella con le caratteristiche necessarie a renderci la vita più facile e […]

Un aiuto concreto ai lavoratori per affrontare il carovita. Ma anche un modo per rendere più leggero il contributo fiscale delle aziende. Sono le novità introdotte dalla conversione in legge del cosiddetto decreto lavoro, tra cui figura una nuova soglia dell’esenzione fiscale dei fringe benefit per il 2023, portata fino a un massimo di 3mila euro. […]

Bottiglie in plastica del latte che diventano dei colorati maialini-salvadanaio. Ricostruzioni di templi greci che danno nuova vita al cartone pressato di un rivestimento protettivo. Ma anche soluzioni originali di design, come una lampada composta da dischi di pvc, un grande orologio da parete in stile anni ’70 in polistirolo e due sedie perfettamente funzionanti […]

«Era come avere la zip del giubbotto chiusa sopra e aperta sotto: ecco, noi abbiamo voluto chiudere la zip di questo giubbotto». Indispensabile se si parla di Etna, dove fa sempre fresco. È nato così CraterExpress, la nuova proposta che permette di raggiungere la vetta del vulcano a partire dal centro di Catania, con quattro […]

Dodici mesi, 52 settimane e 365 giorni (attenzione, il 2024 è bisestile e quindi avremo un giorno in più di cui lamentarci). Un tempo legato da un unico filo: l’inadeguatezza. Culturale, innanzitutto, ma anche materiale, davanti ai temi complessi, vecchi e nuovi. Difficoltà resa evidente dagli argomenti che hanno dominato il 2023 siciliano; su tutti, […]

Il seme del cambiamento. Timido, fragile e parecchio sporco di terra, ma è quello che pare stia attecchendo in questi ultimi mesi, dopo i più recenti episodi di violenza sulle donne. In principio, quest’estate, fu lo stupro di gruppo a Palermo. In questi giorni, il femminicidio di Giulia Cecchettin in Veneto. Due storie diverse – […]

Mai come in campagna elettorale si parla di turismo. Tornando da Palermo con gli occhi pieni dei metri di coda – moltiplicata per varie file di serpentina – per visitare la cappella Palatina e qualunque mostra appena un piano sotto, lo stato di musei e beni archeologici di Catania non può che suscitare una domanda: […]

Riforme che potrebbero essere epocali, in termini di ricaduta sulla gestione dei territori e nella vita dei cittadini, ma che sembrano frenate dalla passività della politica. Sembra serena ma pratica- e soprattutto, attendista – la posizione di Ignazio Abbate, parlamentare della Democrazia Cristiana Nuova chiamato a presiedere la commissione Affari istituzionali dell’Assemblea regionale siciliana. Quella […]

Dai rifiuti alla mobilità interna della Sicilia, che avrà una spinta grazie al ponte sullo Stretto. Ne è convinto Giuseppe Carta, deputato regionale in quota autonomisti, presidente della commissione Ambiente, territorio e mobilità all’Assemblea regionale siciliana. Tavolo di lavoro che ha in mano anche due leggi su temi particolarmente delicati: urbanistica e appalti. Con in […]

Dall’agricoltura alle soluzioni per il caro energia; dalle rinnovabili di difficile gestione pubblica allo sviluppo delle imprese bandiera del governo di Renato Schifani. Sono tanti, vari e non semplici i temi affidati alla commissione Attività produttive presieduta da Gaspare Vitrano. Deputato passato dal Pd a Forza Italia, tornato in questa legislatura dopo un lungo processo […]