Comunali, dopo 17 giorni anche a Messina c’è il Consiglio Tra riconferme e vecchie conoscenze, qualche volto nuovo

Ci sono voluti 17 giorni prima che Messina avesse un Consiglio comunale. Più di due settimane sono trascorse dal voto del 12 giugno prima che la commissione centrale elettorale completasse il suo lavoro. Sezioni con voti disallineati e inesperienza dei presidenti di seggio, un centinaio dei quali individuati a poche ore dalla costituzione, hanno contribuito a ritardare la proclamazione di sindaco e consiglieri comunali. Oggi finalmente ci sarà la proclamazione dei nuovi eletti che occuperanno i 32 posti in aula consiliare. E sarà un’assemblea a trazione Sicilia Vera perché ben 20 degli scranni sono stati assegnati ieri con il premio di maggioranza alla coalizione che ha portato alla vittoria del sindaco Federico Basile con oltre il 45 per cento delle preferenze.

La nuova geografia politica del consiglio vede solo undici riconferme, qualche vecchia conoscenza e sedici volti nuovi perché alla loro prima esperienza politica. Dodici le donne. Un numero raddoppiato rispetto alle elezioni di quattro anni fa. A gioire per il risultato ottenuto il primo cittadino di Messina Federico Basile che sulla sua pagina Facebook ha commentato «sono finiti i tempi delle mediazioni e degli ostacoli posti dal Consiglio comunale all’azione amministrativa. Adesso bisogna correre, lavorare tanto e bene. Andiamo avanti!». A un comunicato stampa ha affidato la sua soddisfazione il presidente di Sicilia Vera Pippo Lombardo: «Sono convinto che avere venti consiglieri comunali a sostegno dell’amministrazione Basile rappresenterà uno strumento molto utile a realizzare in modo più celere e incisivo il programma amministrativo premiato dagli elettori». Non è mancato il post dell’ex sindaco Cateno De Luca che, come nel suo stile, alza l’asticella e lascia capire che ai venti eletti presto se ne aggiungeranno degli altri: «La nostra maggioranza sarà di venti consiglieri comunali più Iva! Tra qualche settimana capirete il perché». Due i neoeletti che sarebbero pronti a lasciare chi li ha portati in consiglio.

Questi i nuovi 32 consiglieri comunali di Messina che siederanno nell’aula. Per la lista Basile sindaco Serena Giannetto, Massimiliano Minutoli, Alessandro De Leo, Giuseppe Busà, Rosaria Rita Di Ciuccio, Antonia Feminò, Cosimo Oteri, Carlotta Previti, Nello Pergolizzi, Dafne Musolino, Giulia Restuccia. I voti incassati dalla lista Con De Luca per Basile Cateno De Luca, Raffaele Rinaldo, Emilia Rotondo, Salvatore Papa, Margherita Milazzo, Raimondo Mortelliti. Tra gli undici eletti ci sono tre assessori della giunta Basile che rinunceranno allo scranno in consiglio comunale lasciando il posto a Francesco Cipolla, Rosaria D’Arrigo e Pippo Trischitta.

Per Prima l’Italia, la lista dell’onorevole Nino Germanà che ha segnato una netta spaccatura tra la base locale della Lega porta in aula Mirko Cantello, Amalia Centofanti, Giuseppe Villari. In base a quanto previsto dalla legge elettorale entra in consiglio Maurizio Croce, il primo dei candidati sindaco non eletto. E per il centrodestra con Ora Sicilia Federica Vaccarino, Giandomenico La Fauci e Dario Zante. Per Fratelli d’Italia Dario Carbone, Libero Gioveni, Pasquale Currò. E per Forza Italia Nicoletta D’Angelo. Nella coalizione del centrosinistra per il Pd Felice Calabrò e Antonella Russo. Mentre la lista De Domenico sindaco premia Concetta Buonocuore e Giovanni Caruso.


