Edizioni MeridioNews

Edizioni MeridioNews

Edizione Sicilia

Musumeci pensa alle dimissioni dopo flop grandi elettori
Confronto in corso. «Deciderò entro le prossime 24 ore»

Il verdetto dell'Ars sui delegati per il Quirinale ha importanti ripercussioni all'interno del governo regionale. Un pezzo di maggioranza ha deciso di non sostenere il presidente della Regione. «Esito del voto è un'offesa», dice 

Gabriele Ruggieri

Un risultato difficile da digerire, anche perché per la prima volta un presidente della Regione è arrivato ultimo nella corsa tra i grandi elettori, ossia coloro che andranno a votare il presidente della Repubblica. Nello Musumeci è stato preceduto dal capogruppo del Movimento 5 stelle Nuccio Di Paola - 32 voti - e dal presidente dell'Assemblea regionale siciliana e commissario di Forza Italia Gianfranco Miccichè con 44 consensi. Il leader di Diventerà Bellissima si ferma a quota 29. Numeri che sono la cartina al tornasole di una maggioranza che si è sfaldata e che, adesso, dovrà essere ricomposta. Intanto Musumeci, secondo quanto raccolto tra i corridoi di palazzo dei Normanni da MeridioNews, starebbe valutando la possibilità di lasciare anzitempo l'incarico di presidente. Una mossa clamorosa, forse un provocazione? 

Adesso è la maggioranza e i partiti che la compongono che devono tentare di dissuadere Musumeci dal rassegnare le dimissioni. Una maggioranza che tuttavia non ha sostenuto il presidente in Aula, con una sconfitta che appare ancora più pesante se si pensa che, numeri alla mano, i franchi tiratori che hanno votato Di Paola provengono sicuramente da più schieramenti delle forze di governo. Non si può dunque parlare di uno sgambetto ad opera di un solo gruppo parlamentare. Tra coloro che in questi minuti stanno ragionando con Musumeci c'è l'assessore Toto Cordaro. 

«Non posso non prendere atto dell’esito del voto espresso e del suo significato politico. Se qualche deputato, vile e pavido, si fosse illuso, con la complicità del voto segreto, di aver fatto un dispetto alla mia persona, si dovrà ricredere - spiega Musumeci -  Perché il voto di questo pomeriggio, per la gravità del contesto generale, costituisce solo una offesa alle istituzioni regionali, a prescindere da chi le rappresenta. Nella consapevolezza di avere ottenuto la fiducia del popolo siciliano, adotterò le decisioni che riterrò più giuste e le renderò note entro le prossime ventiquattr’ore».

Meridio rubriche

Leggi tutte le rubriche

MeridioNews è una testata registrata presso il tribunale di Catania n.18/2014
Direttora responsabile: Claudia Campese Editore RMB s.r.l.
Riproduzione riservata

Coronavirus, tutto quello che c'è da sapere

La cronaca, gli aggiornamenti, le disposizioni della Regione, le informazioni utili, gli effetti collaterali. Tutto quello che c'è da sapere sul nuovo virus, arrivato anche nell'Isola.

Giustizia per Emanuele Scieri

Il paracadutista siracusano è stato trovato morto nella caserma di Pisa nel 1999. Ora si cerca di ricostruire quanto successo

Elezioni comunali 2021 in Sicilia

Il 10 e 11 ottobre e il 24 e 25 ottobre 2021 in diversi Comuni siciliani si vota per le Amministrative. I cittadini saranno chiamati alle urne per scegliere nuovi sindaci e consiglieri comunali. Il percorso di avvicinamento al voto e i risultati degli scrutini

Il sistema Montante

L'arresto di Antonello Montante ha scoperchiato un sistema di potere che tocca politica, forze dell'ordine, mafia e imprenditoria

Mario Ciancio e la mafia

Le indagini, la richiesta di archiviazione, il rigetto del giudice per le indagini preliminari e il proscioglimento. Tutte le tappe dell'avventura giudiziaria del direttore-editore del quotidiano etneo La Sicilia, imprenditore edilizio di opere pubbliche e private

Leggi tutti i Dossier

Segnala una notizia

Utilizzando questo form puoi segnalare le tue notizie alla redazione

Invia un tuo contributo

I campi contrassegnati con * sono obbligatori

×