Edizioni MeridioNews

Edizioni MeridioNews

Edizione Sicilia

A Palermo lo sciopero e il corteo dei lavoratori Fortè
«Non possiamo essere il bancomat del Calcio Catania»

I sindacati USI e Sinalp hanno indetto una manifestazione davanti a Palazzo d'Orleans, a sostegno della vertenza che coinvolge oltre 500 lavoratori e le loro famiglie. «Musumeci deve dirci le sue intenzioni, se è un nostro alleato o un nostro nemico»

Antonio Melita

Foto di: Antonio Melita

Foto di: Antonio Melita

«Abbiamo portato in piazza il disagio di 500 famiglie, ci ascoltino. Abbiamo bisogno di una mano da tutta la Sicilia, dei nostri soldi e di riavere la dignità». L'appello di Davide viene amplificato dal megafono. È uno dei circa 300 lavoratori che sono partiti dal punto vendita Fortè di Corso Tukory, a Palermo, per manifestare davanti alla presidenza della Regione, a favore di misure di sostegno e salvaguardia dell’occupazione nella grande distribuzione.

La manifestazione, nel giorno dello sciopero regionale indetto dalle sigle sindacali autonome USI e Sinalp, segue la dichiarazione di amministrazione straordinaria da parte del tribunale di Catania, che potrebbe aprire uno spiraglio nella crisi del gruppo Meridi che controlla 90 punti vendita dei supermercati Fortè in Sicilia con oltre 500 dipendenti.

Tantissimi i cartelli che rivendicano il diritto a una esistenza dignitosa. «Oggi il governo regionale deve dirci che intenzioni ha: se è un nostro alleato o un nostro nemico - afferma il rappresentante regionale Sinalp Andrea Monteleone - Noi chiediamo che il governatore Musumeci appoggi la nostra protesta, siamo qua in attesa che ci possa ricevere e si assuma le sua responsabilità». 

Uno degli slogan più usati dai lavoratori dei supermercati Fortè è «il risparmio che frutta». E per il segretario USI Palermo Marco Vizzini «hanno risparmiato davvero sui lavoratori, non pagandoli per molto tempo. L’ultimo stipendio risale a giugno 2019 e siamo andati avanti con piccoli acconti, a volte di 600 euro, insufficienti a pagare il mutuo e le bollette. Non abbiamo nulla contro Pulvirenti - conclude il sindacalista - ma non possiamo tollerare di essere stati usati come bancomat dal Calcio Catania».

MeridioNews è una testata registrata presso il tribunale di Catania n.18/2014
Direttora responsabile: Claudia Campese Editore Mediaplan Soc. Coop. Sociale
Riproduzione riservata

Infrastrutture, Sicilia spezzata

Frane, autostrade a una carreggiata, statali interrotte. Viaggio in uno dei principali fattori del mancato sviluppo della Sicilia

Nebrodi, tra mafia e rilancio

È il polmone verde più grande della Sicilia. Ma anche il luogo dove una criminalità violenta ha regnato incontrastata per anni

Muos, l'eco mostro di Niscemi

Contro l'impianto della base Usa di Niscemi, da anni si battono comitati, associazioni e cittadini

Giustizia per Emanuele Scieri

Il paracadutista siracusano è stato trovato morto nella caserma di Pisa nel 1999. Ora si cerca di ricostruire quanto successo

Mario Ciancio e la mafia

Le indagini, la richiesta di archiviazione, il rigetto del giudice per le indagini preliminari e il proscioglimento. Tutte le tappe dell'avventura giudiziaria del direttore-editore del quotidiano etneo La Sicilia, imprenditore edilizio di opere pubbliche e private

Leggi tutti i Dossier

Segnala una notizia

Utilizzando questo form puoi segnalare le tue notizie alla redazione

Invia un tuo contributo

I campi contrassegnati con * sono obbligatori

×

Abbonati a MeridioNews
il primo mese è gratuito

Raccontiamo il tuo quotidiano

×

Dall'8 luglio per leggere le notizie di MeridioNews chiediamo il tuo supporto. In cambio avrai accesso a tutti i contenuti, inclusi quelli speciali, senza pubblicità invasiva.

Disabilita AdBlock

Disabilita le estensioni "AdBlock" e ricarica la pagina per leggere MeridioNews