Edizioni MeridioNews

Edizioni MeridioNews

Edizione Sicilia

Tra visione e visionarietà. Cosa intendiamo per bellezza?

La farfalla come simbolo di libertà: la bellezza libera, l'animo libero, la creatività libera. Per quanto ci abbiano provato maestri illustri in passato, non esiste un'unica formula per descrivere ciò che piace

Salvo Filetti

Ci ha provato Leonardo Da Vinci, teorizzatore della sezione aurea che riconduce la bellezza a una formula matematica: 1,618. La divina proporzione. Se l’applichiamo a un volto, il rapporto aureo tra dimensione verticale e orizzontale diventa un’equazione precisa, per cui se la larghezza del volto è pari a 1, allora la lunghezza deve essere pari a 1,618. Ma siamo proprio sicuri che Leonardo avesse ragione? Di fatto – e per fortuna, aggiungo io – non funziona sempre così, perché la Natura ci vuole diversi, unici. Allora allunga un volto, ne allarga un altro, uno lo squadra, uno lo arrotonda, un altro lo rende spigoloso. È qui che interveniamo noi hairdesigner, esperti di face code, che studiamo e mappiamo i volti per incrociarne le caratteristiche fisiche con il progetto dei loro capelli, fatto di taglio, colore e styling. E quando ricreiamo con i capelli la divina proporzione, il rapporto aureo, ecco che succede la magia: l’attenzione dell’altro si focalizza subito al centro del volto, sullo sguardo della donna. Questa è la nostra missione.

Dunque, la bellezza non è questione di numeri. Era d’accordo anche Coco Chanel. Se immaginassimo di dialogare con lei, probabilmente la grande stilista francese, che ha rivoluzionato l’immagine femminile attraverso la moda, direbbe che una donna cambia i propri capelli non in base a un calcolo matematico ma per cambiare la propria storia. Del resto, lei ha liberato la donna da alcuni vincoli estetici importanti, per renderla indipendente, emancipata, moderna, persino spregiudicata rispetto alla tradizione. E ciò puntando su stile, design, moda e colore, che nella sua visione hanno ridisegnato e sempre ridisegneranno i codici della bellezza interpretando il sentimento del tempo.

Eppure una donna ancora più rivoluzionaria, reazionaria direi, come Frida Kahlo avrebbe da ridire anche su questo. Emblema, lei, di quanto la bellezza sia al di là dello specchio. Nella sua visione, la bellezza è un sentimento, è personalità. Ed è bellezza solo se trascende se stessa e rinvia a qualcosa di segreto, misterioso, profondo: la capacità di saper trasformare i propri punti deboli in punti di forza, mostrandoli persino con fierezza. Abitando il proprio corpo con gioia e sostenibilità, in modo da focalizzare l’attenzione su ciò che ognuno è e su ciò che ognuno ha.

La bellezza, quindi, sta nella libertà di essere ciò che si è e nel lusso di indossare se stessi, come mi piace dire. E sta nel sapersi rendere speciali, nel sentirsi speciali, anche nella normalità del quotidiano. Attraverso la bellezza del proprio spirito, quel non tangibile che è essenza pura dell’anima. Il livello massimo di bellezza, che definirei quindi bellezza "animica", e che chiede una consapevolezza superiore per essere raggiunta.

Quello che voglio dire è che Leonardo, Coco, Frida avevano tutti ragione in qualche modo. Ci propongono, infatti, tre verità che noi parrucchieri incontriamo in salone ogni giorno e che, in pratica, rappresentano tre diversi livelli di accesso alla bellezza, strettamente correlati al particolare stato d’animo che una donna sta vivendo in un determinato momento. La nostra arte sta lì, nel capire quando il sentirsi di una donna sta dentro una visione piuttosto che dentro un’altra. E nel vestire, di conseguenza, il suo volto in modo corrispondente all’anima che custodisce.

La nostra visione di hairdesigner, dunque, sta nel percepire il livello energetico di una donna, una vibrazione precisa, che è poi il motivo per cui è venuta al mondo. E il nostro gesto creativo non è mai fine a se stesso. Neanche quando diventa puro gesto artistico in occasione di eventi, show o sfilate. In questi casi – parlo per me, sicuramente – la visione viaggia tra l’onirico e il cinematografico, come quando al risveglio da un sogno cerchiamo di rintracciarne il significato, attraverso archetipi e simboli che esasperano un messaggio, un’idea, un’energia. In questi casi, extra-ordinari, le “sculture” di capelli che realizzo materializzano un livello di coscienza in un’immagine evocativa che non chiede spiegazione. Perché è emozione, sentimento. Pura visione e creatività. In una parola: farfalla.

MeridioNews è una testata registrata presso il tribunale di Catania n.18/2014
Direttora responsabile: Claudia Campese Editore RMB s.r.l.
Riproduzione riservata

Coronavirus, tutto quello che c'è da sapere

La cronaca, gli aggiornamenti, le disposizioni della Regione, le informazioni utili, gli effetti collaterali. Tutto quello che c'è da sapere sul nuovo virus, arrivato anche nell'Isola.

Il sistema Montante

L'arresto di Antonello Montante ha scoperchiato un sistema di potere che tocca politica, forze dell'ordine, mafia e imprenditoria

Giustizia per Emanuele Scieri

Il paracadutista siracusano è stato trovato morto nella caserma di Pisa nel 1999. Ora si cerca di ricostruire quanto successo

Elezioni comunali 2021 in Sicilia

Il 10 e 11 ottobre e il 24 e 25 ottobre 2021 in diversi Comuni siciliani si vota per le Amministrative. I cittadini saranno chiamati alle urne per scegliere nuovi sindaci e consiglieri comunali. Il percorso di avvicinamento al voto e i risultati degli scrutini

Mario Ciancio e la mafia

Le indagini, la richiesta di archiviazione, il rigetto del giudice per le indagini preliminari e il proscioglimento. Tutte le tappe dell'avventura giudiziaria del direttore-editore del quotidiano etneo La Sicilia, imprenditore edilizio di opere pubbliche e private

Leggi tutti i Dossier

Segnala una notizia

Utilizzando questo form puoi segnalare le tue notizie alla redazione

Invia un tuo contributo

I campi contrassegnati con * sono obbligatori

×