Edizioni MeridioNews

Edizioni MeridioNews

Edizione Sicilia

Sant’Emidio, protettore dei terremoti

La tela del santo che, in ginocchio su una nuvola, con lo sguardo rivolto alla Vergine ed a Cristo, protegge la città di Catania dai terremoti si trova nella chiesa nella chiesa dei padri agostiniani. È un'opera di Pietro Paolo Vasta 

Giusy Belfiore

A Catania, nella Chiesa dei Padri Agostiniani, conosciuta come Chiesa di Santa Rita sita in via Vittorio Emanuele, è collocato un quadro del 1761 attribuito da sempre al pittore acese Pietro Paolo Vasta. Questa tela raffigura Sant’Emidio, protettore dai terremoti, con Cristo, la Madonna e Sant’Agata, patrona della città. Per quanto fu Giacinto Platania il primo artista ad inserire scorci dell’Etna o di Acireale nei suoi quadri per raccontare le sue origini e il suo territorio, possiamo affermare che la tela di Sant’Emidio è un’opera unica nel suo genere, poiché illustra una veduta inedita di una Catania barocca, ricostruita dopo il terribile terremoto del 1693, con un volto nuovo. Sullo sfondo si vede l’Etna, con la cima nascosta dal manto rosso di un angelo, mentre ai piedi del Vulcano è rappresentata una città moderna, senza mura, eccetto quella piccola porzione cinquecentesca in cui si apre la porta Uzeda, realizzata nel 1695. 

Osservando il quadro attentamente, è riconoscibile la cupola della cattedrale e, sul lato destro del muro, si intravedono il Palazzo Arcivescovile e il Palazzo Biscari, separati dalla porta della Vega, in seguito sostituita da piazza San Placido. All’estremità sinistra del dipinto compare il Castello Ursino, la costruzione federiciana dell’architetto militare Riccardo da Lentini. In fondo, alle spalle del castello, si distingue la Casa degli Esercizi Spirituali dei Gesuiti (oggi istituto per l’incremento ippico). Al centro, oltre al Monastero dei Benedettini, si notano due edifici ecclesiastici: la Chiesa di Santa Chiara e la Chiesa di San Benedetto mentre, in evidenza, di fronte all’osservatore, la chiesa e il convento dei Padri Agostiniani. Quest’opera rappresenta un elemento di congiunzione tra le vedute antecedenti al terremoto del 1693 e le vedute d’inizio XIX secolo. Gli aspetti geometrici prevalgono su quelli estetici e l’elemento scenografico dell’Etna tende a sparire. 

Catania, la città sotto il vulcano, più e più volte ricostruita, rinasce dopo il sisma: il punto di gravitazione è un’asse viario dritto che, dalla piazza del Duomo, percorre la città da Sud a Nord, come se la topografia assumesse una valenza scientifica. Tornando alla natura sacra della tela, Sant’Emidio, primo vescovo di Ascoli, è rappresentato in ginocchio su una nuvola, con lo sguardo rivolto alla Vergine e a Cristo, un’immagine forte che in questo periodo di intensa attività del vulcano, assume un significato ancora più marcato. 

Il santo è considerato il protettore dai terremoti dal 1703 anche nelle località della Sicilia orientale: mentre Sant’Agata salva gli abitanti dalla furia del Vulcano, Sant’Emidio li difende dalle scosse telluriche. Con il passare del tempo, il culto in suo onore si è affievolito, ma sono rimaste numerose le testimonianze nel territorio etneo. E se volete scoprirne di più prenotare uno dei nostri tour, contattateci allo 344 224 9701 oppure sui nostri social @GuideTuristicheCatania.

Meridio rubriche

Leggi tutte le rubriche

MeridioNews è una testata registrata presso il tribunale di Catania n.18/2014
Direttora responsabile: Claudia Campese Editore RMB s.r.l.
Riproduzione riservata

Coronavirus, tutto quello che c'è da sapere

La cronaca, gli aggiornamenti, le disposizioni della Regione, le informazioni utili, gli effetti collaterali. Tutto quello che c'è da sapere sul nuovo virus, arrivato anche nell'Isola.

Elezioni comunali 2021 in Sicilia

Il 10 e 11 ottobre e il 24 e 25 ottobre 2021 in diversi Comuni siciliani si vota per le Amministrative. I cittadini saranno chiamati alle urne per scegliere nuovi sindaci e consiglieri comunali. Il percorso di avvicinamento al voto e i risultati degli scrutini

Giustizia per Emanuele Scieri

Il paracadutista siracusano è stato trovato morto nella caserma di Pisa nel 1999. Ora si cerca di ricostruire quanto successo

Il sistema Montante

L'arresto di Antonello Montante ha scoperchiato un sistema di potere che tocca politica, forze dell'ordine, mafia e imprenditoria

Mario Ciancio e la mafia

Le indagini, la richiesta di archiviazione, il rigetto del giudice per le indagini preliminari e il proscioglimento. Tutte le tappe dell'avventura giudiziaria del direttore-editore del quotidiano etneo La Sicilia, imprenditore edilizio di opere pubbliche e private

Leggi tutti i Dossier

Segnala una notizia

Utilizzando questo form puoi segnalare le tue notizie alla redazione

Invia un tuo contributo

I campi contrassegnati con * sono obbligatori

×