Azarenka, la regina della racchetta

Il tennis ha la sua nuova regina. Non sarà come le principesse delle fiabe ma viene da un paese lontano, è bionda, ha le trecce e tira dritto e rovescio accompagnandoli con urla in grado di terrorizzare anche il più cattivo dei mostri che infestano le foreste. Maria Sharapova non è certo uno di questi, ma è stata letteralmente fatta a pezzettini da Victoria (nomen omen?) Azarenka. La finale degli australian Open è durata una mezzoretta, fino al 3 pari del primo set.
Partiva forte la Sharapova, conquistava il break e si portava sul 2-0 e 0-30 con l’Azarenka al servizio. Lì, la partita è finita, ha ingranato la quarta, ha vinto 12 giochi su 13 e tutti gli ultimi 9, e la sua avversaria l’ha rivista soltanto al momento di stringerle la mano. Non che si sia arresa la Sharapova, ha sbuffato e lottato, ma troppo debole il suo servizio per consentirle di rimanere in partita. I numeri sulla seconda sono deficitari, non è riuscita a ottenere neanche un punto su 5, e anche sulla prima ci sono stati grossi guai, con percentuali di poco superiori al 50 per cento.
Ma ha poco senso aggrapparsi ai numeri per una partita che non c’è stata e che è davvero difficile raccontare. Così i pochi momenti emozionanti sono stati fuori dal campo. Come quando Julia Gillard, la prima donna ad essere il capo del governo australiano, quando la Sharapova ha scaraventato in rete l’ennesimo dritto portando la Azarenka sul 4-0 del secondo set, non ha potuto evitare uno sconsolato gesto di disappunto. E soprattutto quando la Azarenka, osservata la pallina della siberiana infrangersi per l’ultima volta nella rete, è crollata sulle gambe, lasciando cadere la racchetta e allargando le mani, incerta se portarle al volto per nascondere le lacrime che non si decidevano a spuntare. L’incredulità seguente, gli abbracci al team, le imbarazzate dichiarazioni con il trofeo in mano, sarebbero anche stati coinvolgenti se non fosse che queste scene si ripetono da troppi anni per poter essere ancora seguite con grande attenzione.
Rimane la sensazione di un torneo non eccezionale. Del resto, nel tennis contemporaneo, le ragazze giocano più o meno tutte allo stesso modo e, alla fine, la più potente vince. La sorpresa può essere dovuta a cause psicologiche, a turbamenti dai quali la nuova numero uno del mondo non era stata esente fin qui. Ma se la testa è sgombra e il braccio fila liscio, una come la Azarenka non verrà scalzata tanto facilmente dal primo posto della classifica mondiale. La speranza di evitare un monologo è da riporsi in un recupero fisico della giovane Kvitova, l’unica che ha un braccio capace di far male quanto quello della bielorussa, che però non può permettersi di presentarsi ad un torneo dello slam così sovrappeso.
Sperare invece nella più giovane delle Williams è sempre più complicato, considerata l’età e soprattutto il fatto che sembra in altre faccende affacendata. La Sharapova, a 24 anni, non è certo un ex ma nche se nasconde un temperamento da belvetta, quasi come la Seles, dietro i lineamenti aggraziati, la siberiana ha nel servizio un problema che sembra insormontabile, diretta conseguenza dell’infortunio alla spalla che l’ha tenuta per un anno lontana dai campi. Da gran lottatrice qual è, se l’avversaria mostra un segno di cedimento è pronta ad approfittarne ma purtroppo per lei sono sempre di più quelle in grado di batterla.
Insomma, ci aspettano temi non troppi luminosi per il tennis femminile e purtroppo anche quello maschile comincia a darci qualche pensiero. Domani si ripeterà per la terza volta di fila in un torneo dello slam, la finale tra il numero 1 del mondo, Djokovic, e il numero 2, Nadal. Fosse un confronto di stili diversi, pazienza. Non ci siamo stancati di Borg e Mc, né di Lendl e Becker o di Sampras e Agassi e – al limite – di Federer e lo stesso Nadal. Ma i due giocano praticamente allo stesso modo e l’unica incognita riguarda le condizioni fisiche di entrambi. Se stanno bene allo stesso modo vince Djokovic, anche se il serbo non è più quell’incredibile schiacciasassi dei primi mesi dell’anno scorso. Se invece il numero uno del mondo mostrerà di risentire della maratona con Murray, Nadal ce la farà a portare a casa il suo undicesimo slam. Come dicevamo già ieri, l’unica speranza è che i due riescano a darci qualche emozione, magari prima della premiazione. Oggi è andata male, ma domani è un altro giorno.

Finale femminile: Azarenka b. Sharapova 6/3 6/0

 

 


Dalla stessa categoria

Ricevi le notizie di MeridioNews su Whatsapp: iscriviti al canale

I più letti

Il tennis ha la sua nuova regina. Non sarà come le principesse delle fiabe ma viene da un paese lontano, è bionda, ha le trecce e tira dritto e rovescio accompagnandoli con urla in grado di terrorizzare anche il più cattivo dei mostri che infestano le foreste. Maria sharapova non è certo uno di questi, ma è stata letteralmente fatta a pezzettini da victoria (nomen omen?) azarenka. La finale degli australian open è durata una mezzoretta, fino al 3 pari del primo set.

