Enna, nuove polemiche su Medicina in rumeno Rettori siciliani: «Regione ritiri le convenzioni»

«Fermate l’università romena a Enna». A poche settimane dall’avvio dei corsi di preparazione di lingua rumena, necessari per il test di accesso alla sezione staccata dell’ateneo Dunărea de Jos di Galați, continuano le polemiche per l’apertura delle due facoltà del settore medico a Enna, Medicina e Professioni sanitarie. Un’iniziativa portata avanti dalla fondazione Proserpina guidata dal senatore del Partito democratico Vladimiro Crisafulli e dall’università romena, ma osteggiata dai rettori siciliani e dal ministero dell’Istruzione che ha presentato una diffida formale. Il nuovo appello a bloccare le lezioni, che nel frattempo sono iniziate, è arrivato dai rettori siciliani e dal capo dipartimento del Miur Marco Mancini, il quale ha anche scritto una nota ufficiale al prefetto Fernando Guida e al procuratore Calogero Ferrotti.

Stamattina i rappresentanti degli atenei di Catania Messina e Palermo – i magnifici Giacomo Pignataro e Pietro Navarra e il prorettore Francesco Paolo La Mantia – si sono incontrati nel capoluogo regionale, in un vertice al quale sono stati chiamati a partecipare anche i deputati dell’Ars. La richiesta dei tre docenti ai vertici regionali è di annullare le convenzioni che permettono di fare attività didattica nell’Azienda sanitaria, nello specifico all’interno dell’ospedale Umberto I di Enna. I percorsi formativi dell’area medica, infatti, prevedono un accreditamento complesso, protocolli d’intesa tra atenei e aziende che prendono in considerazione anche il numero di posti letto e la presenza di pronto soccorso di grosse dimensioni. Elementi carenti nel territorio ennese. 

Attraverso una nota i rettori si chiedono «come le strutture pubbliche sanitarie della Regione possano essere messe a disposizione di un ente non universitario che non risulta avere svolto alcuna attività di alcun tipo (la fondazione Proserpina, ndr) o di un’università che non ha alcuna attività in ambito sanitario (l’università Kore, ndr)». I dubbi riguardano anche l’ateneo di Galati, che formalmente non ha alcuna convenzione con la Regione. «Un apparato così importante e delicato, come un ospedale, finirebbe per essere utilizzato attraverso intermediari – si legge nella nota – i quali non gestiscono direttamente l’attività che si svolge al suo interno e senza che la Regione abbia potuto verificare i requisiti del soggetto utilizzatore». 

Nella giornata di ieri è arrivato anche il parere categorico di Davide Faraone, sottosegretario all’Istruzione e compagno di partito di Crisafulli. «Quei corsi non devono né possono partire», ha affermato. «Lo hanno dichiarato chiaramente anche due pareri, della Presidenza del consiglio, Dipartimento per le politiche europee, e dell’Avvocatura dello Stato». E ha precisato di non voler «fare la guerra a un sistema universitario giusto per spirito di contraddizione, stiamo agendo contro una proposta di offerta universitaria non lecita».

Nel frattempo i dubbi si sono addensati anche attorno all’ente guidato dal senatore ennese. La fondazione Proserpina, infatti, non sarebbe mai esistita come soggetto giuridico. Risulterebbe invece un’associazione chiamata Fondazione Proserpina che lo scorso 6 ottobre scorso è stata trasformata in una srl. Vladimiro Crisafulli, dal canto suo, si è mostrato sereno sul nuovo clamore che si è scatenato sui corsi. «Fa piacere che il prefetto abbia avviato le dovute e opportune verifiche – ha affermato – Per noi è tutto in regola». 


