Edizioni MeridioNews

Edizioni MeridioNews

Edizione Sicilia

Comiso, rifiuti speciali bruciati nelle campagne
Sequestrata area di cinquemila metri quadrati

I carabinieri hanno fatto scattare un blitz in contrada Bosco Rotondo dove hanno trovato diverse tonnellate di inerti, plastica e materiale organico. «La loro combustione - scrivono i militari - provoca lo sversamento nel terreno di liquidi e sostanze altamente nocive quali le diossine e i policlorobifenili»

Redazione

Tonnellate di rifiuti - inerti, plastica e materiale organico - ammassati nelle campagne di Comiso e bruciati senza alcun controllo, generando fumarole e riversando prodotti inquinanti nel suolo e nelle falde acquifere. È quanto hanno scoperto i carabinieri del comando provinciale di Ragusa che, dopo aver sottoposto a controlli numerosi appezzamenti di terreni a Comiso e nelle sue frazioni, hanno sequestrato un'area di oltre cinquemila metri quadrati e denunciato a piede libero il proprietario, il 56enne V.V., originario del luogo e senza precedenti penali.

Il blitz è scattato nella mattinata di ieri in contrada Bosco Rotondo dopo alcuni servizi notturni. I militari hanno trovato diverse tonnellate di rifiuti plastici e di scarti di coltivazioni serricole, che erano stati sottratti a regolare smaltimento. «L’accumulo di rifiuti speciali e delle materie plastiche - sottolineano i carabinieri - ed in particolare la loro combustione, provoca lo sversamento nel terreno di liquidi e sostanze altamente nocive quali le diossine e i policlorobifenili, che possono inquinare il suolo e le relative falde acquifere, mentre nell’aria si liberano idrocarburi policiclici altamente inquinanti».

Il proprietario dovrà rispondere dei reati di abbandono, combustione e smaltimento illecito di rifiuti speciali con emissioni diffuse in atmosfera di polveri. Le indagini intanto vanno avanti: sono infatti tuttora in corso accertamenti per individuare corpi metallici nel sottosuolo e accertare il livello e la gravità dell’inquinamento prodotto.

Flashnews

Tutte le Flash

MeridioNews è una testata registrata presso il tribunale di Catania n.18/2014
Direttora responsabile: Claudia Campese Editore Mediaplan Soc. Coop. Sociale
Riproduzione riservata

Viaggiare in Sicilia

Percorsi, itinerari e consigli per chi vuole viaggiare in Sicilia lontano dalle solite mete e dai circuiti turistici di massa

Il calcio che conta (storie dalle periferie del pallone)

Lontano dai riflettori della serie A, le storie e i profili più interessanti dalle squadre siciliane impegnate nei campionati minori

Giustizia per Emanuele Scieri

Il paracadutista siracusano è stato trovato morto nella caserma di Pisa nel 1999. Ora si cerca di ricostruire quanto successo

Muos, l'eco mostro di Niscemi

Contro l'impianto della base Usa di Niscemi, da anni si battono comitati, associazioni e cittadini

La mafia nel Siracusano

La provincia di Siracusa - soprattutto la parte Sud, tra Noto, Pachino e Avola - deve fare i conti con una criminalità organizzata che condiziona sempre più le attività economiche, a cominciare dall'agricoltura

Leggi tutti i Dossier

Segnala una notizia

Utilizzando questo form puoi segnalare le tue notizie alla redazione

Invia un tuo contributo

I campi contrassegnati con * sono obbligatori

×