Mafia, il gip si riserva di decidere su Ciancio Archiviazione, rinvio o imputazione coatta?

Indagato per concorso esterno in associazione mafiosa, Mario Ciancio Sanfilippo, editore del quotidiano La Sicilia, dovrà ancora attendere ancora qualche giorno per conoscere il pronunciamento del giudice. Il gip Luigi Barone si è infatti riservato di decidere sulla richiesta di archiviazione presentata dalla Procura di Catania nei confronti dell’imputato. La richiesta è stata illustrata nell’udienza camerale di oggi dal sostituto procuratore della Dda Antonino Fanara, cui ha replicato l’avvocato Enzo Musco, difensore di Ciancio. E adesso resta solo da aspettare per conoscere il futuro giudiziario dell’editore, oggi presente in aula: tutte le ipotesi, dall’archiviazione, al rinvio a giudizio, fino all’imputazione coatta, restano aperte.

Imprenditore tra i più potenti di Sicilia, nel corso delle indagini partite a marzo 2009 sono state analizzate le attività di Ciancio fin dal 1982. Con interessi che spaziano dall’editoria locale e nazionale fino all’edilizia, l’imprenditore, secondo le dichiarazioni del collaboratore di giustizia Angelo Siino, avrebbe dimostrato un atteggiamento da un «uomo a disposizione» di Cosa nostra. A supporto dell’ipotesi degli inquirenti vari episodi, come quello del 1984 del rifiuto di pubblicare i necrologi per il giornalista Pippo Fava ucciso dalla mafia. Condotta ripetutasi l’anno dopo con un’altra vittima di Cosa nostra, il commissario di polizia Beppe Montana, quanto sulle pagine del quotidiano locale furono anticipate le dichiarazioni che il pentito Luciano Grasso avrebbe dovuto tenere davanti ai magistrati. Dichiarazioni comprensive dell’indirizzo di casa di Montana e che ne avrebbero compromesso l’incolumità.

Nel fascicolo di accusa contro Ciancio si fa riferimento anche a un episodio con protagonista il boss mafioso Pippo Ercolano. Non avendo gradito la definizione di mafioso in un articolo de La Sicilia, il braccio destro di Nitto Santapaola andò a fare una scenata in redazione con tanto di soddisfazione. Ovvero di tirata d’orecchie al cronista il quale sarebbe stato invitato a non usare mai più un simile aggettivo accanto al nome Ercolano, neanche quando ad usarlo fossero state le forze dell’ordine in un comunicato.

Clicca sull’immagine per ingrandire e scaricare l’infografica

Tra qualche giorno il gip Barone deciderà il destino del processo a Mario Ciancio Sanfilippo. Di certo sono già quattro le accuse di concorso esterno in associazione mafiosa, quattro le richieste di archiviazione e sempre quattro i rifiuti da parte dello stesso giudice. Tre comunque le possibilità: l’archiviazione, l’imputazione coatta e l’inizio di un processo  o il rinvio dell’archiviazione per ulteriori indagini.

 


Dalla stessa categoria

I più letti

Il gip Luigi Barone si è riservato di prendere una decisione in merito alla richiesta di archiviazione per Mario Ciancio Sanfilippo presentata dalla Procura di Catania. L’accusa per l'editore del quotidiano La Sicilia è di concorso esterno in associazione mafiosa. Tra qualche giorno si saprà se ci sarà l’archiviazione, l’imputazione coatta e l’inizio di un processo oppure il rinvio dell’archiviazione per ulteriori indagini

Il gip Luigi Barone si è riservato di prendere una decisione in merito alla richiesta di archiviazione per Mario Ciancio Sanfilippo presentata dalla Procura di Catania. L’accusa per l'editore del quotidiano La Sicilia è di concorso esterno in associazione mafiosa. Tra qualche giorno si saprà se ci sarà l’archiviazione, l’imputazione coatta e l’inizio di un processo oppure il rinvio dell’archiviazione per ulteriori indagini

