Testa di ovino, croce e tanica di benzina davanti a una serra. Agricoltore denuncia intimidazione

Una testa mozzata di ovino, una croce realizzata con tondini di ferro e una tanica di diserbante. È la scena che si è trovato davanti a una delle serre nel suo appezzamento di terreno a Castrofilippo, in provincia di Agrigento, un agricoltore di 49 anni che ha denunciato tutto alla stazione dei carabinieri di Villaseta. I militari stanno indagando per ricostruire la dinamica di quella che sembra una intimidazione. Gli investigatori stanno analizzando la vita e le attività dell’uomo e stanno cercando di capire se in zona ci siano delle telecamere di videosorveglianza che potrebbero avere ripreso la scena.


Dalla stessa categoria

I più letti

Giustizia per Emanuele Scieri

«Ricordate che in tutti i tempi ci sono stati tiranni e assassini e che, per un certo periodo, sono sembrati invincibili, ma alla fine, cadono sempre, sempre». È da un aforisma del mahatma Gandhi che ha preso spunto l’avvocata Alessandra Furnari nella sua discussione durante il processo per l’omicidio volontario aggravato di Emanuele Scieri, il parà siracusano 26enne in servizio militare trovato cadavere nell’agosto del 1999 […]

«Una macchina di imbrogli e di sotterfugi manzoniana che si è sviluppata sull’esigenza di un costrutto che doveva raccontare un’altra versione dei fatti». Così il procuratore di Pisa Alessandro Crini ha definito la ricostruzione da parte dell’esercito di quanto accaduto all’interno della caserma Gamerra nell’agosto del 1999 nel corso della sua requisitoria a cui è […]

Catania archeologica, l`occasione mancata

In una nota protocollata al Comune etneo a metà gennaio l'associazione di piazza Federico di Svevia chiede di gestire il bene del XII secolo, abbandonato, per garantirne «a titolo gratuito e senza scopo di lucro, la fruibilità». Adesso interrotta dal cambio del lucchetto del cancello da cui vi si accede e dalle divergenze con uno degli abitanti, che risponde: «C'era il rischio per la pubblica incolumità»

I processi a Raffaele Lombardo