Edizioni MeridioNews

Edizioni MeridioNews

Edizione Sicilia

Open Arms, nuovo avviso chiusura indagini da Ragusa
L'accusa è di violenza privata sul ministero dell'Interno

Al comandante e alla capo missione della nave dell'ong spagnola ProActiva viene contestato anche il reato di favoreggiamento dell'immigrazione clandestina. «La violenza privata non si configura nei confronti di un corpo politico», commenta l'avvocata

Marta Silvestre

Foto di: Open Arms

Foto di: Open Arms

Un nuovo avviso di conclusione indagini, che annulla e sostituisce quello del dicembre del 2018, è stato emesso oggi dalla procura di Ragusa sullo sbarco del 17 marzo 2018 nel porto di Pozzallo di 216 migranti soccorsi da nave Open Arms dell'ong ProActiva al largo della Libia. Al comandante Marc Reig Creus e della capo missione Ana Isabel Montes Mier sono contestati gli stessi reati: favoreggiamento dell'immigrazione clandestina e violenza privata. «Con il provvedimento di oggi, in realtà, c'è stata una precisazione dei capi di imputazione», spiega a MeridioNews l'avvocata della ong Rosa Emanuela Lo Faro.

Nello specifico, il procuratore Fabio D'Anna e il sostituto Santo Fornasier scrivono nel provvedimento che il reato di violenza privata sarebbe stato commesso nei confronti del ministero dell'Interno, attraverso il capo del dipartimento delle Libertà civili e dell'immigrazione. Secondo l'accusa, infatti la nave «anziché dirigersi verso Malta, punto di sbarco più vicino, e richiedere alle autorità maltesi l'indicazione di un porto sicuro - si legge nel documento - si dirigevano verso le coste italiane costringendo le autorità italiane (e per esse il capo del dipartimento delle Libertà civili e immigrazione del ministero dell'Interno) a concedere loro l'approdo in un porto del territorio italiano per sbarcare i migranti». 

Questa mattina, il tribunale di Catania ha archiviato l'inchiesta nei confronti del comandante e della la capo missione che erano indagati per associazione a delinquere finalizzata all'immigrazione clandestina per lo stesso sbarco. Adesso, la procura iblea dovrà decidere se archiviare o chiedere il rinvio a giudizio. «Innanzitutto - precisa la legale - c'è da dire che l'autorizzazione ad attraccare alla nave Open Arms era arrivata dal comando generale delle capitanerie di porto. Poi, semmai l'ong avrebbe semplicemente costretto il capo dipartimento delle Libertà civili ad applicare la legge». Per l'avvocata, inoltre, sarebbe errata la qualificazione del reato perché «la violenza privata non si configura nei confronti di un corpo politico». Per quando riguarda, invece, il reato di favoreggiamento all'immigrazione clandestina «il tribunale del Riesame di Ragusa e il gip Giovanni Giampiccolo avevano già stabilito che c'era lo stato di necessità di mettere in salvo le vite dei 216 migranti».

MeridioNews è una testata registrata presso il tribunale di Catania n.18/2014
Direttora responsabile: Claudia Campese Editore Mediaplan Soc. Coop. Sociale
Riproduzione riservata

Mario Ciancio e la mafia

Le indagini, la richiesta di archiviazione, il rigetto del giudice per le indagini preliminari e il proscioglimento. Tutte le tappe dell'avventura giudiziaria del direttore-editore del quotidiano etneo La Sicilia, imprenditore edilizio di opere pubbliche e private

Muos, l'eco mostro di Niscemi

Contro l'impianto della base Usa di Niscemi, da anni si battono comitati, associazioni e cittadini

Il sistema Montante

L'arresto di Antonello Montante ha scoperchiato un sistema di potere che tocca politica, forze dell'ordine, mafia e imprenditoria

Giustizia per Emanuele Scieri

Il paracadutista siracusano è stato trovato morto nella caserma di Pisa nel 1999. Ora si cerca di ricostruire quanto successo

Nebrodi, tra mafia e rilancio

È il polmone verde più grande della Sicilia. Ma anche il luogo dove una criminalità violenta ha regnato incontrastata per anni

Leggi tutti i Dossier

Segnala una notizia

Utilizzando questo form puoi segnalare le tue notizie alla redazione

Invia un tuo contributo

I campi contrassegnati con * sono obbligatori

×

Abbonati a MeridioNews
il primo mese è gratuito

Raccontiamo il tuo quotidiano

×

Dall'8 luglio per leggere su smartphone e tablet le notizie di MeridioNews chiediamo il tuo supporto. In cambio avrai accesso a tutti i contenuti, inclusi quelli speciali, senza pubblicità invasiva.

Disabilita AdBlock

Disabilita le estensioni "AdBlock" e ricarica la pagina per leggere MeridioNews