Edizioni MeridioNews

Edizioni MeridioNews

Edizione Sicilia

Vittoria, ancora minacce all'imprenditore Ciaculli
Dal 2012 denuncia infiltrazioni nella distribuzione

L'auto bruciata e un mazzo di fiori. Sono solo le ultime intimidazioni rivolte al 52enne che da anni si trova nel mirino della criminalità, perché accusato di essersi voluto ribellare a un meccanismo di contraffazione dei marchi, che avrebbe riguardato anche Lidl. «Mi considerano uno sbirro», dichiara a MeridioNews

Simone Olivelli

Un'auto bruciata, un mazzo di fiori davanti la porta e un biglietto di minacce. Sono soltanto gli ultimi gesti compiuti da coloro che, da tre anni a questa parte, puntano a rendere un inferno la vita di Maurizio Ciaculli, l'imprenditore agricolo di Vittoria da tempo vittima di intimidazioni, dopo che nel 2012 denunciò le presunte infiltrazioni della criminalità organizzata nel settore della grande distribuzione agroalimentare.

«Intorno alle 3 sono stato svegliato da mio figlio che mi ha avvertito che l'auto stava andando a fuoco - dichiara a MeridioNews - ma neanche il tempo di scendere in strada che non c'era più nulla da fare». Cinquantadue anni, Ciaculli oramai non lavora più e si mantiene con la pensione di invalidità della moglie e l'aiuto dei parenti. «Mi hanno stretto il cerchio attorno, chiudendomi ogni possibilità di continuare a lavorare - continua - perché diciamolo chiaramente: in questa società io vengo considerato uno sbirro». Il suo nome è salito agli onori della cronaca dopo che quattro anni fa prese posizioni contro quegli attori economici che, a detta dell'imprenditore, si sono resi responsabili di contraffazione del marchio e riciclaggio di denaro. «Lidl vendeva prodotti spagnoli usando il mio marchio. È da quel momento che per me sono iniziati i problemi», sottolinea.

Prima di arrivare alle minacce, qualcuno tentò di convincere Ciaculli a ritornare sui propri passi, ritirando la denuncia. «Nel 2013 mi offrirono 150mila euro, quella cifra avrebbe dovuto comprare il mio silenzio - racconta -. Mentre se fossi andato avanti per la mia strada per me e la mia famiglia sarebbero stati guai». Dalle parole ai fatti, il passo fu breve. Le intimidazioni iniziarono con telefonate anonime. «Mi facevano sentire un ticchettio come fosse una bomba - prosegue l'imprenditore -. Poi fu la volta di una gatta putrefatta lasciata davanti casa, per arrivare a tagliarmi la strada e all'incendio del mio opificio». Prima della notte scorsa, tuttavia, negli ultimi dieci mesi i persecutori di Ciaculli sembravano aver mollato la presa. «L'ultimo gesto era stata una lettera minatoria a novembre», specifica il 52enne.

A fare da contraltare alla presenza costante della criminalità nella vita dell'imprenditore, c'è la distanza con cui le istituzioni avrebbero trattato il caso. «Per un periodo fu deciso che le forze dell'ordine venissero a controllare tre volte al giorno se stavo bene, ma non ho mai ricevuto alcuna reale protezione. Nonostante io continui a essere in reale pericolo», ammette sconsolato l'uomo.

La vita di Ciaculli prosegue così tra l'ansia e l'attesa che le proprie denunce portino a risultati concreti. «Le indagini seguite alle mie parole hanno portato a richieste di rinvii a giudizio per diverse persone, ma si attende ancora la decisione del giudice per le indagini preliminari», conclude l'imprenditore vittoriese. 

MeridioNews è una testata registrata presso il tribunale di Catania n.18/2014
Direttora responsabile: Claudia Campese Editore RMB s.r.l.
Riproduzione riservata

Coronavirus, tutto quello che c'è da sapere

La cronaca, gli aggiornamenti, le disposizioni della Regione, le informazioni utili, gli effetti collaterali. Tutto quello che c'è da sapere sul nuovo virus, arrivato anche nell'Isola.

Giustizia per Emanuele Scieri

Il paracadutista siracusano è stato trovato morto nella caserma di Pisa nel 1999. Ora si cerca di ricostruire quanto successo

Elezioni comunali 2021 in Sicilia

Il 10 e 11 ottobre e il 24 e 25 ottobre 2021 in diversi Comuni siciliani si vota per le Amministrative. I cittadini saranno chiamati alle urne per scegliere nuovi sindaci e consiglieri comunali. Il percorso di avvicinamento al voto e i risultati degli scrutini

Il sistema Montante

L'arresto di Antonello Montante ha scoperchiato un sistema di potere che tocca politica, forze dell'ordine, mafia e imprenditoria

Mario Ciancio e la mafia

Le indagini, la richiesta di archiviazione, il rigetto del giudice per le indagini preliminari e il proscioglimento. Tutte le tappe dell'avventura giudiziaria del direttore-editore del quotidiano etneo La Sicilia, imprenditore edilizio di opere pubbliche e private

Leggi tutti i Dossier

Segnala una notizia

Utilizzando questo form puoi segnalare le tue notizie alla redazione

Invia un tuo contributo

I campi contrassegnati con * sono obbligatori

×