Edizioni MeridioNews

Edizioni MeridioNews

Edizione Sicilia

Siracusa, ordigno fatto esplodere vicino tavola calda
Titolare: «Forse a qualcuno non piace che lavoriamo»

La bomba rudimentale è stata innescata la notte scorsa. Proprietario del Planet Food Ciritorno è Luigi Terracciano, che ritiene non si tratti di un esplicito tentativo di estorsione - «Non abbiamo avuto richieste» - e assicura di voler continuare. «Abbiamo ricevuto la solidarietà di tanti cittadini», racconta

Marta Silvestre

Un ordigno rudimentale è stato fatto esplodere nella notte davanti all’ingresso laterale di una tavola calda in viale Luigi Cadorna, a Siracusa. La deflagrazione, che è stata avvertita in tutta la zona circostante causando notevoli danni alle strutture murarie del locale, è avvenuta intorno all’1,45. Sul posto sono intervenuti i vigili del fuoco e la polizia che ha effettuato i rilievi del caso e sta conducendo le indagini per risalire agli autori dell’intimidazione.

A dare l’allarme, il proprietario del Planet Food Ciritorno, Luigi Terracciano, che abita nella palazzina di fronte all’attività commerciale. «Avevamo riaperto da poco più di un mese dopo una lunga chiusura per ristrutturare e ampliare i locali», racconta a Meridionews

Abbastanza conosciuto in città, Terracciano è proprietario anche di un’altra attività commerciale che, come la tavola calda, è a conduzione familiare e si occupa di vendita e assistenza tecnica di macchine per l’ufficio. Il negozio ha sede nello stesso immobile dove si trova la tavola calda. «Pian piano stavamo ricominciando a lavorare di nuovo anche in questo settore - continua il titolare -, tenendo conto che, dato il periodo, tutto viene in salita. Tuttavia stavamo iniziando a creare una nostra clientela».

Inizialmente scoraggiato, il titolare aveva annunciato sul suo profilo Facebook l’intenzione di non riaprire più. «È stato uno sfogo perché subire un atto del genere ti toglie la speranza di continuare a stringere i denti lavorando dalla mattina alla sera, ma - assicura Terracciano - abbiamo ricevuto una forte spinta dalla solidarietà delle persone che, in particolare sui social network, si sono mobilitate».

Mentre la Squadra mobile sta conducendo le indagini, il proprietario si dice «deciso a non arrendersi e pronto a continuare a portare avanti l’attività commerciale insieme a mia moglie e ai miei figli anche perché mi sono reso conto a sangue freddo che chiudere i battenti sarebbe stato il modo peggiore di reagire». Sulle motivazioni che avrebbero spinto a fare questo gesto, Terracciano sembra non avere dubbi. «Sono certo non si sia trattato di un tentativo di estorsione. Non abbiamo mai avuto alcun tipo di richiesta, né abbiamo mai subito intimidazioni - commenta -. Forse qualcuno si è sentito i piedi pestati dalla nostra attività». 

L'esplosione però ha scaturito l'effetto opposto. «Chiunque è stato ha risvegliato la coscienza di molti siracusani e ha rafforzato in me e nelle mia famiglia la carica per andare avanti più forti di prima», conclude Terracciano.

MeridioNews è una testata registrata presso il tribunale di Catania n.18/2014
Direttora responsabile: Claudia Campese Editore RMB s.r.l.
Riproduzione riservata

Covid, quello che c'è da sapere

La cronaca, gli aggiornamenti, le disposizioni della Regione, le informazioni utili, gli effetti collaterali. Tutto quello che c'è da sapere sul nuovo virus, arrivato anche nell'Isola.

Elezioni comunali 2022 in Sicilia

Tutti gli aggiornamenti, le interviste e le analisi del voto per le elezioni comunali 2022 in Sicilia. 

Giustizia per Emanuele Scieri

Il paracadutista siracusano è stato trovato morto nella caserma di Pisa nel 1999. Ora si cerca di ricostruire quanto successo

Mario Ciancio e la mafia

Le indagini, la richiesta di archiviazione, il rigetto del giudice per le indagini preliminari e il proscioglimento. Tutte le tappe dell'avventura giudiziaria del direttore-editore del quotidiano etneo La Sicilia, imprenditore edilizio di opere pubbliche e private

Il sistema Montante

L'arresto di Antonello Montante ha scoperchiato un sistema di potere che tocca politica, forze dell'ordine, mafia e imprenditoria

Leggi tutti i Dossier

Segnala una notizia

Utilizzando questo form puoi segnalare le tue notizie alla redazione

Invia un tuo contributo

I campi contrassegnati con * sono obbligatori

×