Processo omicidio Scuto, la zia che l’avrebbe vista dopo la scomparsa non testimonia. «Ha turbe della memoria»

«Un’ischemia cerebrale» le avrebbe causato «turbe della memoria». Con queste parole scritte nero su bianco in un certificato medico è stata giustificata l’assenza, durante l’udienza di oggi del processo per l’omicidio di Agata Scuto, di Carmela Scuto. La zia della ragazza scomparsa da Acireale (in provincia di Catania) la mattina del 4 giugno del 2012 e il cui cadavere non è mai stato ritrovato. Imputato di averla uccisa e di avere occultato il suo corpo senza vita è Rosario Palermo, l’ex compagno della madre. Ed era stata proprio quest’ultima, Maria Palermo, a tirare in ballo la zia della figlia quando è stata ascoltata a processo. Stando al racconto fatto dalla donna davanti alla corte, la zia le avrebbe riferito di avere visto la 22ennedisabile e invalida – in un momento successivo a quello in cui di lei si sarebbe persa ogni traccia. Il banco dei testimoni dell’aula Serafino Famà del tribunale di Catania – dove anche oggi erano presenti le telecamere e i microfoni della Rai per la trasmissione Un giorno in pretura – è rimasto vuoto. Al posto della zia Carmela Scuto è stato presentato un certificato medico che ne attesta problemi di memoria da cui, quindi, potrebbe derivare una mancanza di capacità di testimoniare al processo.

Di fronte al documento, sono stati gli avvocati della difesa a insistere per l’escussione della teste chiedendo alla corte di nominare uno specialista per verificare le effettive condizioni di salute e la patologia della zia della vittima. Il certificato presentato al momento, infatti, porta la firma di un medico di base. Una richiesta che la corte ha accolto dopo essersi ritirata per deliberare ritenendo necessario «acquisire una certificazione sanitaria specialistica sulla capacità a testimoniare di Carmela Scuto», come ha riferito il presidente Sebastiano Mignemi. La corte ha, quindi, disposto la perizia nominando un perito che dovrà riferire nel corso della prossima udienza che è già stata fissata per la mattina di lunedì 3 luglio. Per l’accusa, Rosario Palermo avrebbe ucciso la 22enne perché avrebbe aspettato un figlio da lui. Una gravidanza su cui non ci sono riscontri ma che è stata dedotta dalle parole della madre della vittima secondo cui Agata non avrebbe più avuto il ciclo mestruale da qualche mese. Nella stessa direzione è stata interpretata anche la frase “Mamma cornuta” scritta dalla giovane sul diario che, però, la madre ha ammesso di avere buttato. Palermo – che oggi non era presente in aula, così come i familiari della vittima che si sono costituiti parte civile – anche nel corso del suo interrogatorio, ha continuano a professarsi innocente mentre ha invece ammesso di avere tentato di crearsi un alibi proprio per il timore di essere accusato.


Dalla stessa categoria

Ricevi le notizie di MeridioNews su Whatsapp: iscriviti al canale

I più letti

«Un’ischemia cerebrale» le avrebbe causato «turbe della memoria». Con queste parole scritte nero su bianco in un certificato medico è stata giustificata l’assenza, durante l’udienza di oggi del processo per l’omicidio di Agata Scuto, di Carmela Scuto. La zia della ragazza scomparsa da Acireale (in provincia di Catania) la mattina del 4 giugno del 2012 e […]

Dal controllo della velocità alla segnalazione di un imminente pericolo. Sono gli Adas, i sistemi avanzati di assistenza alla guida che aumentano non solo la sicurezza, ma anche il comfort durante i viaggi in auto. Più o meno sofisticati, i principali strumenti Adas sono ormai di serie nelle auto più nuove, come quelle a noleggio. […]

Un aiuto concreto ai lavoratori per affrontare il carovita. Ma anche un modo per rendere più leggero il contributo fiscale delle aziende. Sono le novità introdotte dalla conversione in legge del cosiddetto decreto lavoro, tra cui figura una nuova soglia dell’esenzione fiscale dei fringe benefit per il 2023, portata fino a un massimo di 3mila euro. […]

Il potere dell’app, la mossa del cestino, il colpo del calendario, lo scudo del numero verde e la forza del centro di raccolta. Sono questi i superpoteri che Kalat Ambiente Srr fornisce a tutti i cittadini per arrivare all’obiettivo di una corretta modalità di conferimento dei rifiuti e di decoro ambientale. «Supereroi da prendere a […]

«Era come avere la zip del giubbotto chiusa sopra e aperta sotto: ecco, noi abbiamo voluto chiudere la zip di questo giubbotto». Indispensabile se si parla di Etna, dove fa sempre fresco. È nato così CraterExpress, la nuova proposta che permette di raggiungere la vetta del vulcano a partire dal centro di Catania, con quattro […]

Dodici mesi, 52 settimane e 365 giorni (attenzione, il 2024 è bisestile e quindi avremo un giorno in più di cui lamentarci). Un tempo legato da un unico filo: l’inadeguatezza. Culturale, innanzitutto, ma anche materiale, davanti ai temi complessi, vecchi e nuovi. Difficoltà resa evidente dagli argomenti che hanno dominato il 2023 siciliano; su tutti, […]

Il seme del cambiamento. Timido, fragile e parecchio sporco di terra, ma è quello che pare stia attecchendo in questi ultimi mesi, dopo i più recenti episodi di violenza sulle donne. In principio, quest’estate, fu lo stupro di gruppo a Palermo. In questi giorni, il femminicidio di Giulia Cecchettin in Veneto. Due storie diverse – […]

Mai come in campagna elettorale si parla di turismo. Tornando da Palermo con gli occhi pieni dei metri di coda – moltiplicata per varie file di serpentina – per visitare la cappella Palatina e qualunque mostra appena un piano sotto, lo stato di musei e beni archeologici di Catania non può che suscitare una domanda: […]

Riforme che potrebbero essere epocali, in termini di ricaduta sulla gestione dei territori e nella vita dei cittadini, ma che sembrano frenate dalla passività della politica. Sembra serena ma pratica- e soprattutto, attendista – la posizione di Ignazio Abbate, parlamentare della Democrazia Cristiana Nuova chiamato a presiedere la commissione Affari istituzionali dell’Assemblea regionale siciliana. Quella […]

Dai rifiuti alla mobilità interna della Sicilia, che avrà una spinta grazie al ponte sullo Stretto. Ne è convinto Giuseppe Carta, deputato regionale in quota autonomisti, presidente della commissione Ambiente, territorio e mobilità all’Assemblea regionale siciliana. Tavolo di lavoro che ha in mano anche due leggi su temi particolarmente delicati: urbanistica e appalti. Con in […]

Dall’agricoltura alle soluzioni per il caro energia; dalle rinnovabili di difficile gestione pubblica allo sviluppo delle imprese bandiera del governo di Renato Schifani. Sono tanti, vari e non semplici i temi affidati alla commissione Attività produttive presieduta da Gaspare Vitrano. Deputato passato dal Pd a Forza Italia, tornato in questa legislatura dopo un lungo processo […]