Messina Denaro, arrestata la maestra Laura Bonafede: «Rapporto quasi familiare con il boss»

Prima indagata, poi sospesa dalla scuola Capuana-Pardo di Castelvetrano dove insegnava – con il caso finito anche sul tavolo del ministero dell’Istruzione e del Merito – questa notte Laura Bonafede è stata arrestata e portata in carcere. La donna, figlia dello storico boss di Campobello di Mazara Leonardo Bonafede, è accusata di favoreggiamento e procurata inosservanza di pena aggravati dall’avere agevolato Cosa nostra. In particolare, di avere fatto parte della rete di complici che ha protetto Matteo Messina Denaro durante la sua trentennale latitanza. Stando a quanto emerso dalle indagini, coordinate procuratore di Palermo Maurizio de Lucia, dall’aggiunto Paolo Guido e dal pubblico ministero della Direzione distrettuale antimafia Gianluca de Leo, la donna avrebbe avuto una relazione sentimentale con il boss stragista.

«Laura Bonafede, dopo avere conosciuto Matteo Messina Denaro nel 1997 – quando era già latitante insieme al padre Francesco -, ha instaurato uno stabile rapporto quasi familiare coinvolgente anche la figlia Martina Gentile (indagata, ndr) – scrive il gip Alfredo Montalto nell’ordinanza di custodia cautelare che ha disposto il carcere per la maestra – durato dal 2007 sino al dicembre 2017 quando venne necessariamente interrotto a seguito di un’importante operazione di polizia, per poi riprendere, appena calmatesi le acque negli ultimi anni sino all’arresto del latitante». Secondo quanto è stato ricostruito finora, la donna sarebbe stata legata al boss «da un pluridecennale rapporto ed aveva, in molteplici occasioni, condiviso con lui spazi di intimità familiare, a volte in compagnia della figlia tanto che i tre si definivano “una famiglia“». I due, secondo quanto scritto dalla stessa Bonafede in una lettera trovata dai carabinieri del Ros nell’ultimo covo di Messina Denaro, si sono conosciuti 26 anni fa: «Ho chiesto di venirvi a trovare e mi è stato concesso. Non c’era motivo di quella visita ma forse si doveva aprire un capitolo e così fu. La vita è strana, fa dei giri incredibili e poi ti porta dove vuole lei». 

C’è un’immagine catturata dalle telecamere di sicurezza dell’ultimo incontro tra Matteo Messina Denaro e Laura Bonafede: sono all’interno di un supermercato a Campobello di Mazara, lei spinge un piccolo carrello di plastica rosso, i due si incrociano davanti al banco della salumeria e lì si fermano a parlare. Erano due giorni prima dell’arresto avvenuto il 16 gennaio nella clinica privata palermitana La Maddalena. Sarebbe stata lei, negli ultimi anni, a provvedere alle sue necessità, a fare la spesa soprattutto nel periodo della pandemia in cui Messina Denaro avrebbe avuto timore di essere contagiato dal Covid. Con lui, Bonafede avrebbe anche condiviso un linguaggio cifrato per tutelare l’identità di altri protagonisti della rete di protezione. Cugina del geometra Andrea Bonafede – l’uomo che ha prestato l’identità al boss – e cugina anche del dipendente comunale Andrea Bonafede, che avrebbe provveduto a fargli avere le ricette mediche necessarie alle terapie da affrontare per le cure del cancro. Stesso grado di parentela anche con Emanuele Bonafede, uno dei vivandieri del padrino arrestato insieme alla moglie Lorena Lanceri, che Messina Denaro chiamava Diletta.

La maestra, che stando a quanto emerso avrebbe curato con maniacalità la questione della sicurezza di Messina Denaro, è sposata con il mafioso ergastolano Salvatore Gentile, in cella per avere commesso due efferati omicidi su ordine proprio di Messina Denaro. Decisivi per il suo arresto da parte dei carabinieri del Ros sono stati anche alcuni pizzini trovati nel covo dell’ex primula rossa di Cosa nostra che raccontano la relazione sentimentale dal 2007 al 2017 con la maestra Bonafede. Un rapporto, quindi, che sarebbe durato più di dieci anni e che sarebbe certificata da una fittissima corrispondenza tra i due. In effetti, però, quella con la maestra non sarebbe stata l’unica relazione portata avanti da Messina Denaro nell’ultimo periodo della sua latitanza. Era già emersa, infatti, quella con Diletta.


