Edizioni MeridioNews

Edizioni MeridioNews

Edizione Sicilia

Siracusa: fece esplodere bomba carta al bar, arrestato
Un «ordigno micidiale» piazzato dopo una banale lite

Un 32enne - già ai domiciliari - è finito in carcere perché ritenuto responsabile dell'episodio al bar Viola, in Ortigia, la notte del 6 gennaio 2021. «No estorsioni, solo qualche caffè bruciato», aveva detto già all'epoca il titolare a MeridioNews. Guarda il video

Marta Silvestre

È arrivato l'avviso di conclusione delle indagini per l'uomo ritenuto responsabile di avere fatto esplodere una bomba carta davanti al batr Viola in via Giacomo Matteotti a Siracusa, nel centro storico di Ortigia la notte del 6 gennaio del 2021. Le indagini svolte dagli agenti della squadra mobile hanno consentito di individuare un 32enne siracusano che avrebbe agito per vendicarsi di un banale alterco all'interno del locale. L'uomo - che si trovava già agli arresti domiciliari per un'altra causa - è stato arrestato e portato in carcere. Sin da subito, il titolare del bar aveva dichiarato a MeridioNews che l'episodio non era da ricondurre a un atto intimidatorio: «Non ho mai ricevuto richieste di racket o di estorsioni e con i clienti nessun problema al netto di qualche caffè bruciato». 

L'esplosione dell'ordigno rudimentale aveva danneggiato un ingresso laterale a vetri, le pareti e il soffitto e divelto la porta in alluminio e del locale. L'onda d'urto aveva provocato anche qualche lieve danno ai primi piani delle case accanto. Decine di segnalazioni erano arrivate dai residenti della zona svegliati dal boato intorno all'1.50. Un'esplosione così violenta che i poliziotti non erano riusciti a repertare alcun frammento di materiale riconducibile all’ordigno completamente distrutto. Era stato poi l'intervento del nucleo artificieri della questura di Catania a scoprire che si trattava di un « ordigno avente una spiccata potenzialità offensiva e il requisito della micidialità». Le indagini si sono avvalse sia delle informazioni rese dai testimoni che dell'analisi dei filmati registrati dalle telecamere di videosorveglianza della zona. 

Nel capoluogo aretuseo, dal 2017 a periodi alterni, gli episodi di questo genere sono stati tanti. Rosticcerie, paninerie, pizzerie, pub, un rivenditore di dolciumi, una palestra, un barbiere, un fabbro, un circolo ricreativo, un centro scommesse. Stando a quanto emerso finora dalle indagini, però, la matrice non sarebbe unica e non sarebbe in ogni caso riconducibile al racket delle estorsioni. In alcuni casi, come in questo, il movente sarebbe stato legato a screzi personali, mentre in altri a questioni riguardanti il mondo del traffico e dello spaccio di droga.

MeridioNews è una testata registrata presso il tribunale di Catania n.18/2014
Direttora responsabile: Claudia Campese Editore RMB s.r.l.
Riproduzione riservata

Elezioni comunali 2022 in Sicilia

Tutti gli aggiornamenti, le interviste e le analisi del voto per le elezioni comunali 2022 in Sicilia. 

Covid, quello che c'è da sapere

La cronaca, gli aggiornamenti, le disposizioni della Regione, le informazioni utili, gli effetti collaterali. Tutto quello che c'è da sapere sul nuovo virus, arrivato anche nell'Isola.

Mario Ciancio e la mafia

Le indagini, la richiesta di archiviazione, il rigetto del giudice per le indagini preliminari e il proscioglimento. Tutte le tappe dell'avventura giudiziaria del direttore-editore del quotidiano etneo La Sicilia, imprenditore edilizio di opere pubbliche e private

Giustizia per Emanuele Scieri

Il paracadutista siracusano è stato trovato morto nella caserma di Pisa nel 1999. Ora si cerca di ricostruire quanto successo

Il sistema Montante

L'arresto di Antonello Montante ha scoperchiato un sistema di potere che tocca politica, forze dell'ordine, mafia e imprenditoria

Leggi tutti i Dossier

Segnala una notizia

Utilizzando questo form puoi segnalare le tue notizie alla redazione

Invia un tuo contributo

I campi contrassegnati con * sono obbligatori

×