Edizioni MeridioNews

Edizioni MeridioNews

Edizione Sicilia

Grandi elettori, Musumeci abbandonato dalla maggioranza
«Per la prima volta un presidente della regione arriva ultimo»

Il governatore è stato superato anche dal candidato del centrosinistra, che pure da solo non avrebbe avuto i numeri per farlo. Scoppia il caso politico e qualcuno vocifera già di dimissioni

Gabriele Ruggieri

I tre rappresentanti della Sicilia che voleranno a Roma per l'elezione del presidente della Repubblica sono Nello Musumeci, Gianfranco Miccichè e Nuccio Di Paola. Fin qui nessuna sorpresa, loro erano i nomi designati dalle varie coalizioni, ma il risultato del voto ha il peso di un macigno. Il presidente della Regione, infatti, si è classificato ultimo tra gli eletti. Una situazione più unica che rara.

E se sette anni fa il fatto che l'allora Presidente dell'Assemblea regionale Giovanni Ardizzone avesse raccolto più preferenze del governatore in carica certificò il definitivo scollamento tra il presidente Rosario Crocetta e la sua maggioranza, facendo scoppiare un vero e proprio caso politico, è lecito aspettarsi grosse ripercussioni. Adesso che Nello Musumeci è stato superato nel voto anche dal candidato designato dall'opposizione, il capogruppo del Movimento 5 stelle Nuccio Di Paola, che nel segreto dell'urna ha ricevuto voti anche da parti della maggioranza.

«Di Paola arriva ben oltre il perimetro di centrosinistra - dice a MeridioNews Anthony Barbagallo, segretario regionale del Partito democratico - Disponevamo di 24 voti, ne ha ricevuti 32, è evidente che il centrosinistra unito allarga il consenso non solo fuori, ma anche dentro l'Aula». Per Musumeci sono solo 29, 44 voti invece per Miccichè.

«Le forti tensioni e le durezze di questo governo hanno creato un corto circuito anche in Aula - conclude Barbagallo - È la prima volta nella storia che il presidente della Regione arriva ultimo tra i grandi elettori, è un segnale di stanca». Intanto tra i corridoi di Palazzo dei Normanni c'è persino chi ventila la possibilità di dimissioni da parte di Musumeci, che non si è ancora appresso in maniera ufficiale. Una decisione che non verrà di certo presa a caldo, ma di sicuro si ripercuoterà sui tavoli del centrodestra, impegnato a discutere sul nome da presentare come prossimo candidato alla Presidenza della Regione. Una corsa in cui le quotazioni di un possibile Musumeci bis sembrano ora scendere vertiginosamente. 

Meridio rubriche

Leggi tutte le rubriche

MeridioNews è una testata registrata presso il tribunale di Catania n.18/2014
Direttora responsabile: Claudia Campese Editore RMB s.r.l.
Riproduzione riservata

Coronavirus, tutto quello che c'è da sapere

La cronaca, gli aggiornamenti, le disposizioni della Regione, le informazioni utili, gli effetti collaterali. Tutto quello che c'è da sapere sul nuovo virus, arrivato anche nell'Isola.

Il sistema Montante

L'arresto di Antonello Montante ha scoperchiato un sistema di potere che tocca politica, forze dell'ordine, mafia e imprenditoria

Giustizia per Emanuele Scieri

Il paracadutista siracusano è stato trovato morto nella caserma di Pisa nel 1999. Ora si cerca di ricostruire quanto successo

Elezioni comunali 2021 in Sicilia

Il 10 e 11 ottobre e il 24 e 25 ottobre 2021 in diversi Comuni siciliani si vota per le Amministrative. I cittadini saranno chiamati alle urne per scegliere nuovi sindaci e consiglieri comunali. Il percorso di avvicinamento al voto e i risultati degli scrutini

Mario Ciancio e la mafia

Le indagini, la richiesta di archiviazione, il rigetto del giudice per le indagini preliminari e il proscioglimento. Tutte le tappe dell'avventura giudiziaria del direttore-editore del quotidiano etneo La Sicilia, imprenditore edilizio di opere pubbliche e private

Leggi tutti i Dossier

Segnala una notizia

Utilizzando questo form puoi segnalare le tue notizie alla redazione

Invia un tuo contributo

I campi contrassegnati con * sono obbligatori

×