Casteldaccia, i contorni di una strage evitabile

«L’ho incontrato due giorni fa e gli ho chiesto “perché non ti ritiri e te ne vai in pensione?“». Parole sconsolate quelle pronunciate dal collega di una delle vittime della strage sul lavoro di Casteldaccia, morte avvelenate mentre effettuavano dei lavori di manutenzione all’impianto di sollevamento delle acque reflue. I colleghi sono arrivati sul posto appena hanno potuto e sono rimasti finché il sole non è calato e anche oltre. Un incidente, se così si può chiamare, «l’ennesima strage evitabile», per citare le parole spese dal presidente della Repubblica Sergio Mattarella. E forse per evitarla sarebbe bastato utilizzare i dispositivi di protezione personale, che pare le vittime non avessero indosso al momento della discesa nel pozzetto, che si trova a oltre sei metri sotto il livello della strada e che era invaso da idrogeno solforato, un gas letale che si produce di frequente nelle fogne in mancanza di ossigeno e che in quel pozzetto di Casteldaccia pare raggiungesse una concentrazione di dieci volte superiore ai valori di norma.

A fare chiarezza su quanto accaduto e sulle eventuali responsabilità ci penserà la magistratura di Termini Imerese, che ha aperto un fascicolo e ha iniziato le indagini che sono partite dagli uffici della Quadrifoglio, l’azienda che aveva preso l’appalto dei lavori da Amap, la municipalizzata per la gestione delle acque del Comune di Palermo. Proprio su indicazione della procura gli agenti della squadra mobile hanno acquisito tutte le documentazioni sui lavori, che andavano avanti dal 29 aprile scorso, dopo una segnalazione per malfunzionamento dell’impianto fognario. Probabilmente per i forti odori che si sentono tuttora in prossimità delle abitazioni in quel tratto di strada non lontano dal mare e costellato di case vacanze.

Delle cinque vittime quattro erano dipendenti della Quadrifoglio, tra loro anche uno dei titolari, Epifanio Alzsazia, di 71 anni, di Partinico come Ignazio Giordano, che di anni ne aveva 57. Erano invece di San Cipirello e Alcamo Giuseppe Miraglia, 47 anni e Roberto Raneri, di 51. Altri tre operai della Quadrifoglio sono in ospedale: Domenico Viola, l’ultimo a entrare all’interno dell’impianto, le cui condizioni sono gravissime, intubato nel reparto di Rianimazione dell’ospedale Civico di Palermo, Paolo Sciortino, intossicato in maniera più lieve e Giovanni Scavuzzo. Aveva appena 28 anni invece la quinta vittima, il lavoratore interinale dell’Amap, Giuseppe La Barbera, originario di Ballarò, una moglie e due figli piccoli a casa, mentre non destano preoccupazioni le condizioni dell’altro interinale della municipalizzata palermitana, Giovanni D’Aleo.


Dalla stessa categoria

Ricevi le notizie di MeridioNews su Whatsapp: iscriviti al canale

I più letti

«L’ho incontrato due giorni fa e gli ho chiesto “perché non ti ritiri e te ne vai in pensione?“». Parole sconsolate quelle pronunciate dal collega di una delle vittime della strage sul lavoro di Casteldaccia, morte avvelenate mentre effettuavano dei lavori di manutenzione all’impianto di sollevamento delle acque reflue. I colleghi sono arrivati sul posto […]

Dal controllo della velocità alla segnalazione di un imminente pericolo. Sono gli Adas, i sistemi avanzati di assistenza alla guida che aumentano non solo la sicurezza, ma anche il comfort durante i viaggi in auto. Più o meno sofisticati, i principali strumenti Adas sono ormai di serie nelle auto più nuove, come quelle a noleggio. […]

Un aiuto concreto ai lavoratori per affrontare il carovita. Ma anche un modo per rendere più leggero il contributo fiscale delle aziende. Sono le novità introdotte dalla conversione in legge del cosiddetto decreto lavoro, tra cui figura una nuova soglia dell’esenzione fiscale dei fringe benefit per il 2023, portata fino a un massimo di 3mila euro. […]

Il potere dell’app, la mossa del cestino, il colpo del calendario, lo scudo del numero verde e la forza del centro di raccolta. Sono questi i superpoteri che Kalat Ambiente Srr fornisce a tutti i cittadini per arrivare all’obiettivo di una corretta modalità di conferimento dei rifiuti e di decoro ambientale. «Supereroi da prendere a […]

«Era come avere la zip del giubbotto chiusa sopra e aperta sotto: ecco, noi abbiamo voluto chiudere la zip di questo giubbotto». Indispensabile se si parla di Etna, dove fa sempre fresco. È nato così CraterExpress, la nuova proposta che permette di raggiungere la vetta del vulcano a partire dal centro di Catania, con quattro […]

Dodici mesi, 52 settimane e 365 giorni (attenzione, il 2024 è bisestile e quindi avremo un giorno in più di cui lamentarci). Un tempo legato da un unico filo: l’inadeguatezza. Culturale, innanzitutto, ma anche materiale, davanti ai temi complessi, vecchi e nuovi. Difficoltà resa evidente dagli argomenti che hanno dominato il 2023 siciliano; su tutti, […]

Il seme del cambiamento. Timido, fragile e parecchio sporco di terra, ma è quello che pare stia attecchendo in questi ultimi mesi, dopo i più recenti episodi di violenza sulle donne. In principio, quest’estate, fu lo stupro di gruppo a Palermo. In questi giorni, il femminicidio di Giulia Cecchettin in Veneto. Due storie diverse – […]

Mai come in campagna elettorale si parla di turismo. Tornando da Palermo con gli occhi pieni dei metri di coda – moltiplicata per varie file di serpentina – per visitare la cappella Palatina e qualunque mostra appena un piano sotto, lo stato di musei e beni archeologici di Catania non può che suscitare una domanda: […]

Riforme che potrebbero essere epocali, in termini di ricaduta sulla gestione dei territori e nella vita dei cittadini, ma che sembrano frenate dalla passività della politica. Sembra serena ma pratica- e soprattutto, attendista – la posizione di Ignazio Abbate, parlamentare della Democrazia Cristiana Nuova chiamato a presiedere la commissione Affari istituzionali dell’Assemblea regionale siciliana. Quella […]

Dai rifiuti alla mobilità interna della Sicilia, che avrà una spinta grazie al ponte sullo Stretto. Ne è convinto Giuseppe Carta, deputato regionale in quota autonomisti, presidente della commissione Ambiente, territorio e mobilità all’Assemblea regionale siciliana. Tavolo di lavoro che ha in mano anche due leggi su temi particolarmente delicati: urbanistica e appalti. Con in […]

Dall’agricoltura alle soluzioni per il caro energia; dalle rinnovabili di difficile gestione pubblica allo sviluppo delle imprese bandiera del governo di Renato Schifani. Sono tanti, vari e non semplici i temi affidati alla commissione Attività produttive presieduta da Gaspare Vitrano. Deputato passato dal Pd a Forza Italia, tornato in questa legislatura dopo un lungo processo […]