Fondi in ritardo, l’allarme di Catania Jazz «Basta operazioni clientelari, salvate i teatri»

«Siamo in ritardo per la programmazione della prossima stagione e molto indebitati per la mancanza di fondi». E’ l’appello comparso sul profilo Facebook dell’associazione etnea Catania Jazz. Un messaggio rivolto al pubblico ma anche al nuovo assetto politico regionale. «In Sicilia lavoriamo da anni al buio – lamenta il direttore artistico, Pompeo Benincasa – A novembre abbiamo di fatto finito le attività dell’anno in corso, ma non sappiamo ancora quanto riceveremo dalla Regione per la stagione appena passata, per cui abbiamo già speso. Senza contare che attendiamo ancora parte dei finanziamenti assegnateci per l’anno precedente».

Si tratta di un capitolo consistente per il bilancio dell’associazione: «Sessanta mila euro per il 2011, di cui fino ad ora è stato erogato solo il 60 per cento – spiega il direttore artistico – E dal bilancio che ci ha lasciato il vecchio governo regionale per il 2012, sappiamo già che ci sarà poco più di un milione di euro da distribuire per circa novanta associazioni concertistiche. Il 40 per cento in meno rispetto all’anno scorso». Un budget, questo, che negli anni è andato via via abbassandosi fino a ridurre le associazioni musicali e teatrali siciliane allo stremo.

Un problema non solo di tipo economico ma anche e soprattutto logistico. «Non possiamo più organizzare spettacoli al Metropolitan per i costi pazzeschi del teatro e le Ciminiere “gelate” – continua, riferendosi ai problemi di riscaldamento riscontrati la scorsa stagione – chiuderanno a dicembre per lavori di ristrutturazione. Cosa ci resta a Catania? L’Odeon che fa solo 500 posti ed è un cinema, per niente adatto agli spettacoli teatrali. A questo, purtroppo, si è ridotta la Seattle d’Italia», lamenta Benincasa. Una situazione frustrante che peggiora – sostiene – quando ci si scontra con quanti dovrebbero gestire i finanziamenti al settore. «Non è vero che in Sicilia non ci sono i soldi. Quello che manca – sostiene – è la volontà politica. Dei 30 milioni di euro destinati alla Cultura nel bilancio regionale 2012, appena cinque sono destinati alle attività sul territorio. Un buon 20-25 per cento viene dilapidato da sigle e istituzioni clientelari», denuncia.

Una gestione poco oculata, quindi, che per il direttore artistico rischia di peggiorare con l’insediamento del nuovo governo regionale guidato da Rosario Crocetta. Già dalla prima nomina, giudicata come «l’ennesima operazione d’immagine». «Scegliere un grande intellettuale come Franco Battiato non salverà i teatri in Sicilia. E come lui stesso ha dichiarato, punterà sui grandi eventi – afferma deciso – Quelli che fanno la bella vetrina dell’isola, dove però le attività culturali vere fanno fatica a sopravvivere». Pompeo Benincasa, già dalle prime dichiarazioni del cantautore non intravede margini per un miglioramento della situazione. «Si parla di manifestazioni con artisti di fama internazionale, in una regione dove però i luoghi dello spettacolo sono a livelli da terzo mondo – spiega – Siamo una delle più ricche d’Italia per quanto riguarda fondi erogati al turismo e allo spettacolo, eppure non abbiamo i teatri nelle città! E siamo gli unici in Europa ad organizzare grandi eventi con i soldi pubblici, che invece servirebbero per finanziare le attività culturali giorno per giorno».

Ripartire da zero, dalle strutture e dai fondi potrebbe essere la soluzione: «Qui, quello che serve veramente sono i luoghi della cultura e un giusto piano di ripartizione dei soldi pubblici», sostiene Benincasa. «Se solo si volesse, basterebbe investire nella creazione o nell’acquisizione e ristrutturazione delle sale che chiudono o sono chiuse da anni». E a Catania – con le decine di cinema e spazi costretti alla serrata negli ultimi anni – gli esempi di certo non mancano. Per citarne uno, il cinema Messina, a Picanello: «Uno degli spazi più imponenti della città, con più di mille posti tra sala e tribuna, dove adesso si proiettano solo film porno e che è inevitabilmente destinato a chiudere», racconta. «Ora – conclude – dalla Regione ci aspettiamo non solo una risposta, ma una vera rivoluzione. Anche se, purtroppo, i primi atti di Crocetta, come la nomina di Battiato ad assessore, dimostrano che il nuovo governo non è altro che una continuazione del passato».

