Edizioni MeridioNews

Edizioni MeridioNews

Edizione Sicilia

Scala dei Turchi, nodo privatizzazione dietro la querelle
All'orizzonte presenze contingentate e possibile ticket

Crolli, chiusure e gli appelli a più controlli dall'associazione Mareamico. La stessa che, su mandato del privato che ne rivendica la proprietà, aveva studiato un business plan con biglietto. Adesso che il contenzioso va definendosi, il Comune pensa all'affidamento

Marta Silvestre

Foto di: comanche

Foto di: comanche

Crolli, chiusure e riaperture. È la storia di Scala dei Turchi che ciclicamente si ripete. L'ultima volta nei giorni scorsi, quando centinaia di massi sono venuti giù a causa del maltempo e il sindaco di Realmonte Calogero Zicari, con un'ordinanza, ha vietato l'accesso e la fruizione della zona ovest che si affaccia sul lido Rossello. «Inutile negare - ammette il primo cittadino a MeridioNews - che non sarà semplice fare rispettare il provvedimento. Metteremo un cartello per spiegare che l'accesso da quel lato è vietato. Ma sulla marna non possiamo mettere i paletti ed è improponibile per l'economia dell'amministrazione mettere lì una persona fissa».

A denunciare l'ennesimo episodio è stata l'associazione ambientalista Mareamico che, accolta positivamente l'iniziativa del primo cittadino, incalza sul «problema della gestione, dei controlli e della guardiania in questo luogo così frequentato e così a rischio per la sicurezza dei circa 700mila visitatori annuali», come lamenta il presidente Claudio Lombardo.

La scogliera candidata a patrimonio dell'Unesco solo alcuni mesi fa era tornata accessibile, dopo anni di chiusura dovuti al crollo che aveva interessato il lato est, grazie al ripristino fatto con un'opera di disgaggio finanziata dalla Regione con circa 400mila euro. La zona in cui è avvenuto il recente crollo è dall'altro lato rispetto a quella interessata dai lavori di manutenzione e dalle opere di messa in sicurezza. «Qui non si erano mai verificati crolli così grandi. Stiamo parlando - riferisce Lombardo - di oltre 400 pietre, tra cui alcuni macigni. In ogni caso, al di là dell'evento specifico, c'è da dire che Scala dei Turchi è in mano a nessuno: manca una gestione finalizzata alla pulizia, al servizio di guardiania e alla fruizione in piena sicurezza». 

Eccolo il vero orizzonte di sfida, che si intreccia indissolubilmente all'annosa questione sulla proprietà del sito, contesa tra pubblico e privato. Già, perché, com'è noto, il pensionato 72enne Ferdinando Sciabarrà rivendica che uno dei gioielli della Sicilia appartiene a lui, per una usucapione maturata dal padre. Al punto che, qualche anno fa, sulla scogliera spuntano i cartelli «proprietà privata». Di più, l'associazione Mareamico, su formale mandato del signor Sciabbarrà presenta all'amministrazione comunale un business plan che prevede l'accesso a pagamento alla Scala. «Con un biglietto di 3 euro a persona, saremmo riusciti a garantire l'assicurazione per i visitatori e le spese di guardiania compresa l'assunzione di dodici addetti - illustra Lombardo - Il 30 per cento degli introiti sarebbe andato al Comune che avrebbe dovuto investirli sul sito stesso, ma il sindaco non accettò la nostra proposta». 

«Mai avremmo ceduto il bene al privato a quelle condizioni», dice oggi il sindaco Zicari che invece è ben propenso ad accettare l'ultima proposta da parte del privato, a seguito di un contenzioso lungo un anno e mezzo: cedere il cento per cento della proprietà al Comune di Realmonte in cambio, per 70 anni, del 70 per cento dei ricavi provenienti dal brand Scala dei Turchi. «La cosa che ci sta più a cuore è che il sito sia gestito meglio di come è stato fatto finora e che resti un bene pubblico», ammette Zicari. «Finché non si chiude questa vicenda legale, nessuno lo può gestire - aggiunge il sindaco - So che è un bene che non può rimanere incustodito a vita. Se spettasse a me decidere avrei già fatto una gara d'appalto a evidenza pubblica per darlo in gestione ad associazioni o imprese del territorio chiedendo anche di organizzare il flusso delle presenze». La parola spetta al consiglio comunale di Realmonte. Quel che sembra certo è che nel prossimo futuro l'accesso alla Scala dei Turchi non sarà più libero come prima. 

MeridioNews è una testata registrata presso il tribunale di Catania n.18/2014
Direttora responsabile: Claudia Campese Editore Mediaplan Soc. Coop. Sociale
Riproduzione riservata

Coronavirus, tutto quello che c'è da sapere

La cronaca, gli aggiornamenti, le disposizioni della Regione, le informazioni utili, gli effetti collaterali. Tutto quello che c'è da sapere sul nuovo virus, arrivato anche nell'Isola.

Infrastrutture, Sicilia spezzata

Frane, autostrade a una carreggiata, statali interrotte. Viaggio in uno dei principali fattori del mancato sviluppo della Sicilia

Giustizia per Emanuele Scieri

Il paracadutista siracusano è stato trovato morto nella caserma di Pisa nel 1999. Ora si cerca di ricostruire quanto successo

Mario Ciancio e la mafia

Le indagini, la richiesta di archiviazione, il rigetto del giudice per le indagini preliminari e il proscioglimento. Tutte le tappe dell'avventura giudiziaria del direttore-editore del quotidiano etneo La Sicilia, imprenditore edilizio di opere pubbliche e private

MeridioKids, la rubrica per i più piccoli

Un modo per creare comunità in questo periodo senza socialità. Nasce per questo MeridioKids, la rubrica di MeridioNews pensata per la quarantena di grandi e piccini. Istruttori di discipline sportive, artisti, disegnatori, animatori, pasticceri, maghi. A ognuno abbiamo chiesto di pensare un'attività o un gioco ...

Leggi tutti i Dossier

Segnala una notizia

Utilizzando questo form puoi segnalare le tue notizie alla redazione

Invia un tuo contributo

I campi contrassegnati con * sono obbligatori

×

Abbonati a MeridioNews
il primo mese è gratuito

Raccontiamo il tuo quotidiano

×

Dall'8 luglio per leggere le notizie di MeridioNews chiediamo il tuo supporto. In cambio avrai accesso a tutti i contenuti, inclusi quelli speciali, senza pubblicità invasiva.

Disabilita AdBlock

Disabilita le estensioni "AdBlock" e ricarica la pagina per leggere MeridioNews