Edizioni MeridioNews

Edizioni MeridioNews

Edizione Sicilia

Pozzallo, nave con 19mila tonnellate di grano canadese
Controlli della sanità marittima per valutarne condizioni

L'imbarcazione attraccherà nelle prossime ore e troverà gli ispettori sanitari nel porto ibleo. L'europarlamentare cinquestelle Ignazio Corrao chiede alla Regione di vigilare e verificare il livello di tossicità. L'assessore Bandiera: «Siamo già lì»

Salvo Catalano

Una nave con 19mila tonnellate di grano duro proveniente dal Canada è in arrivo al porto di Pozzallo. E tra gli agricoltori siciliani scattano le proteste, raccolte e rilanciate dall'eurodeputato del Movimento 5 stelle Ignazio Corrao.

«Sto ricevendo decine di segnalazioni dalla Sicilia orientale - dice l'europarlamentare di Alcamo - Sono già in contatto con le autorità doganali del luogo per avere riscontro sui controlli e i risultati, ma chiedo risposte ufficiali da parte della Regione Siciliana, cui ho chiesto i documenti amministrativi relativi alle importazioni di tale carico. Basta grano tossico sulle nostre tavole».

Dalle autorità sanitarie marittime arriva la conferma che la nave, ormai a largo del porto ibleo, trasporta un importante carico di grano canadese. «Subito dopo l'attracco scatteranno le operazioni di ispezione e campionamento del grano per verificare eventuali tossicità e valutare le condizioni di trasporto», fanno sapere dalla Sanità marittima. A essere delegata ai controlli - che dovrebbero scattare tra stasera e domattina - sarà la sezione di Siracusa. 

«Come metodo ormai consolidato - interviene l'assessore regionale all'Agricoltura Edy Bandiera - monitoriamo tutti gli ingressi di prodotti agroalimentari nel territorio siciliano. Eravamo al corrente di questo arrivo già da alcuni giorni e siamo pronti in banchina con i nostri organismi di controllo. Siamo vigili e in contatto con l’Autorità portuale per monitorare l’attracco e di conseguenza effettuare le dovute verifiche, documentali e di campionamento, da parte degli ispettori del servizio Fitosanitario dell’assessorato Agricoltura, che già si trovano sul posto, sulla partita di grano proveniente dal Canada». Bandiera spiega che si procederà a una verifica dei documenti, poi «all’analisi visiva sul campione per verificare l’eventuale presenza macroscopica di agenti patogeni da quarantena, e infine procederemo col campionamento della partita, al fine di verificare l’eventuale presenza di micotossine e glifosato, spesso utilizzato dal paese di provenienza per l’essiccazione delle spighe».

Che in Sicilia - e in Italia in generale - venga importato grano extraeuropeo non è una novità, né di per sé questo viola la normativa. Ma l'attenzione è massima perché in Canada l'uso del contestato diserbante glifosato è sottoposto a regole meno ferree rispetto all'Unione europea. Le autorità sanitarie marittime sottolineano come negli ultimi mesi l'attenzione si concentri anche su navi che provengono da altri porti d'Europa dove le maglie dei controlli sulle importazioni di grano sarebbero più larghe, a cominciare da Amsterdam e Rotterdam.

«Come ben sappiamo purtroppo - denuncia Corrao - il livello di tossicità del grano d’importazione che proviene dal Canada ha livelli molto diversi rispetto agli standard del nostro Paese. Gli importatori utilizzano tale prodotto per mischiarlo ai cereali locali per abbassare il livello di tossicità. Una pratica assolutamente deprecabile dal punto di vista della salubrità dei prodotti che finiscono sulle nostre tavole e ovviamente anche dal punto di vista economico, perché in questo modo viene avallato il deprezzamento del prodotto locale che invece ha caratteristiche organolettiche e di salubrità eccellenti».

L'europarlamentate annuncia di aver depositato una richiesta ufficiale di accesso agli atti al dirigente generale del dipartimento Agricoltura Dario Cartabellotta e al direttore Agenzia Dogane Monopoli siciliana «per conoscere i titoli e le note esplicative relative a tale carico di grano, ai sensi di un preciso regolamento dell’Unione Europea, e l’esito di eventuali controlli in termini di verifica della quantità di glifosato».

MeridioNews è una testata registrata presso il tribunale di Catania n.18/2014
Direttora responsabile: Claudia Campese Editore Mediaplan Soc. Coop. Sociale
Riproduzione riservata

Coronavirus, tutto quello che c'è da sapere

La cronaca, gli aggiornamenti, le disposizioni della Regione, le informazioni utili, gli effetti collaterali. Tutto quello che c'è da sapere sul nuovo virus, arrivato anche nell'Isola.

Giustizia per Emanuele Scieri

Il paracadutista siracusano è stato trovato morto nella caserma di Pisa nel 1999. Ora si cerca di ricostruire quanto successo

Infrastrutture, Sicilia spezzata

Frane, autostrade a una carreggiata, statali interrotte. Viaggio in uno dei principali fattori del mancato sviluppo della Sicilia

Mario Ciancio e la mafia

Le indagini, la richiesta di archiviazione, il rigetto del giudice per le indagini preliminari e il proscioglimento. Tutte le tappe dell'avventura giudiziaria del direttore-editore del quotidiano etneo La Sicilia, imprenditore edilizio di opere pubbliche e private

MeridioKids, la rubrica per i più piccoli

Un modo per creare comunità in questo periodo senza socialità. Nasce per questo MeridioKids, la rubrica di MeridioNews pensata per la quarantena di grandi e piccini. Istruttori di discipline sportive, artisti, disegnatori, animatori, pasticceri, maghi. A ognuno abbiamo chiesto di pensare un'attività o un gioco ...

Leggi tutti i Dossier

Segnala una notizia

Utilizzando questo form puoi segnalare le tue notizie alla redazione

Invia un tuo contributo

I campi contrassegnati con * sono obbligatori

×

Abbonati a MeridioNews
il primo mese è gratuito

Raccontiamo il tuo quotidiano

×

Dall'8 luglio per leggere le notizie di MeridioNews chiediamo il tuo supporto. In cambio avrai accesso a tutti i contenuti, inclusi quelli speciali, senza pubblicità invasiva.

Disabilita AdBlock

Disabilita le estensioni "AdBlock" e ricarica la pagina per leggere MeridioNews