Dalla stessa categoria

I più letti

Le lezioni di lingua romena, necessarie per sostenere il test di accesso alla sezione staccata ennese dell'ateneo di Galati, sono partite. Ma sull'iniziativa del senatore Crisafulli continuano a piovere pareri negativi. Dopo la diffida del Miur è arrivata la nota ufficiale al prefetto e al procuratore. Stamattina sono intervenuti anche i magnifici di Palermo, Catania e Messina

Dal controllo della velocità alla segnalazione di un imminente pericolo. Sono gli Adas, i sistemi avanzati di assistenza alla guida che aumentano non solo la sicurezza, ma anche il comfort durante i viaggi in auto. Più o meno sofisticati, i principali strumenti Adas sono ormai di serie nelle auto più nuove, come quelle a noleggio. […]

Un aiuto concreto ai lavoratori per affrontare il carovita. Ma anche un modo per rendere più leggero il contributo fiscale delle aziende. Sono le novità introdotte dalla conversione in legge del cosiddetto decreto lavoro, tra cui figura una nuova soglia dell’esenzione fiscale dei fringe benefit per il 2023, portata fino a un massimo di 3mila euro. […]

Bottiglie in plastica del latte che diventano dei colorati maialini-salvadanaio. Ricostruzioni di templi greci che danno nuova vita al cartone pressato di un rivestimento protettivo. Ma anche soluzioni originali di design, come una lampada composta da dischi di pvc, un grande orologio da parete in stile anni ’70 in polistirolo e due sedie perfettamente funzionanti […]

«Era come avere la zip del giubbotto chiusa sopra e aperta sotto: ecco, noi abbiamo voluto chiudere la zip di questo giubbotto». Indispensabile se si parla di Etna, dove fa sempre fresco. È nato così CraterExpress, la nuova proposta che permette di raggiungere la vetta del vulcano a partire dal centro di Catania, con quattro […]

La notizia della morte di Ubaldo Ferrini ha aperto nella mia mente una caterva di finestrelle come pop-up. Finestrelle alle quali non saprei neanche dare un ordine preciso. Ricordi forse anche sbagliati (chiedo ai lettori di correggermi ove sbagliassi), ma di una cosa sono certo: questi pop-up sono uniti da un filo conduttore a cavallo […]

Dodici mesi, 52 settimane e 365 giorni (attenzione, il 2024 è bisestile e quindi avremo un giorno in più di cui lamentarci). Un tempo legato da un unico filo: l’inadeguatezza. Culturale, innanzitutto, ma anche materiale, davanti ai temi complessi, vecchi e nuovi. Difficoltà resa evidente dagli argomenti che hanno dominato il 2023 siciliano; su tutti, […]

Il seme del cambiamento. Timido, fragile e parecchio sporco di terra, ma è quello che pare stia attecchendo in questi ultimi mesi, dopo i più recenti episodi di violenza sulle donne. In principio, quest’estate, fu lo stupro di gruppo a Palermo. In questi giorni, il femminicidio di Giulia Cecchettin in Veneto. Due storie diverse – […]

Mai come in campagna elettorale si parla di turismo. Tornando da Palermo con gli occhi pieni dei metri di coda – moltiplicata per varie file di serpentina – per visitare la cappella Palatina e qualunque mostra appena un piano sotto, lo stato di musei e beni archeologici di Catania non può che suscitare una domanda: […]

Riforme che potrebbero essere epocali, in termini di ricaduta sulla gestione dei territori e nella vita dei cittadini, ma che sembrano frenate dalla passività della politica. Sembra serena ma pratica- e soprattutto, attendista – la posizione di Ignazio Abbate, parlamentare della Democrazia Cristiana Nuova chiamato a presiedere la commissione Affari istituzionali dell’Assemblea regionale siciliana. Quella […]

Dai rifiuti alla mobilità interna della Sicilia, che avrà una spinta grazie al ponte sullo Stretto. Ne è convinto Giuseppe Carta, deputato regionale in quota autonomisti, presidente della commissione Ambiente, territorio e mobilità all’Assemblea regionale siciliana. Tavolo di lavoro che ha in mano anche due leggi su temi particolarmente delicati: urbanistica e appalti. Con in […]

Dall’agricoltura alle soluzioni per il caro energia; dalle rinnovabili di difficile gestione pubblica allo sviluppo delle imprese bandiera del governo di Renato Schifani. Sono tanti, vari e non semplici i temi affidati alla commissione Attività produttive presieduta da Gaspare Vitrano. Deputato passato dal Pd a Forza Italia, tornato in questa legislatura dopo un lungo processo […]