Il calvario della famiglia di Bronte rimasta senza casa Si deciderà sull’eventuale rinvio a giudizio della ditta

«Ritorno al futuro?» Meglio di gran lunga un ritorno al passato e sotto il tetto di casa. È questa la speranza di una famiglia di Bronte, costretta a vivere lontano dalla propria abitazione da oltre tre anniUna storia fatta di tribolazioni: cominciata a marzo 2018 e che il prossimo 13 aprile si arricchirà di un nuovo capitolo. A scriverlo sarà la giudice per le indagini preliminari Marina Rizza, chiamata a decidere se rinviare a giudizio la rappresentante legale della società Ventura costruzioni ferroviarie. L’accusa, portata avanti dalla procura di Catania, è quella di inquinamento ambientale e omessa bonifica

Per capire i contorni di questa vicenda e del calvario che vive la famiglia bisogna spostarsi in via Etna, a Bronte. Una strada a ridosso della Ferrovia circumetnea in cui l’azienda, specializzata in armamento ferroviario, stava svolgendo dei lavori. In un terreno, confinante con quello dell’abitazione, era stato posizionato un grosso serbatoio. Ed è proprio da questo contenitore che per giorni sarebbe cominciato uno sversamento di idrocarburi. Così fino al 18 marzo 2018. Giorno in cui Angelica si sente male ed è costretta alle cure dei medici del Pronto soccorso dell’ospedale Castiglione-Prestianni. A capire l’origine del problema, verificando la perdita dal serbatoio, furono i vigili del fuoco arrivati da Maletto. La casa viene fatta evacuare e un provvedimento del sindaco dichiara inagibile l’abitazione a causa delle infiltrazioni. 

Angelica, insieme al marito e ai due figli, è costretta a trovarsi un nuovo tetto sotto cui dormire. In un primo momento a farsi carico dell’alloggio, pagando l’affitto, è la stessa azienda privata. Ma scaduto il contratto – ottobre 2019 – non viene rinnovato nell’immediatezza. Un particolare che provoca ulteriore tensione, tanto da spingere il marito Antonino, nei primi giorni di dicembre, a minacciare di compiere un gesto estremo. In attesa degli esiti del percorso giudiziario la famiglia brontese continua a vivere in affitto, lontano dall’abitazione di via Etna. 

A settembre 2020 è stata indetta una conferenza dei servizi dal dipartimento regionale Acque e rifiuti con la ditta che ha presentato un piano di caratterizzazione ambientale. «Il sito viene ancora considerato potenzialmente contaminato», spiega Angelica. Secondo le previsioni del piano, che non sarebbe stato ancora attuato, andrebbero fatte delle analisi, tramite campionamento, misura di profondità e altri tecnicismi, per stabilire l’eventuale messa in sicurezza con la vera e propria bonifica. Sul fronte affitto a occuparsene è sempre la società. «Anticipiamo noi il pagamento e ogni quattro o cinque mesi avviene il rimborso ma sempre dopo diversi solleciti», conclude Angelica. L’obiettivo della famiglia resta sempre lo stesso: tornare a casa. 


Dalla stessa categoria

I più letti

Dal controllo della velocità alla segnalazione di un imminente pericolo. Sono gli Adas, i sistemi avanzati di assistenza alla guida che aumentano non solo la sicurezza, ma anche il comfort durante i viaggi in auto. Più o meno sofisticati, i principali strumenti Adas sono ormai di serie nelle auto più nuove, come quelle a noleggio. […]

Un aiuto concreto ai lavoratori per affrontare il carovita. Ma anche un modo per rendere più leggero il contributo fiscale delle aziende. Sono le novità introdotte dalla conversione in legge del cosiddetto decreto lavoro, tra cui figura una nuova soglia dell’esenzione fiscale dei fringe benefit per il 2023, portata fino a un massimo di 3mila euro. […]

Bottiglie in plastica del latte che diventano dei colorati maialini-salvadanaio. Ricostruzioni di templi greci che danno nuova vita al cartone pressato di un rivestimento protettivo. Ma anche soluzioni originali di design, come una lampada composta da dischi di pvc, un grande orologio da parete in stile anni ’70 in polistirolo e due sedie perfettamente funzionanti […]

«Era come avere la zip del giubbotto chiusa sopra e aperta sotto: ecco, noi abbiamo voluto chiudere la zip di questo giubbotto». Indispensabile se si parla di Etna, dove fa sempre fresco. È nato così CraterExpress, la nuova proposta che permette di raggiungere la vetta del vulcano a partire dal centro di Catania, con quattro […]

La notizia della morte di Ubaldo Ferrini ha aperto nella mia mente una caterva di finestrelle come pop-up. Finestrelle alle quali non saprei neanche dare un ordine preciso. Ricordi forse anche sbagliati (chiedo ai lettori di correggermi ove sbagliassi), ma di una cosa sono certo: questi pop-up sono uniti da un filo conduttore a cavallo […]

Dodici mesi, 52 settimane e 365 giorni (attenzione, il 2024 è bisestile e quindi avremo un giorno in più di cui lamentarci). Un tempo legato da un unico filo: l’inadeguatezza. Culturale, innanzitutto, ma anche materiale, davanti ai temi complessi, vecchi e nuovi. Difficoltà resa evidente dagli argomenti che hanno dominato il 2023 siciliano; su tutti, […]

Il seme del cambiamento. Timido, fragile e parecchio sporco di terra, ma è quello che pare stia attecchendo in questi ultimi mesi, dopo i più recenti episodi di violenza sulle donne. In principio, quest’estate, fu lo stupro di gruppo a Palermo. In questi giorni, il femminicidio di Giulia Cecchettin in Veneto. Due storie diverse – […]

Mai come in campagna elettorale si parla di turismo. Tornando da Palermo con gli occhi pieni dei metri di coda – moltiplicata per varie file di serpentina – per visitare la cappella Palatina e qualunque mostra appena un piano sotto, lo stato di musei e beni archeologici di Catania non può che suscitare una domanda: […]

Riforme che potrebbero essere epocali, in termini di ricaduta sulla gestione dei territori e nella vita dei cittadini, ma che sembrano frenate dalla passività della politica. Sembra serena ma pratica- e soprattutto, attendista – la posizione di Ignazio Abbate, parlamentare della Democrazia Cristiana Nuova chiamato a presiedere la commissione Affari istituzionali dell’Assemblea regionale siciliana. Quella […]

Dai rifiuti alla mobilità interna della Sicilia, che avrà una spinta grazie al ponte sullo Stretto. Ne è convinto Giuseppe Carta, deputato regionale in quota autonomisti, presidente della commissione Ambiente, territorio e mobilità all’Assemblea regionale siciliana. Tavolo di lavoro che ha in mano anche due leggi su temi particolarmente delicati: urbanistica e appalti. Con in […]

Dall’agricoltura alle soluzioni per il caro energia; dalle rinnovabili di difficile gestione pubblica allo sviluppo delle imprese bandiera del governo di Renato Schifani. Sono tanti, vari e non semplici i temi affidati alla commissione Attività produttive presieduta da Gaspare Vitrano. Deputato passato dal Pd a Forza Italia, tornato in questa legislatura dopo un lungo processo […]