Foto di Marta Silvestre

Assolto Mario Ciancio Sanfilippo. Era accusato di concorso esterno in associazione mafiosa

È stato assolto l’editore ex monopolista dell’informazione Mario Ciancio Sanfilippo, a processo per concorso esterno in associazione mafiosa davanti la prima sezione penale del tribunale di Catania. Il dispositivo è stato letto alle 12.39 dal presidente Roberto Passalacqua in un’aula del secondo piano. La formula scelta è quella «perché il fatto non sussiste». Fissato il termine di 90 giorni per il deposito delle motivazioni. «Siamo comunque soddisfatti perché Ciancio è andato a giudizio in una città che non voleva che ciò avvenisse. È stata affermata una verità storica e siamo indifferenti sul suo destino giudiziario», spiega a MeridioNews Dario Montana, parte civile nel processo insieme al fratello Gerlando, attraverso l’avvocato Goffredo D’Antona. «Il processo è stato frutto di un percorso attento e particolare e con questo dispositivo viene restituita dignità a Ciancio», spiegano all’uscita gli avvocati Carmelo Peluso e Francesco Colotti, difensori dell’imprenditore.

La carta d’identità dice 91 anni. Quasi un secolo di storia per uno degli uomini più potenti della Sicilia e non solo. Dall’informazione agli affari legati ai centri commerciali, passando una ricca eredità, la fitta rete di relazioni, con politici, ministri ma non solo, e quella passione totalizzante per l’arte e i reperti antichi. In mezzo le vicende giudiziarie e il fardello della pesante accusa di concorso esterno in associazione mafiosa all’ombra della famiglia di Cosa nostra dei Santapaola-Ercolano. Ciancio, volendo provare a essere sintetici, è tutto questo. Oggi al palazzo di giustizia di piazza Giovanni Verga c’è sta la lettura del dispositivo con la sentenza del processo di primo grado di un processo durato cinque anni e a cui l’editore non ha mai risposto «presente» all’appello iniziale del presidente Roberto Passalacqua.

Nei confronti dell’editore ed ex direttore del quotidiano La Sicilia la procura di Catania aveva chiesto, il 20 marzo 2023, la condanna a 12 anni, la confisca dei beni per un ammontare di 40 milioni di euro e l’interdizione perpetua dai pubblici uffici. Per arrivare alla requisitoria dei pubblici ministeri, Agata Santonocito e Antonino Fanara, bisogna ricordare alcune tappe di una vicenda giudiziaria lunga 15 anni e in cui si sono alternati tre procuratori capi: Enzo D’Agata, Giovanni Salvi e, infine, Carmelo Zuccaro. Nel 2012 – tre anni dopo l’inizio delle indagini – era stata la stessa procura a chiedere l’archiviazione del fascicolo nei confronti di Ciancio. Scenario respinto con la decisione del giudice per le indagini preliminari Luigi Barone di effettuare un supplemento di indagini. Tre anni dopo la procura cambia idea e decide di chiedere il rinvio a giudizio dell’editore ma a pensarla diversamente è la giudice Gaetana Bernabò Di Stefano. Nel 2015 dispone il non luogo a procedere nei confronti dell’editore con una sentenza che sollevò un polverone all’interno dello stesso ufficio gip di Catania. Oggetto del contendere le valutazione di Bernabò Di Stefano sull’inesistenza del reato di concorso esterno in associazione mafiosa. Tesi mal digerita che portò la procura a impugnare la sentenza in Cassazione. I giudici ermellini il 14 settembre 2016 annullano il proscioglimento di Ciancio e rimandano tutto alla fase dell’udienza preliminare.

L’1 giugno 2017 è la giudice Loredana Pezzino a disporre il rinvio a giudizio. L’editore, ex monopolista dell’informazione, in aula non si vede mai ma in sua difesa parlano i suoi avvocati: Carmelo Peluso, Francesco Colotti e Giulia Bongiorno. Ciancio si affida invece a una dichiarazione rilasciata all’Ansa – di cui è stato vicepresidente e che ha gli uffici nello stesso palazzo de La Sicilia -: «Non ho dubbi che sarò assolto da ogni addebito», dice. Si arriva così al processo, cominciato a marzo 2018. Decine di testimoni, pentiti e verbali vengono passati in rassegna. In aula vengono ripercorse tutte le vicende legate ai grandi affari. Da quello legato alla costruzione dell’ospedale Garibaldi-Nesima passando per il Piano urbanistico attuativo di Catania e l’intercettazione, svelata da MeridioNews e poi approdata in commissione antimafia nazionale, tra l’editore ed Enzo Bianco. Ci sono anche i centri commerciali: Porte di Catania, Sicily Outlet Village, Tenutella e Mito. Sotto la lente d’ingrandimento pure la linea editoriale del quotidiano di cui Ciancio è stato per decenni direttore e padrone. I casi più noti sono la lettera del capomafia Vincenzo Santapaola, figlio di Nitto, pubblicata senza filtri mentre si trovava sottoposto al regime del carcere duro, ma anche il caso del pentimento del sicario Maurizio Avola e il mancato necrologio del commissario Beppe Montana, ucciso dalla mafia nel 1985 a Santa Flavia, in provincia di Palermo. I fratelli del poliziotto, Dario e Gerlando, si sono costituiti parte civile nel processo attraverso l’avvocato Goffredo D’Antona. Le altre parti civili sono state l’associazione Libera, l’ordine dei giornalisti di Sicilia, il Comune di Catania e l’associazione SOS Impresa.

