Edizioni MeridioNews

Edizioni MeridioNews

Edizione Sicilia

L'autostrada Catania-Ragusa, ministero verso la bocciatura
Privato e pedaggio non convincono. Regione: «Facciamo soli»

Ieri a Roma il ragioniere generale dello Stato ha spiegato che la valutazione sul progetto è negativa, anche a tutela degli utenti. Per non fare naufragare l'opera, il governo Musumeci propone due soluzioni su cui il ministero dovrà esprimersi

Salvo Catalano

Sull'autostrada Catania-Ragusa adesso si rischia davvero di fermare tutto. Quelli che finora sono stati dubbi, titubanze, richieste di aggiustamenti, valutazioni da parte del ministero dell'Economia e di quello dei Trasporti adesso sarebbero diventati una vera e propria bocciatura. A comunicarlo è stato ieri il ragioniere generale dello Stato all'assessore regionale Marco Falcone. Come anticipato oggi da La Sicilia, il project financing da 800 milioni di euro presentato dal società Scarl di Vito Bonsignore (ma da realizzare per metà con fondi pubblici) non s'ha da fare. Non convince i tecnici del ministero dell'Economia che hanno studiato il dossier e non convince neanche l'advisor internazionale incaricato dallo stesso ministero di valutare l'affidabilità bancaria del privato. Lo stop è stato anticipato informalmente e dovrebbe diventare ufficiale nelle prossime settimane, anche se la ministra del Sud Barbara Lezzi oggi pomeriggio si è affrettata a ribadire che «il governo è più che convinto sulla necessità di portare avanti il progetto, tanto che la questione sarà all'ordine del giorno del Cipe che si terrà sicuramente agli inizi del mese di aprile». Sì, ma come? Con quale progetto? E con quali soggetti coinvolti?

Abbonati a MeridioNews per continuare a leggere l'articolo

È gratis per i primi 30 giorni

Un piccolo sostegno a fronte di un grande lavoro: per leggere il giornale dal tuo smartphone, dopo 3 contenuti gratuiti ogni mese, ti chiediamo un contributo. In cambio non vedrai pubblicità invasiva e potrai scoprire tutti i nostri approfondimenti esclusivi.

Scopri di più

MeridioNews è una testata registrata presso il tribunale di Catania n.18/2014
Direttora responsabile: Claudia Campese Editore Mediaplan Soc. Coop. Sociale
Riproduzione riservata

Viaggiare in Sicilia

Percorsi, itinerari e consigli per chi vuole viaggiare in Sicilia lontano dalle solite mete e dai circuiti turistici di massa

Nebrodi, tra mafia e rilancio

È il polmone verde più grande della Sicilia. Ma anche il luogo dove una criminalità violenta ha regnato incontrastata per anni

Giustizia per Emanuele Scieri

Il paracadutista siracusano è stato trovato morto nella caserma di Pisa nel 1999. Ora si cerca di ricostruire quanto successo

La mafia nel Siracusano

La provincia di Siracusa - soprattutto la parte Sud, tra Noto, Pachino e Avola - deve fare i conti con una criminalità organizzata che condiziona sempre più le attività economiche, a cominciare dall'agricoltura

Il sistema Montante

L'arresto di Antonello Montante ha scoperchiato un sistema di potere che tocca politica, forze dell'ordine, mafia e imprenditoria

Leggi tutti i Dossier

Segnala una notizia

Utilizzando questo form puoi segnalare le tue notizie alla redazione

Invia un tuo contributo

I campi contrassegnati con * sono obbligatori

×