 

[Foto di brucellino


Dalla stessa categoria

Ricevi le notizie di MeridioNews su Whatsapp: iscriviti al canale

I più letti

Mentre l'assetto politico regionale va profilandosi, le associazioni culturali dell'isola lamentano la mancanza di fondi. E il direttore artistico di Catania Jazz lancia un appello al pubblico e alle istituzioni: «Siamo indebitati e senza un luogo dove programmare la prossima stagione. Battiato assessore alla Cultura? Ennesima operazione d'immagine»

Dal controllo della velocità alla segnalazione di un imminente pericolo. Sono gli Adas, i sistemi avanzati di assistenza alla guida che aumentano non solo la sicurezza, ma anche il comfort durante i viaggi in auto. Più o meno sofisticati, i principali strumenti Adas sono ormai di serie nelle auto più nuove, come quelle a noleggio. […]

Un aiuto concreto ai lavoratori per affrontare il carovita. Ma anche un modo per rendere più leggero il contributo fiscale delle aziende. Sono le novità introdotte dalla conversione in legge del cosiddetto decreto lavoro, tra cui figura una nuova soglia dell’esenzione fiscale dei fringe benefit per il 2023, portata fino a un massimo di 3mila euro. […]

Il potere dell’app, la mossa del cestino, il colpo del calendario, lo scudo del numero verde e la forza del centro di raccolta. Sono questi i superpoteri che Kalat Ambiente Srr fornisce a tutti i cittadini per arrivare all’obiettivo di una corretta modalità di conferimento dei rifiuti e di decoro ambientale. «Supereroi da prendere a […]

«Era come avere la zip del giubbotto chiusa sopra e aperta sotto: ecco, noi abbiamo voluto chiudere la zip di questo giubbotto». Indispensabile se si parla di Etna, dove fa sempre fresco. È nato così CraterExpress, la nuova proposta che permette di raggiungere la vetta del vulcano a partire dal centro di Catania, con quattro […]

Dodici mesi, 52 settimane e 365 giorni (attenzione, il 2024 è bisestile e quindi avremo un giorno in più di cui lamentarci). Un tempo legato da un unico filo: l’inadeguatezza. Culturale, innanzitutto, ma anche materiale, davanti ai temi complessi, vecchi e nuovi. Difficoltà resa evidente dagli argomenti che hanno dominato il 2023 siciliano; su tutti, […]

Il seme del cambiamento. Timido, fragile e parecchio sporco di terra, ma è quello che pare stia attecchendo in questi ultimi mesi, dopo i più recenti episodi di violenza sulle donne. In principio, quest’estate, fu lo stupro di gruppo a Palermo. In questi giorni, il femminicidio di Giulia Cecchettin in Veneto. Due storie diverse – […]

Mai come in campagna elettorale si parla di turismo. Tornando da Palermo con gli occhi pieni dei metri di coda – moltiplicata per varie file di serpentina – per visitare la cappella Palatina e qualunque mostra appena un piano sotto, lo stato di musei e beni archeologici di Catania non può che suscitare una domanda: […]

Riforme che potrebbero essere epocali, in termini di ricaduta sulla gestione dei territori e nella vita dei cittadini, ma che sembrano frenate dalla passività della politica. Sembra serena ma pratica- e soprattutto, attendista – la posizione di Ignazio Abbate, parlamentare della Democrazia Cristiana Nuova chiamato a presiedere la commissione Affari istituzionali dell’Assemblea regionale siciliana. Quella […]

Dai rifiuti alla mobilità interna della Sicilia, che avrà una spinta grazie al ponte sullo Stretto. Ne è convinto Giuseppe Carta, deputato regionale in quota autonomisti, presidente della commissione Ambiente, territorio e mobilità all’Assemblea regionale siciliana. Tavolo di lavoro che ha in mano anche due leggi su temi particolarmente delicati: urbanistica e appalti. Con in […]

Dall’agricoltura alle soluzioni per il caro energia; dalle rinnovabili di difficile gestione pubblica allo sviluppo delle imprese bandiera del governo di Renato Schifani. Sono tanti, vari e non semplici i temi affidati alla commissione Attività produttive presieduta da Gaspare Vitrano. Deputato passato dal Pd a Forza Italia, tornato in questa legislatura dopo un lungo processo […]