Processo Ciancio, durante la requisitoria analizzati «i grandi affari» dell’editore. Dal Garibaldi ai centri commerciali

I «grandi affari». Due parole che racchiudono investimenti, accordi, pressioni, rapporti politici e una miriade di società. Sono quelli che, per almeno un decennio, hanno avuto come protagonista Mario Ciancio Sanfilippo. L’editore – 91 anni il 29 maggio prossimo – è a processo per concorso esterno in associazione mafiosa. In un palazzo di giustizia deserto, oggi pomeriggio è andata in scena la seconda parte della requisitoria, con l’accusa rappresentata dai magistrati Agata Santonocito e Antonino Fanara. Per le richieste bisognerà aspettare il prossimo appuntamento.

L’editore, ed ex direttore del quotidiano La Sicilia, come sempre è avvenuto durante questo processo, non era presente in aula. Nell’elenco dei «grandi affari», analizzati davanti alla corte presieduta dal giudice Roberto Passalacqua, c’è pure l’appalto per il secondo lotto dell’ospedale Garibaldi. Vicenda giudiziaria risalente al 1997 in cui Ciancio sarebbe stato il protagonista di uno dei tre «input», come li ha definiti Fanara, che avevano come destinatari coloro che facevano parte della commissione di gara chiamata a valutare eventuali anomalie nelle offerte. Uno dei componenti era l’ingegnere Giuseppe Ursino che di Ciancio era braccio destro oltre ad avere il proprio ufficio nel palazzo del quotidiano La Sicilia. «Ursino convocò gli altri due componenti nella propria stanza e successivamente vennero ricevuti da Ciancio – racconta il magistrato in aula ripercorrendo la vicenda – L’editore mise una mano sulla spalla di Ursino e disse che bisognava fare le cose per bene “altrimenti si finisce nei guai e io sono costretto a mettere le foto sul giornale“». Una «minaccia» che avrebbe avuto come fine quello di incidere sulle scelte della commissione in favore dell’impresa Cgp guidata all’epoca da Giulio Romagnoli, a discapito della Fratelli Costanzo in amministrazione giudiziaria.

Durante la requisitoria spazio anche al Pua, il piano urbanistico attuativo di Catania. Un progetto, all’ombra di mafia e speculazione edilizia, da oltre 300 milioni di euro, che avrebbe dovuto trasformare tutto il litorale etneo della Playa. «Venne presentato dall’imprenditore Renzo Bissoli della società Stella Polare – ricorda in aula Fanara – con lui c’erano Salvatore Modica, parente di uno storico esponente del clan Laudani, e il geometra Francesco Strano». Ciancioproprietario di circa il 30 per cento delle aree su cui doveva realizzarsi il Pua, non si è limitato a vendere gli appezzamenti, ma avrebbe seguito da vicino lo sviluppo burocratico dell’affare, attivando le sue conoscenze politiche. Raffaele Lombardo, vicesindaco di Catania nel 2002, ma non solo. Tra i personaggi citati in aula durante la requisitoria ci sono l’ex sindaco Enzo Bianco e l’ormai famosa intercettazione, contenuta negli atti dell’inchiesta, svelata per la prima volta da MeridioNews. Era il 18 aprile 2013 e mancavano meno di due mesi all’elezione del nuovo sindaco di Catania. Il Consiglio comunale, il giorno prima, approva il Pua ed è l’allora candidato sindaco a telefonare all’imprenditore, direttore ed editore del quotidiano La Sicilia. Nel corso della conversazione, Bianco ricorda a Ciancio come tutto sia andato secondo le previsioni.

Prima delle analisi riguardanti i centri commerciali: da Porte di Catania, passando per Tenutella, Mito e Sicily outlet village, nella requisitoria viene ripercorsa la vicenda della costruzione – mai realizzata – di un villaggio per i soldati americani in contrada Xirumi, alla Piana di Catania, in territorio di Lentini, in provincia di Siracusa. «La mafia ha sempre amato le costruzioni destinate agli americani – ricorda in aula Fanara – Da Sigonella al villaggio a Motta Sant’Anastasia. Nell’inchiesta Iblis avevamo il progetto Safab». I terreni in contrada Xirumi, inizialmente a vocazione agricola vennero acquistati dall’editore, dall’ex deputato Dc Salvatore Urso, e poi rivenduti per una somma di oltre cinque milioni di euro. Acquirente era la Scirumi srl società che tra i soci annoverava la Cappellina srl riconducibile ai figli dell’editore oltre alla impresa di costruzioni dell’imprenditore vicentino Giuseppe Maltauro, già aggiudicatario dei lavori per la realizzazione del centro commerciale Etnapolis. «In questa vicenda l’iter amministrativo era stato molto veloce – spiega Fanara – Il progettista era l’architetto Matteo Zapparata che da un lato lavorava da privato per Ciancio e dall’altro era capo dipartimento della provincia regionale di Catania, ossia un funzionario pubblico che doveva valutare anche altri investimenti di Ciancio».