Il tennis ha la sua nuova regina. Non sarà come le principesse delle fiabe ma viene da un paese lontano, è bionda, ha le trecce e tira dritto e rovescio accompagnandoli con urla in grado di terrorizzare anche il più cattivo dei mostri che infestano le foreste. Maria sharapova non è certo uno di questi, ma è stata letteralmente fatta a pezzettini da victoria (nomen omen?) azarenka. La finale degli australian open è durata una mezzoretta, fino al 3 pari del primo set.

Il tennis ha la sua nuova regina. Non sarà come le principesse delle fiabe ma viene da un paese lontano, è bionda, ha le trecce e tira dritto e rovescio accompagnandoli con urla in grado di terrorizzare anche il più cattivo dei mostri che infestano le foreste. Maria sharapova non è certo uno di questi, ma è stata letteralmente fatta a pezzettini da victoria (nomen omen?) azarenka. La finale degli australian open è durata una mezzoretta, fino al 3 pari del primo set.

Dal controllo della velocità alla segnalazione di un imminente pericolo. Sono gli Adas, i sistemi avanzati di assistenza alla guida che aumentano non solo la sicurezza, ma anche il comfort durante i viaggi in auto. Più o meno sofisticati, i principali strumenti Adas sono ormai di serie nelle auto più nuove, come quelle a noleggio. […]

Un aiuto concreto ai lavoratori per affrontare il carovita. Ma anche un modo per rendere più leggero il contributo fiscale delle aziende. Sono le novità introdotte dalla conversione in legge del cosiddetto decreto lavoro, tra cui figura una nuova soglia dell’esenzione fiscale dei fringe benefit per il 2023, portata fino a un massimo di 3mila euro. […]

Circa due tonnellate. È la quantità di rifiuti raccolta da oltre tremila studenti e studentesse di undici Comuni del territorio del Calatino durante le giornate di plogging organizzate da Kalat Ambiente Srr. «L’obiettivo del nostro campionato – spiegano dall’ente che si occupa di pianificazione, programmazione e affidamento della gestione del ciclo integrato dei rifiuti – […]

«Era come avere la zip del giubbotto chiusa sopra e aperta sotto: ecco, noi abbiamo voluto chiudere la zip di questo giubbotto». Indispensabile se si parla di Etna, dove fa sempre fresco. È nato così CraterExpress, la nuova proposta che permette di raggiungere la vetta del vulcano a partire dal centro di Catania, con quattro […]

Ma non si parlava, tipo, di turismo sostenibile, eco bio qualcosa? No perché mi pareva di avere sentito che eravate diventati sensibili alla questione ambientale e che vi piaceva, tipo, andare nella natura, immergervi nella ruralità, preoccuparvi dell’apocalisse solare. Probabilmente avrò capito male.Qui, nel sudest siculo, fino a non molto tempo fa, ricordo un turismo […]

Dodici mesi, 52 settimane e 365 giorni (attenzione, il 2024 è bisestile e quindi avremo un giorno in più di cui lamentarci). Un tempo legato da un unico filo: l’inadeguatezza. Culturale, innanzitutto, ma anche materiale, davanti ai temi complessi, vecchi e nuovi. Difficoltà resa evidente dagli argomenti che hanno dominato il 2023 siciliano; su tutti, […]

Il seme del cambiamento. Timido, fragile e parecchio sporco di terra, ma è quello che pare stia attecchendo in questi ultimi mesi, dopo i più recenti episodi di violenza sulle donne. In principio, quest’estate, fu lo stupro di gruppo a Palermo. In questi giorni, il femminicidio di Giulia Cecchettin in Veneto. Due storie diverse – […]

Mai come in campagna elettorale si parla di turismo. Tornando da Palermo con gli occhi pieni dei metri di coda – moltiplicata per varie file di serpentina – per visitare la cappella Palatina e qualunque mostra appena un piano sotto, lo stato di musei e beni archeologici di Catania non può che suscitare una domanda: […]

Riforme che potrebbero essere epocali, in termini di ricaduta sulla gestione dei territori e nella vita dei cittadini, ma che sembrano frenate dalla passività della politica. Sembra serena ma pratica- e soprattutto, attendista – la posizione di Ignazio Abbate, parlamentare della Democrazia Cristiana Nuova chiamato a presiedere la commissione Affari istituzionali dell’Assemblea regionale siciliana. Quella […]

Dai rifiuti alla mobilità interna della Sicilia, che avrà una spinta grazie al ponte sullo Stretto. Ne è convinto Giuseppe Carta, deputato regionale in quota autonomisti, presidente della commissione Ambiente, territorio e mobilità all’Assemblea regionale siciliana. Tavolo di lavoro che ha in mano anche due leggi su temi particolarmente delicati: urbanistica e appalti. Con in […]

Dall’agricoltura alle soluzioni per il caro energia; dalle rinnovabili di difficile gestione pubblica allo sviluppo delle imprese bandiera del governo di Renato Schifani. Sono tanti, vari e non semplici i temi affidati alla commissione Attività produttive presieduta da Gaspare Vitrano. Deputato passato dal Pd a Forza Italia, tornato in questa legislatura dopo un lungo processo […]