Edizioni MeridioNews

Edizioni MeridioNews

Edizione Sicilia

Scala Turchi, Sciabarrà condannato a multa da 13mila euro
L'avvocato: «Pure il giudice afferma che è lui il proprietario»

L'annosa disputa tra pubblico e privato sulla scogliera di marna bianca di Realmonte, nell'Agrigentino, va avanti da anni. Oggi è arrivata la decisione del gip. «Dopo avere studiato le carte - annuncia il legale Totò Paolillo a MeridioNews - decideremo se opporci»

Marta Silvestre

Foto di: Marta Silvestre

Foto di: Marta Silvestre

Il gip del tribunale di Agrigento Stefano Zammuto ha condannato al pagamento di una multa di 13.600 euro Ferdinando Sciabarrà. Il 73enne che sostiene di essere il proprietario della Scala dei Turchi, la scogliera di marna di Realmonte nell'Agrigentino. Oltre alla sospensione condizionale della pena, il giudice per le indagini preliminari ha ordinato di restituire all'imputato il bene che era stato sequestrato il 27 febbraio dello scorso anno. «Dopo avere studiato le carte, il collegio difensivo, deciderà se opporsi al decreto penale di condanna - anticipa a MeridioNews l'avvocato Totò Paolillo, che è uno dei legali che assiste Sciabarrà - Ma il dato fondamentale è che anche il giudice afferma che il proprietario di Scala dei Turchi, a eccezione della parte demaniale, è il mio assistito, tanto che ne ordina la restituzione». 

Una annosa disputa tra pubblico e privato che circa un anno e mezzo fa aveva portato la procura di Agrigento a indagare il pensionato - dopo una prima indagine aperta a carico di ignoti - per occupazione di suolo demaniale, violazioni di beni in materia di sicurezza e tutela ambientale. Sciabarrà era accusato di avere «arbitrariamente occupato una porzione del demanio marittimo, di averne impedito l'uso pubblico e per avere preteso lo sviluppo economico dell'area». Non solo, per il 73enne c'erano anche le accuse di avere «omesso di collocare segnali e ripari in un'area ad alta pericolosità geologica» e anche, in concorso con altri soggetti allo stato non identificati, di avere «deteriorato e danneggiato il sito, provocando un nocumento al patrimonio archeologico, storico e artistico e di non avere impedito il danneggiamento della marna attraverso graffiti e carotaggi».

Del resto, quella di crolli, chiusure e riaperture a Scala dei Turchi è una storia che si ripete ciclicamente. Molte volte, negli ultimi anni, interi pezzi di marna bianca sono venuti giù dal costone costringendo il sindaco a emanare delle ordinanze - sempre difficilmente applicabili - che vietavano l'accesso al sito. 

Meridio rubriche

Leggi tutte le rubriche

MeridioNews è una testata registrata presso il tribunale di Catania n.18/2014
Direttora responsabile: Claudia Campese Editore RMB s.r.l.
Riproduzione riservata

Coronavirus, tutto quello che c'è da sapere

La cronaca, gli aggiornamenti, le disposizioni della Regione, le informazioni utili, gli effetti collaterali. Tutto quello che c'è da sapere sul nuovo virus, arrivato anche nell'Isola.

Il sistema Montante

L'arresto di Antonello Montante ha scoperchiato un sistema di potere che tocca politica, forze dell'ordine, mafia e imprenditoria

Giustizia per Emanuele Scieri

Il paracadutista siracusano è stato trovato morto nella caserma di Pisa nel 1999. Ora si cerca di ricostruire quanto successo

Mario Ciancio e la mafia

Le indagini, la richiesta di archiviazione, il rigetto del giudice per le indagini preliminari e il proscioglimento. Tutte le tappe dell'avventura giudiziaria del direttore-editore del quotidiano etneo La Sicilia, imprenditore edilizio di opere pubbliche e private

Infrastrutture, Sicilia spezzata

Frane, autostrade a una carreggiata, statali interrotte. Viaggio in uno dei principali fattori del mancato sviluppo della Sicilia

Leggi tutti i Dossier

Segnala una notizia

Utilizzando questo form puoi segnalare le tue notizie alla redazione

Invia un tuo contributo

I campi contrassegnati con * sono obbligatori

×