Dalla stessa categoria

I più letti

I «grandi affari». Due parole che racchiudono investimenti, accordi, pressioni, rapporti politici e una miriade di società. Sono quelli che, per almeno un decennio, hanno avuto come protagonista Mario Ciancio Sanfilippo. L’editore – 91 anni il 29 maggio prossimo – è a processo per concorso esterno in associazione mafiosa. In un palazzo di giustizia deserto, […]

I «grandi affari». Due parole che racchiudono investimenti, accordi, pressioni, rapporti politici e una miriade di società. Sono quelli che, per almeno un decennio, hanno avuto come protagonista Mario Ciancio Sanfilippo. L’editore – 91 anni il 29 maggio prossimo – è a processo per concorso esterno in associazione mafiosa. In un palazzo di giustizia deserto, […]

Il noleggio a lungo termine conviene. Lo sanno le aziende e i liberi professionisti e, ormai, si tratta di una scelta sempre più condivisa anche dai privati. A volte, però, a frenarci può essere il dubbio di non trovare l’auto giusta per noi. Quella con le caratteristiche necessarie a renderci la vita più facile e […]

Un aiuto concreto ai lavoratori per affrontare il carovita. Ma anche un modo per rendere più leggero il contributo fiscale delle aziende. Sono le novità introdotte dalla conversione in legge del cosiddetto decreto lavoro, tra cui figura una nuova soglia dell’esenzione fiscale dei fringe benefit per il 2023, portata fino a un massimo di 3mila euro. […]

Bottiglie in plastica del latte che diventano dei colorati maialini-salvadanaio. Ricostruzioni di templi greci che danno nuova vita al cartone pressato di un rivestimento protettivo. Ma anche soluzioni originali di design, come una lampada composta da dischi di pvc, un grande orologio da parete in stile anni ’70 in polistirolo e due sedie perfettamente funzionanti […]

«Era come avere la zip del giubbotto chiusa sopra e aperta sotto: ecco, noi abbiamo voluto chiudere la zip di questo giubbotto». Indispensabile se si parla di Etna, dove fa sempre fresco. È nato così CraterExpress, la nuova proposta che permette di raggiungere la vetta del vulcano a partire dal centro di Catania, con quattro […]

La notizia della morte di Ubaldo Ferrini ha aperto nella mia mente una caterva di finestrelle come pop-up. Finestrelle alle quali non saprei neanche dare un ordine preciso. Ricordi forse anche sbagliati (chiedo ai lettori di correggermi ove sbagliassi), ma di una cosa sono certo: questi pop-up sono uniti da un filo conduttore a cavallo […]

Dodici mesi, 52 settimane e 365 giorni (attenzione, il 2024 è bisestile e quindi avremo un giorno in più di cui lamentarci). Un tempo legato da un unico filo: l’inadeguatezza. Culturale, innanzitutto, ma anche materiale, davanti ai temi complessi, vecchi e nuovi. Difficoltà resa evidente dagli argomenti che hanno dominato il 2023 siciliano; su tutti, […]

Il seme del cambiamento. Timido, fragile e parecchio sporco di terra, ma è quello che pare stia attecchendo in questi ultimi mesi, dopo i più recenti episodi di violenza sulle donne. In principio, quest’estate, fu lo stupro di gruppo a Palermo. In questi giorni, il femminicidio di Giulia Cecchettin in Veneto. Due storie diverse – […]

Mai come in campagna elettorale si parla di turismo. Tornando da Palermo con gli occhi pieni dei metri di coda – moltiplicata per varie file di serpentina – per visitare la cappella Palatina e qualunque mostra appena un piano sotto, lo stato di musei e beni archeologici di Catania non può che suscitare una domanda: […]

Riforme che potrebbero essere epocali, in termini di ricaduta sulla gestione dei territori e nella vita dei cittadini, ma che sembrano frenate dalla passività della politica. Sembra serena ma pratica- e soprattutto, attendista – la posizione di Ignazio Abbate, parlamentare della Democrazia Cristiana Nuova chiamato a presiedere la commissione Affari istituzionali dell’Assemblea regionale siciliana. Quella […]

Dai rifiuti alla mobilità interna della Sicilia, che avrà una spinta grazie al ponte sullo Stretto. Ne è convinto Giuseppe Carta, deputato regionale in quota autonomisti, presidente della commissione Ambiente, territorio e mobilità all’Assemblea regionale siciliana. Tavolo di lavoro che ha in mano anche due leggi su temi particolarmente delicati: urbanistica e appalti. Con in […]

Dall’agricoltura alle soluzioni per il caro energia; dalle rinnovabili di difficile gestione pubblica allo sviluppo delle imprese bandiera del governo di Renato Schifani. Sono tanti, vari e non semplici i temi affidati alla commissione Attività produttive presieduta da Gaspare Vitrano. Deputato passato dal Pd a Forza Italia, tornato in questa legislatura dopo un lungo processo […]