Il gip Luigi Barone si è riservato di prendere una decisione in merito alla richiesta di archiviazione per Mario Ciancio Sanfilippo presentata dalla Procura di Catania. L’accusa per l'editore del quotidiano La Sicilia è di concorso esterno in associazione mafiosa. Tra qualche giorno si saprà se ci sarà l’archiviazione, l’imputazione coatta e l’inizio di un processo oppure il rinvio dell’archiviazione per ulteriori indagini

Dal controllo della velocità alla segnalazione di un imminente pericolo. Sono gli Adas, i sistemi avanzati di assistenza alla guida che aumentano non solo la sicurezza, ma anche il comfort durante i viaggi in auto. Più o meno sofisticati, i principali strumenti Adas sono ormai di serie nelle auto più nuove, come quelle a noleggio. […]

Un aiuto concreto ai lavoratori per affrontare il carovita. Ma anche un modo per rendere più leggero il contributo fiscale delle aziende. Sono le novità introdotte dalla conversione in legge del cosiddetto decreto lavoro, tra cui figura una nuova soglia dell’esenzione fiscale dei fringe benefit per il 2023, portata fino a un massimo di 3mila euro. […]

Bottiglie in plastica del latte che diventano dei colorati maialini-salvadanaio. Ricostruzioni di templi greci che danno nuova vita al cartone pressato di un rivestimento protettivo. Ma anche soluzioni originali di design, come una lampada composta da dischi di pvc, un grande orologio da parete in stile anni ’70 in polistirolo e due sedie perfettamente funzionanti […]

«Era come avere la zip del giubbotto chiusa sopra e aperta sotto: ecco, noi abbiamo voluto chiudere la zip di questo giubbotto». Indispensabile se si parla di Etna, dove fa sempre fresco. È nato così CraterExpress, la nuova proposta che permette di raggiungere la vetta del vulcano a partire dal centro di Catania, con quattro […]

Dodici mesi, 52 settimane e 365 giorni (attenzione, il 2024 è bisestile e quindi avremo un giorno in più di cui lamentarci). Un tempo legato da un unico filo: l’inadeguatezza. Culturale, innanzitutto, ma anche materiale, davanti ai temi complessi, vecchi e nuovi. Difficoltà resa evidente dagli argomenti che hanno dominato il 2023 siciliano; su tutti, […]

Il seme del cambiamento. Timido, fragile e parecchio sporco di terra, ma è quello che pare stia attecchendo in questi ultimi mesi, dopo i più recenti episodi di violenza sulle donne. In principio, quest’estate, fu lo stupro di gruppo a Palermo. In questi giorni, il femminicidio di Giulia Cecchettin in Veneto. Due storie diverse – […]

Mai come in campagna elettorale si parla di turismo. Tornando da Palermo con gli occhi pieni dei metri di coda – moltiplicata per varie file di serpentina – per visitare la cappella Palatina e qualunque mostra appena un piano sotto, lo stato di musei e beni archeologici di Catania non può che suscitare una domanda: […]

Riforme che potrebbero essere epocali, in termini di ricaduta sulla gestione dei territori e nella vita dei cittadini, ma che sembrano frenate dalla passività della politica. Sembra serena ma pratica- e soprattutto, attendista – la posizione di Ignazio Abbate, parlamentare della Democrazia Cristiana Nuova chiamato a presiedere la commissione Affari istituzionali dell’Assemblea regionale siciliana. Quella […]

Dai rifiuti alla mobilità interna della Sicilia, che avrà una spinta grazie al ponte sullo Stretto. Ne è convinto Giuseppe Carta, deputato regionale in quota autonomisti, presidente della commissione Ambiente, territorio e mobilità all’Assemblea regionale siciliana. Tavolo di lavoro che ha in mano anche due leggi su temi particolarmente delicati: urbanistica e appalti. Con in […]

Dall’agricoltura alle soluzioni per il caro energia; dalle rinnovabili di difficile gestione pubblica allo sviluppo delle imprese bandiera del governo di Renato Schifani. Sono tanti, vari e non semplici i temi affidati alla commissione Attività produttive presieduta da Gaspare Vitrano. Deputato passato dal Pd a Forza Italia, tornato in questa legislatura dopo un lungo processo […]