Indagine al Genio civile, parla il legale di Zuccarello Dai soldi alle dimissioni: «Dialogo aperto con i pm»

Un passo indietro, dopo una carriera ai vertici dell’amministrazione regionale, e non un tentativo di evitare l’arresto. Andrebbe letta così, ma in questa fase è legittimo immaginare anche interpretazioni alternative, la decisione di Natale Zuccarello di dimettersi dal ruolo di capo del Genio civile di Catania. La scelta è stata presa – così come aveva appreso MeridioNews – il giorno stesso in cui la guardia di finanza ha citofonato nella sua abitazione con un decreto che disponeva la perquisizione e il sequestro di documenti. E ancora prima che Zuccarello contattasse il proprio legale. «Nessun timore di arresti, il fatto che le dimissioni siano state inviate ancora prima che l’ingegnere mi contattasse – commenta a MeridioNews l’avvocato Nino Grippaldi – dimostra come non abbia nulla a che vedere con strategie difensive».

Alla fine, oltre ad atti in qualche modo riconducibili a gare d’appalto, i finanzieri hanno portato via anche denaro contante. Il sospetto è che le somme possano essere frutto di tangenti per presunti favori fatti nella fase di affidamento dei lavori. «Poche migliaia di euro, che dimostreremo fossero detenute legalmente perché appartenenti alla moglie e frutto di prelievi dal bancomat – continua il legale -. Il sequestro è un atto dovuto, previsto dalla normativa, ma contiamo di ottenere il dissequestro in pochi giorni».

Intanto oltre a Zuccarello, a presentare le dimissioni è stato anche Saverio Verde, il funzionario e collaboratore di Zuccarello che in alcune delle procedure finite sotto la lente della procura di Catania compare come responsabile unico del procedimento. L’inchiesta, coordinata dal pubblico ministero Fabio Regolo e che coinvolge diversi imprenditori, ruota a più di un’ipotesi di reato. Oltre alla turbativa d’asta, vengono contestati anche la corruzione e la frode nelle pubbliche forniture.

La notizia delle dimissioni è stata ufficializzata ieri dall’assessore alle Infrastrutture Marco Falcone, insieme all’annuncio che la guida degli uffici di via Lago di Nicito passerà ad interim a Salvatore Lizzio, l’attuale direttore del Drt, il dipartimento da cui dipende il Genio civile. Falcone, con una nota, afferma come sia giusto che la magistratura intervenga «dove si segnalano zone d’ombra o di opacità», ma al contempo ribadisce il proprio giudizio positivo sull’operato degli uffici catanesi. «Ci conforta la certezza di aver visto in questi tre anni – scrive l’esponente della giunta Musumeci – uno straordinario impegno da parte di tutto il Genio civile etneo, ufficio capace di avviare, per i lavori pubblici nel Catanese, un significativo e tangibile rilancio».

Adesso resta da capire quale sarà l’evoluzione della vicenda, specialmente dal punto di vista della strategia difensiva che sceglierà Zuccarello. Attualmente imputato nel processo Piramidi – con una richiesta di misura cautelare rigettata -, nato dal blitz che svelò un intricato e ambiguo rapporto tra imprenditori, funzionari pubblici e soggetti legati alla criminalità organizzata. «C’è un dialogo aperto con gli inquirenti, l’ingegnere ha fornito spontaneamente tutto ciò che gli è stato chiesto, mostrando massima disponibilità», chiosa il legale dell’ormai ex capo del Genio civile etneo. Parole che, al momento, non escludono qualsiasi tipo di scenario, compresa la possibilità che la disponibilità si trasformi in vera collaborazione. Anche nella consapevolezza delle previsioni normative introdotte con la legge Spazzacorrotti


Dalla stessa categoria

Ricevi le notizie di MeridioNews su Whatsapp: iscriviti al canale

I più letti

Dal controllo della velocità alla segnalazione di un imminente pericolo. Sono gli Adas, i sistemi avanzati di assistenza alla guida che aumentano non solo la sicurezza, ma anche il comfort durante i viaggi in auto. Più o meno sofisticati, i principali strumenti Adas sono ormai di serie nelle auto più nuove, come quelle a noleggio. […]

Un aiuto concreto ai lavoratori per affrontare il carovita. Ma anche un modo per rendere più leggero il contributo fiscale delle aziende. Sono le novità introdotte dalla conversione in legge del cosiddetto decreto lavoro, tra cui figura una nuova soglia dell’esenzione fiscale dei fringe benefit per il 2023, portata fino a un massimo di 3mila euro. […]

Il potere dell’app, la mossa del cestino, il colpo del calendario, lo scudo del numero verde e la forza del centro di raccolta. Sono questi i superpoteri che Kalat Ambiente Srr fornisce a tutti i cittadini per arrivare all’obiettivo di una corretta modalità di conferimento dei rifiuti e di decoro ambientale. «Supereroi da prendere a […]

«Era come avere la zip del giubbotto chiusa sopra e aperta sotto: ecco, noi abbiamo voluto chiudere la zip di questo giubbotto». Indispensabile se si parla di Etna, dove fa sempre fresco. È nato così CraterExpress, la nuova proposta che permette di raggiungere la vetta del vulcano a partire dal centro di Catania, con quattro […]

Dodici mesi, 52 settimane e 365 giorni (attenzione, il 2024 è bisestile e quindi avremo un giorno in più di cui lamentarci). Un tempo legato da un unico filo: l’inadeguatezza. Culturale, innanzitutto, ma anche materiale, davanti ai temi complessi, vecchi e nuovi. Difficoltà resa evidente dagli argomenti che hanno dominato il 2023 siciliano; su tutti, […]

Il seme del cambiamento. Timido, fragile e parecchio sporco di terra, ma è quello che pare stia attecchendo in questi ultimi mesi, dopo i più recenti episodi di violenza sulle donne. In principio, quest’estate, fu lo stupro di gruppo a Palermo. In questi giorni, il femminicidio di Giulia Cecchettin in Veneto. Due storie diverse – […]

Mai come in campagna elettorale si parla di turismo. Tornando da Palermo con gli occhi pieni dei metri di coda – moltiplicata per varie file di serpentina – per visitare la cappella Palatina e qualunque mostra appena un piano sotto, lo stato di musei e beni archeologici di Catania non può che suscitare una domanda: […]

Riforme che potrebbero essere epocali, in termini di ricaduta sulla gestione dei territori e nella vita dei cittadini, ma che sembrano frenate dalla passività della politica. Sembra serena ma pratica- e soprattutto, attendista – la posizione di Ignazio Abbate, parlamentare della Democrazia Cristiana Nuova chiamato a presiedere la commissione Affari istituzionali dell’Assemblea regionale siciliana. Quella […]

Dai rifiuti alla mobilità interna della Sicilia, che avrà una spinta grazie al ponte sullo Stretto. Ne è convinto Giuseppe Carta, deputato regionale in quota autonomisti, presidente della commissione Ambiente, territorio e mobilità all’Assemblea regionale siciliana. Tavolo di lavoro che ha in mano anche due leggi su temi particolarmente delicati: urbanistica e appalti. Con in […]

Dall’agricoltura alle soluzioni per il caro energia; dalle rinnovabili di difficile gestione pubblica allo sviluppo delle imprese bandiera del governo di Renato Schifani. Sono tanti, vari e non semplici i temi affidati alla commissione Attività produttive presieduta da Gaspare Vitrano. Deputato passato dal Pd a Forza Italia, tornato in questa legislatura dopo un lungo processo […]