Edizioni MeridioNews

Edizioni MeridioNews

Edizione Sicilia

Licata, assassinato un agricoltore di 52 anni
Almeno due killer, colpi a gambe e addome

L'agguato è avvenuto tra le serre del fondo in cui la vittima lavorava. L'uomo, Giacinto Marzullo, non aveva precedenti penali e non era noto alle forze di polizia. Gli investigatori hanno sentito i familiari e gli amici per capire se di recente avesse avuto dei dissidi. Già nelle prossime ore potrebbe svolgersi l'autopsia 

Gero Rizzo

Cinque colpi di pistola per uccidere un agricoltore senza passato. In serata, nelle campagne di Licata, vicino alla spiaggia di Mollarella, è stato assassinato Giacinto Marzullo, 52enne senza precedenti penali.

L’uomo, secondo la ricostruzione della polizia che indaga sull’accaduto, era al lavoro tra le serre del suo fondo, in contrada Ritornella Margi, a pochi chilometri dall’abitato di Licata. I killer, almeno un paio secondo gli investigatori, sono entrati in azione nel tardo pomeriggio, prima che l’uomo tornasse a casa. Sono entrati nel terreno di Marzullo e lo hanno trovato davanti al deposito degli attrezzi. Hanno iniziato a fare fuoco subito, l’agricoltore ha provato a scappare, ma è stato inseguito e finito. È stata usata una pistola calibro 9, con i colpi diretti alle gambe ed all’addome, che non gli hanno dato scampo.

Una chiamata alla sala operativa del 118 ha avvertito dell’accaduto. Qualcuno al telefono, anonimamente, ha detto che c’era un uomo a terra, in una pozza di sangue. I sanitari si sono precipitati sul posto e hanno trovato l’agricoltore, ma si sono resi conto che per lui non c’era più nulla da fare. Non hanno potuto fare altro che constatare il decesso. Hanno dato l’allarme e sul posto sono intervenuti gli agenti del commissariato di polizia per i rilievi di rito.

Giacinto Marzullo, secondo quanto accertato dai poliziotti, non aveva mai avuto problemi con la giustizia, con l’omicidio che per gli inquirenti si presenta come un vero e proprio rebus. In serata sono stati sentiti i familiari, i parenti e gli amici della vittima, nel tentativo di comprendere se di recente l’agricoltore avesse avuto dei dissidi, se avesse dei nemici.

Il cadavere è stato rimosso non appena il magistrato di turno ha dato l’autorizzazione ed è verosimile che già oggi sia eseguita l’autopsia. Per il momento la polizia, nel tentativo di trovare una spiegazione al delitto, non esclude alcuna pista

MeridioNews è una testata registrata presso il tribunale di Catania n.18/2014
Direttora responsabile: Claudia Campese Editore Mediaplan Soc. Coop. Sociale
Riproduzione riservata

Giustizia per Emanuele Scieri

Il paracadutista siracusano è stato trovato morto nella caserma di Pisa nel 1999. Ora si cerca di ricostruire quanto successo

Mario Ciancio e la mafia

Le indagini, la richiesta di archiviazione, il rigetto del giudice per le indagini preliminari e il proscioglimento. Tutte le tappe dell'avventura giudiziaria del direttore-editore del quotidiano etneo La Sicilia, imprenditore edilizio di opere pubbliche e private

Muos, l'eco mostro di Niscemi

Contro l'impianto della base Usa di Niscemi, da anni si battono comitati, associazioni e cittadini

Il sistema Montante

L'arresto di Antonello Montante ha scoperchiato un sistema di potere che tocca politica, forze dell'ordine, mafia e imprenditoria

Nebrodi, tra mafia e rilancio

È il polmone verde più grande della Sicilia. Ma anche il luogo dove una criminalità violenta ha regnato incontrastata per anni

Leggi tutti i Dossier

Segnala una notizia

Utilizzando questo form puoi segnalare le tue notizie alla redazione

Invia un tuo contributo

I campi contrassegnati con * sono obbligatori

×

Abbonati a MeridioNews
il primo mese è gratuito

Raccontiamo il tuo quotidiano

×

Dall'8 luglio per leggere su smartphone e tablet le notizie di MeridioNews chiediamo il tuo supporto. In cambio avrai accesso a tutti i contenuti, inclusi quelli speciali, senza pubblicità invasiva.

Disabilita AdBlock

Disabilita le estensioni "AdBlock" e ricarica la pagina per leggere MeridioNews