Edizioni MeridioNews

Edizioni MeridioNews

Edizione Sicilia

Il valzer dei cambi di casacca all'Assemblea regionale
Salti da un gruppo all'altro all'insegna del trasformismo

Dall'inizio della legislatura, un deputato su tre ha cambiato bandiera. Porte girevoli in Forza Italia - che ha accolto l'ex assessora di Rosario Crocetta - e nell'Udc. Le perdite più ingenti nel Movimento 5 stelle e nel Pd. Nella Lega arrivano tutti da altri partiti

Dario De Luca

I motori sono caldi già da tempo in vista delle elezioni regionali 2022, ma all'Assemblea regionale siciliana il dinamismo, o trasformismo che dir si voglia, non è mai mancato. Dall'inizio della diciassettesima legislatura, quasi il 30 per cento dei 70 deputati che occupano gli scranni del parlamento ha cambiato partito in un continuo riallineamento all'interno dei vari gruppi parlamentari. L'unica realtà a non subire scossoni, almeno fino a questo momento, è quella di Diventerà Bellissima, il movimento che fa capo proprio al presidente della Regione Nello Musumeci. L'attuale legislatura verrà ricordata anche per una inedita prima volta della Lega tra gli scranni di palazzo dei Normanni. Il gruppo, che prende il nome di Lega Sicilia per Salvini premier, attualmente è composto da tre deputati che provengono tutti da altri partiti nell'orbita dell'area del centrodestra. Si tratta di Antonio Catalfamo, Orazio Ragusa e Vincenzo Figuccia

Catalfamo è l'ex capogruppo di Fratelli d'Italia, mentre Ragusa è passato dagli azzurri di Silvio Berlusconi ai seguaci di Alberto da Giusanno. Figuccia, invece, arriva dallo scudo crociato dell'Udc, partito in cui ebbe mandato di ricoprire il ruolo di assessore all'Energia, salvo poi abdicare dopo 16 giorni. Toccata e fuga in casa Lega per due deputati: il democristiano Giovanni Bulla, originario di Adrano, e Marianna Caronia. Il primo, ex assessore alla provincia di Catania, grazie alle porte girevoli, è tornato all'Udc; mentre il cammino della deputata palermitana è stato più articolato. Eletta con Forza Italia, prima di passare al partito di Salvini, è approdata al gruppo misto. Terminata l'esperienza leghista, un nuovo passaggio al misto e, infine, il rientro in Forza Italia. Le ultime settimane per lei sono state abbastanza tribolate con una aperta polemica nei confronti del presidente dell'Ars Gianfranco Miccichè durante la votazione degli articoli della legge finanziaria. Scenario che ha innescato voci su un possibile cambio che, però, non c'è stato.

A detenere il record di cambiamenti è Totò Lentini. Palermitano alla terza legislatura, dal 2017 è transitato in quattro partiti. Eletto con Forza Italia, poi Fratelli d'Italia, Ora Sicilia e infine Popolari e autonomisti, formazioni in cui riveste anche la carica di presidente del gruppo parlamentare. Nella sedicesima legislatura, Lentini era passato da Sicilia Futura all'Udc mentre in quella ancora precedente - con Raffaele Lombardo presidente - il percorso era stato dallo scudo crociato al Movimento per le autonomie

Dal 2017, i gruppi che hanno subìto più perdite sono il Movimento 5 stelle e il Partito democratico. I pentastellati, che restano i più rappresentati all'Ars con 15 deputati, avevano cominciato in 20. Il ridimensionamento si deve alla nascita del nuovo gruppo di Attiva Sicilia. Oltre ad Angela Foti ne fanno parte Elena Pagana, Sergio Tancredi, Matteo Mangiacavallo e Valentina Palmeri. I dem sono stati salutati del re delle preferenze Luca Sammartino. Il colonnello renziano di Sicilia è la punta di diamante del gruppo di Italia Viva. Nato dalle ceneri di Sicilia Futura, all'interno ingloba anche Eddy Tamajo e Nicola D'Agostino. Tra gli ex pd, oltre a Sammartino, sono transitati Giovanni Cafeo e Pippo Laccotto.

La bandiera del trasformismo sventola alta anche in casa Forza Italia. Gli azzurri sono stati salutati da Luigi Genovese, tra i fondatori di Ora Sicilia e attualmente nel gruppo misto, Ragusa e Caronia. Tra i cambi di casacca c'è anche quello di Rossana Cannata. La deputata che, dopo essere stata eletta tra le fila di Forza Italia, nel 2019 è passata a fare parte del gruppo di Fratelli d'Italia. Dall'Udc, invece, è arrivata la presidente della commissione Salute Margherita La Rocca RuvoloUltima new entry Luisa Lantieri. Un colpo di mercato messo a segno da Miccichè in versione Luciano Moggi. Anche perché Lantieri non solo è stata eletta nel Partito democratico e poi è transitata nel gruppo di centrodestra Ora Sicilia ma, nella precedente legislatura, ha occupato il posto di assessora alle Autonomie locali nel governo di Rosario Crocetta. Dentro Forza Italia è finita, dopo la candidatura nei Popolari autonomisti e l'ingresso in Ora Sicilia, pure la deputata Daniela Ternullo. Quest'ultima ha preso il posto di Pippo Gennuso, pure lui quando era all'Ars passò dagli autonomisti a Ora Sicilia.  

Meridio rubriche

Leggi tutte le rubriche

MeridioNews è una testata registrata presso il tribunale di Catania n.18/2014
Direttora responsabile: Claudia Campese Editore RMB s.r.l.
Riproduzione riservata

Coronavirus, tutto quello che c'è da sapere

La cronaca, gli aggiornamenti, le disposizioni della Regione, le informazioni utili, gli effetti collaterali. Tutto quello che c'è da sapere sul nuovo virus, arrivato anche nell'Isola.

Giustizia per Emanuele Scieri

Il paracadutista siracusano è stato trovato morto nella caserma di Pisa nel 1999. Ora si cerca di ricostruire quanto successo

Mario Ciancio e la mafia

Le indagini, la richiesta di archiviazione, il rigetto del giudice per le indagini preliminari e il proscioglimento. Tutte le tappe dell'avventura giudiziaria del direttore-editore del quotidiano etneo La Sicilia, imprenditore edilizio di opere pubbliche e private

Il sistema Montante

L'arresto di Antonello Montante ha scoperchiato un sistema di potere che tocca politica, forze dell'ordine, mafia e imprenditoria

Infrastrutture, Sicilia spezzata

Frane, autostrade a una carreggiata, statali interrotte. Viaggio in uno dei principali fattori del mancato sviluppo della Sicilia

Leggi tutti i Dossier

Segnala una notizia

Utilizzando questo form puoi segnalare le tue notizie alla redazione

Invia un tuo contributo

I campi contrassegnati con * sono obbligatori

×