Dalla stessa categoria

Ricevi le notizie di MeridioNews su Whatsapp: iscriviti al canale

I più letti

Dal controllo della velocità alla segnalazione di un imminente pericolo. Sono gli Adas, i sistemi avanzati di assistenza alla guida che aumentano non solo la sicurezza, ma anche il comfort durante i viaggi in auto. Più o meno sofisticati, i principali strumenti Adas sono ormai di serie nelle auto più nuove, come quelle a noleggio. […]

Un aiuto concreto ai lavoratori per affrontare il carovita. Ma anche un modo per rendere più leggero il contributo fiscale delle aziende. Sono le novità introdotte dalla conversione in legge del cosiddetto decreto lavoro, tra cui figura una nuova soglia dell’esenzione fiscale dei fringe benefit per il 2023, portata fino a un massimo di 3mila euro. […]

Il potere dell’app, la mossa del cestino, il colpo del calendario, lo scudo del numero verde e la forza del centro di raccolta. Sono questi i superpoteri che Kalat Ambiente Srr fornisce a tutti i cittadini per arrivare all’obiettivo di una corretta modalità di conferimento dei rifiuti e di decoro ambientale. «Supereroi da prendere a […]

«Era come avere la zip del giubbotto chiusa sopra e aperta sotto: ecco, noi abbiamo voluto chiudere la zip di questo giubbotto». Indispensabile se si parla di Etna, dove fa sempre fresco. È nato così CraterExpress, la nuova proposta che permette di raggiungere la vetta del vulcano a partire dal centro di Catania, con quattro […]

Dodici mesi, 52 settimane e 365 giorni (attenzione, il 2024 è bisestile e quindi avremo un giorno in più di cui lamentarci). Un tempo legato da un unico filo: l’inadeguatezza. Culturale, innanzitutto, ma anche materiale, davanti ai temi complessi, vecchi e nuovi. Difficoltà resa evidente dagli argomenti che hanno dominato il 2023 siciliano; su tutti, […]

Il seme del cambiamento. Timido, fragile e parecchio sporco di terra, ma è quello che pare stia attecchendo in questi ultimi mesi, dopo i più recenti episodi di violenza sulle donne. In principio, quest’estate, fu lo stupro di gruppo a Palermo. In questi giorni, il femminicidio di Giulia Cecchettin in Veneto. Due storie diverse – […]

Mai come in campagna elettorale si parla di turismo. Tornando da Palermo con gli occhi pieni dei metri di coda – moltiplicata per varie file di serpentina – per visitare la cappella Palatina e qualunque mostra appena un piano sotto, lo stato di musei e beni archeologici di Catania non può che suscitare una domanda: […]

Riforme che potrebbero essere epocali, in termini di ricaduta sulla gestione dei territori e nella vita dei cittadini, ma che sembrano frenate dalla passività della politica. Sembra serena ma pratica- e soprattutto, attendista – la posizione di Ignazio Abbate, parlamentare della Democrazia Cristiana Nuova chiamato a presiedere la commissione Affari istituzionali dell’Assemblea regionale siciliana. Quella […]

Dai rifiuti alla mobilità interna della Sicilia, che avrà una spinta grazie al ponte sullo Stretto. Ne è convinto Giuseppe Carta, deputato regionale in quota autonomisti, presidente della commissione Ambiente, territorio e mobilità all’Assemblea regionale siciliana. Tavolo di lavoro che ha in mano anche due leggi su temi particolarmente delicati: urbanistica e appalti. Con in […]

Dall’agricoltura alle soluzioni per il caro energia; dalle rinnovabili di difficile gestione pubblica allo sviluppo delle imprese bandiera del governo di Renato Schifani. Sono tanti, vari e non semplici i temi affidati alla commissione Attività produttive presieduta da Gaspare Vitrano. Deputato passato dal Pd a Forza Italia, tornato in questa legislatura dopo un lungo processo […]