Edizioni MeridioNews

Edizioni MeridioNews

Edizione Sicilia

Coppia arrestata con l'accusa di istigazione al suicidio
Avrebbero estorto 150mila euro con un finto rapimento

Gabriel Acanticai e Grazia Maria Di Marco sono accusati di essersi approfittati di un 49enne, innamorato della sorella della donna. L'uomo è stato spinto a svendere i propri beni per recuperare il denaro utile a salvare la persona a lui cara

Redazione

Foto di: christian dubovan

Foto di: christian dubovan

Avrebbero costretto un 49enne, con raggiri e pressioni, a sborsare 150mila euro, spingendolo a commettere diversi reati pur di recuperare i soldi, fino a che, non reggendo più la pressione, l'uomo non si è impiccato. Protagonista una coppia di Santo Stefano di Camastra, nel Messinese, che è stata arrestata oggi dai carabinieri su disposizione del tribunale. Gabriel Acanticai e Grazia Maria Di Marco, rispettivamente di 26 e 24 anni, sono accusati di estorsione e istigazione al suicidio.

I due si sarebbero approfittati di un uomo, emotivamente fragile e legato alla loro famiglia. La vittima, padrino del loro figlio, si è tolta la vita il 15 febbraio e il gesto, secondo i magistrati, sarebbe stata l'estrema conseguenza di quello che da tempo il 49enne stava vivendo. Stando alla ricostruzione fatta dagli inquirenti, Acanticai e Di Marco, sfruttando la dipendenza sentimentale dell'uomo nei confronti della sorella della donna, avrebbero inscenato un finto rapimento di quest'ultima. Al 49enne la coppia avrebbe chiesto denaro per evitare che il fantomatico rapitore le facesse del male.

Il denaro veniva incamerato dalla coppia direttamente in contanti o con ricariche su diverse carte Postepay. Una spirale che non ha avuto fine, spingendo la vittima del raggiro a chiedere soldi in prestito, svendere i beni di famiglia e appropriarsi della pensione della madre. Il 49enne sarebbe stato spinto a compiere truffe per recuperare soldi e avrebbe anche pensato di commettere un omicidio per recuperare il denaro necessario a salvare la donna. Uno stress che il 49enne non ha retto fino a spingerlo al suicidio. Per Acanticai e Di Marco, il giudice ha disposto la custodia cautelare dei domiciliari.

MeridioNews è una testata registrata presso il tribunale di Catania n.18/2014
Direttora responsabile: Claudia Campese Editore Mediaplan Soc. Coop. Sociale
Riproduzione riservata

Coronavirus, tutto quello che c'è da sapere

La cronaca, gli aggiornamenti, le disposizioni della Regione, le informazioni utili, gli effetti collaterali. Tutto quello che c'è da sapere sul nuovo virus, arrivato anche nell'Isola.

Giustizia per Emanuele Scieri

Il paracadutista siracusano è stato trovato morto nella caserma di Pisa nel 1999. Ora si cerca di ricostruire quanto successo

Il sistema Montante

L'arresto di Antonello Montante ha scoperchiato un sistema di potere che tocca politica, forze dell'ordine, mafia e imprenditoria

Infrastrutture, Sicilia spezzata

Frane, autostrade a una carreggiata, statali interrotte. Viaggio in uno dei principali fattori del mancato sviluppo della Sicilia

Mario Ciancio e la mafia

Le indagini, la richiesta di archiviazione, il rigetto del giudice per le indagini preliminari e il proscioglimento. Tutte le tappe dell'avventura giudiziaria del direttore-editore del quotidiano etneo La Sicilia, imprenditore edilizio di opere pubbliche e private

Leggi tutti i Dossier

Segnala una notizia

Utilizzando questo form puoi segnalare le tue notizie alla redazione

Invia un tuo contributo

I campi contrassegnati con * sono obbligatori

×

Abbonati a MeridioNews
il primo mese è gratuito

Raccontiamo il tuo quotidiano

×

Dall'8 luglio per leggere le notizie di MeridioNews chiediamo il tuo supporto. In cambio avrai accesso a tutti i contenuti, inclusi quelli speciali, senza pubblicità invasiva.

Disabilita AdBlock

Disabilita le estensioni "AdBlock" e ricarica la pagina per leggere MeridioNews