Edizioni MeridioNews

Edizioni MeridioNews

Edizione Sicilia

Noto, blitz dopo il colpo di pistola che ha colpito un minore 
«Il quartiere dei Caminanti non si ferma davanti a niente»

Le perquisizioni sono partite questa mattina e sono ancora in corso. Ritrovati fucili e coltelli. «Adesso stiamo facendo delle verifiche anche per furto di energia elettrica», dice a MeridioNews il tenente colonnello Ruocco. In aggiornamento

Gabriele Patti

Perquisizioni e posti di controllo , con l’impiego di oltre 200 carabinieri, provenienti anche dalle altre provincie dell’Isola, stanno eseguendo un blitz al quartiere dei Caminanti, a Noto, in provincia di Siracusa. Sono state rinvenute diverse armi, relativo munizionamento e ingenti somme di denaro. Al vaglio ci sarebbero le posizioni di diversi soggetti, ma per il momento i dettagli sono ancora riservati. «Al momento siamo solo su Noto - spiega il tenente colonnello Raffaele Ruocco a MeridioNews - stiamo cinturando il quartiere». 

Tra le armi rinvenute ci sono pistole, fucili e armi bianche. «L'operazione - prosegue Ruocco - è il segnale della presenza dello stato in un quartiere che non si ferma davanti a niente, neppure davanti alle gravi condizioni di un ragazzo». Il riferimento è al minore colpito alla testa ieri e ricoverato in gravi condizioni al Pronto soccorso netino. «Le attività sono ancora in corso - spiega Ruocco - stiamo facendo delle verifiche con le squadre dell'Enel anche per furto di energia elettrica». 

MeridioNews è una testata registrata presso il tribunale di Catania n.18/2014
Direttora responsabile: Claudia Campese Editore RMB s.r.l.
Riproduzione riservata

Covid, quello che c'è da sapere

La cronaca, gli aggiornamenti, le disposizioni della Regione, le informazioni utili, gli effetti collaterali. Tutto quello che c'è da sapere sul nuovo virus, arrivato anche nell'Isola.

Elezioni comunali 2022 in Sicilia

Tutti gli aggiornamenti, le interviste e le analisi del voto per le elezioni comunali 2022 in Sicilia. 

Giustizia per Emanuele Scieri

Il paracadutista siracusano è stato trovato morto nella caserma di Pisa nel 1999. Ora si cerca di ricostruire quanto successo

Muos, l'eco mostro di Niscemi

Contro l'impianto della base Usa di Niscemi, da anni si battono comitati, associazioni e cittadini

Mario Ciancio e la mafia

Le indagini, la richiesta di archiviazione, il rigetto del giudice per le indagini preliminari e il proscioglimento. Tutte le tappe dell'avventura giudiziaria del direttore-editore del quotidiano etneo La Sicilia, imprenditore edilizio di opere pubbliche e private

Leggi tutti i Dossier

Segnala una notizia

Utilizzando questo form puoi segnalare le tue notizie alla redazione

Invia un tuo contributo

I campi contrassegnati con * sono obbligatori

×