Mario Ciancio e la mafia – Leggi il dossier di MeridioNews


Dalla stessa categoria

I più letti

Dal controllo della velocità alla segnalazione di un imminente pericolo. Sono gli Adas, i sistemi avanzati di assistenza alla guida che aumentano non solo la sicurezza, ma anche il comfort durante i viaggi in auto. Più o meno sofisticati, i principali strumenti Adas sono ormai di serie nelle auto più nuove, come quelle a noleggio. […]

Un aiuto concreto ai lavoratori per affrontare il carovita. Ma anche un modo per rendere più leggero il contributo fiscale delle aziende. Sono le novità introdotte dalla conversione in legge del cosiddetto decreto lavoro, tra cui figura una nuova soglia dell’esenzione fiscale dei fringe benefit per il 2023, portata fino a un massimo di 3mila euro. […]

Bottiglie in plastica del latte che diventano dei colorati maialini-salvadanaio. Ricostruzioni di templi greci che danno nuova vita al cartone pressato di un rivestimento protettivo. Ma anche soluzioni originali di design, come una lampada composta da dischi di pvc, un grande orologio da parete in stile anni ’70 in polistirolo e due sedie perfettamente funzionanti […]

«Era come avere la zip del giubbotto chiusa sopra e aperta sotto: ecco, noi abbiamo voluto chiudere la zip di questo giubbotto». Indispensabile se si parla di Etna, dove fa sempre fresco. È nato così CraterExpress, la nuova proposta che permette di raggiungere la vetta del vulcano a partire dal centro di Catania, con quattro […]

La notizia della morte di Ubaldo Ferrini ha aperto nella mia mente una caterva di finestrelle come pop-up. Finestrelle alle quali non saprei neanche dare un ordine preciso. Ricordi forse anche sbagliati (chiedo ai lettori di correggermi ove sbagliassi), ma di una cosa sono certo: questi pop-up sono uniti da un filo conduttore a cavallo […]

Dodici mesi, 52 settimane e 365 giorni (attenzione, il 2024 è bisestile e quindi avremo un giorno in più di cui lamentarci). Un tempo legato da un unico filo: l’inadeguatezza. Culturale, innanzitutto, ma anche materiale, davanti ai temi complessi, vecchi e nuovi. Difficoltà resa evidente dagli argomenti che hanno dominato il 2023 siciliano; su tutti, […]

Il seme del cambiamento. Timido, fragile e parecchio sporco di terra, ma è quello che pare stia attecchendo in questi ultimi mesi, dopo i più recenti episodi di violenza sulle donne. In principio, quest’estate, fu lo stupro di gruppo a Palermo. In questi giorni, il femminicidio di Giulia Cecchettin in Veneto. Due storie diverse – […]

Mai come in campagna elettorale si parla di turismo. Tornando da Palermo con gli occhi pieni dei metri di coda – moltiplicata per varie file di serpentina – per visitare la cappella Palatina e qualunque mostra appena un piano sotto, lo stato di musei e beni archeologici di Catania non può che suscitare una domanda: […]

Riforme che potrebbero essere epocali, in termini di ricaduta sulla gestione dei territori e nella vita dei cittadini, ma che sembrano frenate dalla passività della politica. Sembra serena ma pratica- e soprattutto, attendista – la posizione di Ignazio Abbate, parlamentare della Democrazia Cristiana Nuova chiamato a presiedere la commissione Affari istituzionali dell’Assemblea regionale siciliana. Quella […]

Dai rifiuti alla mobilità interna della Sicilia, che avrà una spinta grazie al ponte sullo Stretto. Ne è convinto Giuseppe Carta, deputato regionale in quota autonomisti, presidente della commissione Ambiente, territorio e mobilità all’Assemblea regionale siciliana. Tavolo di lavoro che ha in mano anche due leggi su temi particolarmente delicati: urbanistica e appalti. Con in […]

Dall’agricoltura alle soluzioni per il caro energia; dalle rinnovabili di difficile gestione pubblica allo sviluppo delle imprese bandiera del governo di Renato Schifani. Sono tanti, vari e non semplici i temi affidati alla commissione Attività produttive presieduta da Gaspare Vitrano. Deputato passato dal Pd a Forza Italia, tornato in questa legislatura dopo un lungo processo […]