Dalla stessa categoria

I più letti

Prima indagata, poi sospesa dalla scuola Capuana-Pardo di Castelvetrano dove insegnava – con il caso finito anche sul tavolo del ministero dell’Istruzione e del Merito – questa notte Laura Bonafede è stata arrestata e portata in carcere. La donna, figlia dello storico boss di Campobello di Mazara Leonardo Bonafede, è accusata di favoreggiamento e procurata inosservanza di […]

Prima indagata, poi sospesa dalla scuola Capuana-Pardo di Castelvetrano dove insegnava – con il caso finito anche sul tavolo del ministero dell’Istruzione e del Merito – questa notte Laura Bonafede è stata arrestata e portata in carcere. La donna, figlia dello storico boss di Campobello di Mazara Leonardo Bonafede, è accusata di favoreggiamento e procurata inosservanza di […]

Dal controllo della velocità alla segnalazione di un imminente pericolo. Sono gli Adas, i sistemi avanzati di assistenza alla guida che aumentano non solo la sicurezza, ma anche il comfort durante i viaggi in auto. Più o meno sofisticati, i principali strumenti Adas sono ormai di serie nelle auto più nuove, come quelle a noleggio. […]

Un aiuto concreto ai lavoratori per affrontare il carovita. Ma anche un modo per rendere più leggero il contributo fiscale delle aziende. Sono le novità introdotte dalla conversione in legge del cosiddetto decreto lavoro, tra cui figura una nuova soglia dell’esenzione fiscale dei fringe benefit per il 2023, portata fino a un massimo di 3mila euro. […]

Bottiglie in plastica del latte che diventano dei colorati maialini-salvadanaio. Ricostruzioni di templi greci che danno nuova vita al cartone pressato di un rivestimento protettivo. Ma anche soluzioni originali di design, come una lampada composta da dischi di pvc, un grande orologio da parete in stile anni ’70 in polistirolo e due sedie perfettamente funzionanti […]

«Era come avere la zip del giubbotto chiusa sopra e aperta sotto: ecco, noi abbiamo voluto chiudere la zip di questo giubbotto». Indispensabile se si parla di Etna, dove fa sempre fresco. È nato così CraterExpress, la nuova proposta che permette di raggiungere la vetta del vulcano a partire dal centro di Catania, con quattro […]

Dodici mesi, 52 settimane e 365 giorni (attenzione, il 2024 è bisestile e quindi avremo un giorno in più di cui lamentarci). Un tempo legato da un unico filo: l’inadeguatezza. Culturale, innanzitutto, ma anche materiale, davanti ai temi complessi, vecchi e nuovi. Difficoltà resa evidente dagli argomenti che hanno dominato il 2023 siciliano; su tutti, […]

Il seme del cambiamento. Timido, fragile e parecchio sporco di terra, ma è quello che pare stia attecchendo in questi ultimi mesi, dopo i più recenti episodi di violenza sulle donne. In principio, quest’estate, fu lo stupro di gruppo a Palermo. In questi giorni, il femminicidio di Giulia Cecchettin in Veneto. Due storie diverse – […]

Mai come in campagna elettorale si parla di turismo. Tornando da Palermo con gli occhi pieni dei metri di coda – moltiplicata per varie file di serpentina – per visitare la cappella Palatina e qualunque mostra appena un piano sotto, lo stato di musei e beni archeologici di Catania non può che suscitare una domanda: […]

Riforme che potrebbero essere epocali, in termini di ricaduta sulla gestione dei territori e nella vita dei cittadini, ma che sembrano frenate dalla passività della politica. Sembra serena ma pratica- e soprattutto, attendista – la posizione di Ignazio Abbate, parlamentare della Democrazia Cristiana Nuova chiamato a presiedere la commissione Affari istituzionali dell’Assemblea regionale siciliana. Quella […]

Dai rifiuti alla mobilità interna della Sicilia, che avrà una spinta grazie al ponte sullo Stretto. Ne è convinto Giuseppe Carta, deputato regionale in quota autonomisti, presidente della commissione Ambiente, territorio e mobilità all’Assemblea regionale siciliana. Tavolo di lavoro che ha in mano anche due leggi su temi particolarmente delicati: urbanistica e appalti. Con in […]

Dall’agricoltura alle soluzioni per il caro energia; dalle rinnovabili di difficile gestione pubblica allo sviluppo delle imprese bandiera del governo di Renato Schifani. Sono tanti, vari e non semplici i temi affidati alla commissione Attività produttive presieduta da Gaspare Vitrano. Deputato passato dal Pd a Forza Italia, tornato in questa legislatura dopo un lungo processo […]