Edizioni MeridioNews

Edizioni MeridioNews

Edizione Sicilia

Comiso, sequestrata vasta cava in area archeologica
«Danni non calcolabili, il suolo ormai compromesso»

Operazione dei carabinieri del Noe di Catania nella cava della Comisana Lapidei. Sigilli a un'area di 90mile metri quadri dove da anni sarebbe andata avanti un'attività di estrazione senza alcuna autorizzazione. Guarda foto e video

Redazione

I carabinieri del nucleo operativo ambientale di Catania hanno sequestrato un'enorme cava nelle campagne di Comiso, dove da dieci anni sarebbe stata svolta attività di estrazione, vagliatura e trasporto di materiale calcareo (calcarenite) in un'area sottoposta a vincolo archeologico. L'area si estende per 90mila metri quadrati e in alcuni punti è profonda fino a 20 metri. È gestita dalla società Comisana Lapidei, nota nella zona anche per la produzione di calcestruzzo. Secondo gli investigatori l'estrazione sarebbe stata finalizzata proprio ad alimentare il ciclo del calcestruzzo e le attività edilizie del territorio siciliano. Solo che non sarebbe mai stata autorizzata. «Ci avevano provato anni fa a farsi autorizzare - spiega il comandante del Noe, Michele Cannizzaro - ma non ci sono riusciti. E nonostante questo, hanno proseguito l'attività». 

Insieme al Noe hanno operato personale del dodicesimo Elinucleo carabinieri elicotteristi e militari della stazione di Comiso. Nel corso dell'ispezione sono stati sottoposti a controllo e bloccati alcuni autocarri, un escavatore cingolato munito di martello pneumatico, una pala gommata da cava, mentre vano efefttuaoperazioni di estrazione che, da verifiche documentali, sarebbero state condotte in maniera totalmente abusiva. L'area è considerata potenzialmente a vincolo archeologico anche se finora non sono stati trovati reperti. 

Gli automezzi, una griglia di vagliatura e un quantitativo di centinaia di migliaia di metri cubi di materiale precedentemente estratto (non meglio stimabile), pronto per la commercializzazione, del valore complessivo di oltre un milione di euro, sono stati sequestrati. Il provvedimento è stato convalidato dal Gip del Tribunale di Ragusa su richiesta da parte del magistrato titolare del fascicolo d’indagine. 

«Il danno al patrimonio ambientale, per l’ingente quantitativo di materiale estratto e l’irreversibile compromissione della matrice suolo, risulta non calcolabile», riferiscono dal Noe. I responsabili della Comisana Lapidei sono stati segnalati all’autorità giudiziaria per inquinamento ambientale aggravato, esecuzione di opere su beni con vincolo paesaggistico senza la prescritta autorizzazione nonché di deturpamento e distruzione di bellezze naturali.

MeridioNews è una testata registrata presso il tribunale di Catania n.18/2014
Direttora responsabile: Claudia Campese Editore Mediaplan Soc. Coop. Sociale
Riproduzione riservata

Viaggiare in Sicilia

Percorsi, itinerari e consigli per chi vuole viaggiare in Sicilia lontano dalle solite mete e dai circuiti turistici di massa

Giustizia per Emanuele Scieri

Il paracadutista siracusano è stato trovato morto nella caserma di Pisa nel 1999. Ora si cerca di ricostruire quanto successo

La mafia nel Siracusano

La provincia di Siracusa - soprattutto la parte Sud, tra Noto, Pachino e Avola - deve fare i conti con una criminalità organizzata che condiziona sempre più le attività economiche, a cominciare dall'agricoltura

Il sistema Montante

L'arresto di Antonello Montante ha scoperchiato un sistema di potere che tocca politica, forze dell'ordine, mafia e imprenditoria

Mario Ciancio e la mafia

Le indagini, la richiesta di archiviazione, il rigetto del giudice per le indagini preliminari e il proscioglimento. Tutte le tappe dell'avventura giudiziaria del direttore-editore del quotidiano etneo La Sicilia, imprenditore edilizio di opere pubbliche e private

Leggi tutti i Dossier

Segnala una notizia

Utilizzando questo form puoi segnalare le tue notizie alla redazione

Invia un tuo contributo

I campi contrassegnati con * sono obbligatori

×

Abbonati a MeridioNews
il primo mese è gratuito

Raccontiamo il tuo quotidiano

×

Dall'8 luglio per leggere su smartphone e tablet le notizie di MeridioNews chiediamo il tuo supporto. In cambio avrai accesso a tutti i contenuti, inclusi quelli speciali, senza pubblicità invasiva.