Edizioni MeridioNews

Edizioni MeridioNews

Edizione Sicilia

Ong, Procura di Ragusa chiude indagine su Proactiva
Anche il Viminale di Salvini riconosciuta parte offesa

I pm hanno notificato il documento a Ana Isabel Montes Mier e Marc Reig Creus. Due fattori destano perplessità: il tipo di reato contestato e l'individuazione della parte offesa. «Se è la guardia costiera, perché indicare il ministero dell'Interno?», si chiede il legale

Simone Olivelli

Foto di: Proactiva Open Arms

Foto di: Proactiva Open Arms

Si sono chiuse le indagini della procura di Ragusa sulla Ong spagnola Proactiva Open Arms. L'avviso è arrivato oggi ai legali dei due indagati, la capa missione Ana Isabel Montes Mier e Marc Reig Creus, il comandante dell'imbarcazione impegnata negli ultimi anni in numerosi salvataggi di migranti in mare. I reati contestati sono violenza privata e favoreggiamento dell'immigrazione

L'indagine, nata a fine marzo, ha avuto un percorso travagliato. All'origine di tutto ci sono le dinamiche che hanno caratterizzato il recupero, il 16 marzo, di oltre duecento persone in difficoltà nel Mediterraneo, in un'area a ridosso delle acque maltesi. La posizione del barcone in un primo tempo ha portato la guardia costiera di Roma a farsi carico del coordinamento delle operazioni, salvo poi comunicare al comandante della nave il passaggio di testimone alle forze libiche. Decisione a cui Reig Creus e Montes Mier si sono opposti valutando non sicuro il trattamento che le milizie nordafricane avrebbero riservato ai migranti. 

A finire nel mirino della procura di Catania - la prima a occuparsene, con i magistrati etnei che hanno disposto il sequestro della nave arrivata a Pozzallo, in seguito alla contestazione del reato di associazione a delinquere - è stato poi il comportamento tenuto da Proactiva nei confronti delle autorità maltesi: l'ong, infatti, non ha chiesto a La Valletta di autorizzare lo sbarco di tutti i migranti, in virtù dei precedenti che avevano sempre visto il governo Muscat disinteressarsi dei soccorsi in mare. L'avere però deciso di rivolgersi direttamente a Roma, portando la nave all'interno delle acque territoriali italiane, per i magistrati sarebbe stato dettato dall'intento di favorire l'immigrazione in Italia

L'inchiesta, nel giro alcune settimane, ha registrato diversi colpi di scena, prima con la caduta dell'accusa di associazione a delinquere e poi con il dissequestro della nave deciso dal gip di Ragusa. La procura etnea guidata da Carmelo Zuccaro ha comunque proseguito il proprio lavoro, convinta che l'ipotesi di associazione a delinquere possa essere dimostrata. In tal senso, la notifica odierna riguarda solo il filone ragusano, e ciò fa pensare che dalle parti di piazza Verga l'indagine stia andando avanti. 

Intanto, però, a fare discutere sono altri aspetti. Innanzitutto, l'individuazione del reato di violenza privata contestato ai due indagati nei confronti della centrale operativa della guardia costiera italiana, per avere disatteso le indicazioni partite da Roma. «Si tratta di un reato che riguarda la persona, mentre qui si fa riferimento a un'istituzione», commenta Rosa Maria Lo Faro, uno dei due legali che difendono gli attivisti di Proactiva. A destare perplessità è un altro particolare: l'individuazione della parte offesa nel ministro degli Interni pro tempore. Ovvero Matteo Salvini, anche se quando il reato sarebbe stato commesso a guidare il Viminale era Marco Minniti. «Si tratta di un fatto strano - continua Lo Faro -. Se il reato è stato commesso verso la guardia costiera, allora in ballo dovrebbe essere il ministero delle Infrastrutture». 

La questione della divisione delle competenze nella gestione dei soccorsi in mare era finita al centro dell'attenzione anche ad agosto, in occasione dello stallo seguito all'approdo nel porto di Catania della nave Diciotti della guardia costiera. Sbarco avvenuto dopo quasi una settimana, carica di tensioni e proteste.

MeridioNews è una testata registrata presso il tribunale di Catania n.18/2014
Direttora responsabile: Claudia Campese Editore Mediaplan Soc. Coop. Sociale
Riproduzione riservata

Coronavirus, tutto quello che c'è da sapere

La cronaca, gli aggiornamenti, le disposizioni della Regione, le informazioni utili, gli effetti collaterali. Tutto quello che c'è da sapere sul nuovo virus, arrivato anche nell'Isola.

Infrastrutture, Sicilia spezzata

Frane, autostrade a una carreggiata, statali interrotte. Viaggio in uno dei principali fattori del mancato sviluppo della Sicilia

Giustizia per Emanuele Scieri

Il paracadutista siracusano è stato trovato morto nella caserma di Pisa nel 1999. Ora si cerca di ricostruire quanto successo

Mario Ciancio e la mafia

Le indagini, la richiesta di archiviazione, il rigetto del giudice per le indagini preliminari e il proscioglimento. Tutte le tappe dell'avventura giudiziaria del direttore-editore del quotidiano etneo La Sicilia, imprenditore edilizio di opere pubbliche e private

MeridioKids, la rubrica per i più piccoli

Un modo per creare comunità in questo periodo senza socialità. Nasce per questo MeridioKids, la rubrica di MeridioNews pensata per la quarantena di grandi e piccini. Istruttori di discipline sportive, artisti, disegnatori, animatori, pasticceri, maghi. A ognuno abbiamo chiesto di pensare un'attività o un gioco ...

Leggi tutti i Dossier

Segnala una notizia

Utilizzando questo form puoi segnalare le tue notizie alla redazione

Invia un tuo contributo

I campi contrassegnati con * sono obbligatori

×

Abbonati a MeridioNews
il primo mese è gratuito

Raccontiamo il tuo quotidiano

×

Dall'8 luglio per leggere le notizie di MeridioNews chiediamo il tuo supporto. In cambio avrai accesso a tutti i contenuti, inclusi quelli speciali, senza pubblicità invasiva.

Disabilita AdBlock

Disabilita le estensioni "AdBlock" e ricarica la pagina per leggere MeridioNews