Edizioni MeridioNews

Edizioni MeridioNews

Edizione Sicilia

Si consegna agli agenti dopo 12 ore di trattativa
Uomo era barricato in casa con figlio in ostaggio

Giuseppe Frasillo ha liberato il bambino, poi è uscito dalla sua abitazione. Adesso è accusato di sequestro di persona e detenzione illegale di armi. Da Roma erano già arrivati a Mazara del Vallo gli agenti del Nucleo operativo centrale di sicurezza

Redazione

Una lunga giornata di trattative terminata con le mani alzate verso il cielo in segno di resa e la consegna del figlio alle forze dell'ordine. Giuseppe Frasillo si è arreso dopo avere sequestrato il bambino nella sua casa a Mazara del Vallo. Una situazione carica di tensione perché l'uomo minacciava di farla finita e aveva a disposizione un fucile a canne mozze, a quanto pare detenuto illegalmente. Da Roma erano già arrivati in città gli agenti del nucleo operativo centrale di sicurezza, gruppo speciale della Polizia addestrato per le operazioni ad alto rischio. La prospettiva era quella di un'intervento per provare a liberare il bambino ma fortunatamente Frasillo ha deciso di arrendersi. 

Alla base del gesto una situazione familiare di assoluto degrado, resa pubblica attraverso l'utilizzo di alcuni profili Facebook. Prima di barricarsi in casa l'uomo aveva scritto un lungo post. Parole cariche di rabbia, alternate a insulti, che hanno preso di mira l'ex compagna e madre del bambino di 4 anni preso in ostaggio, dalla quale si era separato dopo una convivenza durata 13 anni. «Tutti sanno che sono stato io a mantenere tutta la famiglia», scriveva. Sempre attraverso il popolare social network Frasillo aveva pubblicato la registrazione di una telefonata con la donna che aveva due figli da precedenti relazioni. «Vi vengo a prendere a tutti quanti - diceva - e poi finisco all'ergastolo». 

Frasillo, che vanta simpatie neo-fasciste, è noto nel comprensorio per essere il fratello del 54enne Vincenzo. Quest'ultimo finito dietro le sbarre dopo avere ucciso la moglie Rosaria Garofalo, di 52 anni. Un femminicidio arrivato arrivato dopo tre giorni di violenza, in cui la donna venne ripetutamente picchiata dal marito.

MeridioNews è una testata registrata presso il tribunale di Catania n.18/2014
Direttora responsabile: Claudia Campese Editore Mediaplan Soc. Coop. Sociale
Riproduzione riservata

Coronavirus, tutto quello che c'è da sapere

La cronaca, gli aggiornamenti, le disposizioni della Regione, le informazioni utili, gli effetti collaterali. Tutto quello che c'è da sapere sul nuovo virus, arrivato anche nell'Isola.

Giustizia per Emanuele Scieri

Il paracadutista siracusano è stato trovato morto nella caserma di Pisa nel 1999. Ora si cerca di ricostruire quanto successo

Il sistema Montante

L'arresto di Antonello Montante ha scoperchiato un sistema di potere che tocca politica, forze dell'ordine, mafia e imprenditoria

Infrastrutture, Sicilia spezzata

Frane, autostrade a una carreggiata, statali interrotte. Viaggio in uno dei principali fattori del mancato sviluppo della Sicilia

Mario Ciancio e la mafia

Le indagini, la richiesta di archiviazione, il rigetto del giudice per le indagini preliminari e il proscioglimento. Tutte le tappe dell'avventura giudiziaria del direttore-editore del quotidiano etneo La Sicilia, imprenditore edilizio di opere pubbliche e private

Leggi tutti i Dossier

Segnala una notizia

Utilizzando questo form puoi segnalare le tue notizie alla redazione

Invia un tuo contributo

I campi contrassegnati con * sono obbligatori

×