Edizioni MeridioNews

Edizioni MeridioNews

Edizione Sicilia

Open Arms, il Tribunale di Catania archivia l'inchiesta
«Passo verso la verità e argine a politiche scellerate»

Archiviazione per il comandante e la capo missione della nave della ong spagnola Proactiva in merito al reato di associazione a delinquere finalizzata all'immigrazione clandestina. «Abbiamo agito nel rispetto di convenzioni internazionali e diritto del mare»

Marta Silvestre

Foto di: Open Arms

Foto di: Open Arms

Il tribunale di Catania archivia l'inchiesta nei confronti del comandante Marc Reig Creus e per la capo missione Ana Isabel Montes Mier della nave Open Arms della ong spagnola Proactiva. Entrambi erano indagati per associazione a delinquere finalizzata all'immigrazione clandestina per lo sbarco a Pozzallo (in provincia di Ragusa) del 17 marzo del 2018, dopo il soccorso al largo della Libia di 218 migranti. Resta ancora pendente il fascicolo per favoreggiamento dell'immigrazione clandestina e violenza privata aperto dalla procura di Ragusa. 

«Siamo felici di apprendere che un ulteriore passo verso la verità è stato fatto - dichiarano dalla ong - Ribadiamo di aver sempre operato nel rispetto delle Convenzioni internazionali e del diritto del mare e che continueremo a farlo mossi da un unico obiettivo: difendere la vita e i diritti delle persone più vulnerabili». Da Proactiva si dicono «fiduciosi che le evidenze giudiziarie che stanno emergendo in questi ultimi mesi potranno costituire un argine verso le scellerate scelte della politica europea e sapranno ricostruire con chiarezza una tragica pagina storica, quella delle migliaia di vite annegate nel Mediterraneo Centrale e del silenzio dell'Europa».

A disporre l'archiviazione del fascicolo è stato il presidente dell'ufficio del gip di Catania Nunzio Sarpietro. Lo hanno reso noto i legali della ong Alessandro Gamberini e Rosa Emanuela Lo Faro dopo avere avuto risposta dalla procura distrettuale etnea in merito alla loro richiesta di conoscere lo stato del procedimento. Nella sua richiesta la procura distrettuale ha sottolineato che lo sviluppo delle indagini, compresi gli accertamenti sui cellulari, non ha permesso di trovare riscontri per contestare il reato di associazione per delinquere in un eventuale processo penale. 

L'inchiesta è coordinata dal procuratore distrettuale Carmelo Zuccaro e dai sostituti Fabio Regolo e Andrea Bonomo, che disposero il sequestro della nave perché, sosteneva l'accusa, «l'obiettivo primario è salvare migranti e portarli in Italia senza rispettare le norme, anzi violandole scientemente». A Open Arms veniva contestato il «rifiuto di consegnare i profughi salvati a una motovedetta libica» e il fatto che, «nonostante la vicinanza con l'isola di Malta», la nave avesse proseguito la navigazione verso le coste italiane «come era sua prima intenzione». 

L'ong si è sempre difesa sostenendo di avere agito «in stato di necessità per salvare vite umane». Il sequestro della nave fu convalidato dal giudice per le indagini preliminari di Catania, ma soltanto per il reato di favoreggiamento dell'immigrazione clandestina. Il fascicolo, per competenza, fu successivamente trasferito alla procura di Ragusa che reiterò la richiesta di sequestro della Open Arms, poi rigettata lo scorso 16 aprile gip Giovanni Giampiccolo. La stessa procura di Ragusa, lo scorso dicembre, ha notificato ai due indagati un avviso di conclusione indagine individuando come parte lesa il ministero dell'Interno.

MeridioNews è una testata registrata presso il tribunale di Catania n.18/2014
Direttora responsabile: Claudia Campese Editore Mediaplan Soc. Coop. Sociale
Riproduzione riservata

Viaggiare in Sicilia

Percorsi, itinerari e consigli per chi vuole viaggiare in Sicilia lontano dalle solite mete e dai circuiti turistici di massa

Giustizia per Emanuele Scieri

Il paracadutista siracusano è stato trovato morto nella caserma di Pisa nel 1999. Ora si cerca di ricostruire quanto successo

La mafia nel Siracusano

La provincia di Siracusa - soprattutto la parte Sud, tra Noto, Pachino e Avola - deve fare i conti con una criminalità organizzata che condiziona sempre più le attività economiche, a cominciare dall'agricoltura

Il sistema Montante

L'arresto di Antonello Montante ha scoperchiato un sistema di potere che tocca politica, forze dell'ordine, mafia e imprenditoria

Mario Ciancio e la mafia

Le indagini, la richiesta di archiviazione, il rigetto del giudice per le indagini preliminari e il proscioglimento. Tutte le tappe dell'avventura giudiziaria del direttore-editore del quotidiano etneo La Sicilia, imprenditore edilizio di opere pubbliche e private

Leggi tutti i Dossier

Segnala una notizia

Utilizzando questo form puoi segnalare le tue notizie alla redazione

Invia un tuo contributo

I campi contrassegnati con * sono obbligatori

×

Abbonati a MeridioNews
il primo mese è gratuito

Raccontiamo il tuo quotidiano

×

Dall'8 luglio per leggere su smartphone e tablet le notizie di MeridioNews chiediamo il tuo supporto. In cambio avrai accesso a tutti i contenuti, inclusi quelli speciali, senza pubblicità invasiva.