Edizioni MeridioNews

Edizioni MeridioNews

Edizione Sicilia

La Regione cerca privati per fare una compagnia aerea
Aerolinee Siciliane: «Con noi sarebbe socio come altri»

Nello Musumeci è tornato a immaginare una società pubblico-privata ma in cui «fare l'arbitro e non il giocatore». Per la società nata a gennaio, slitta il primo decollo. «Siamo pronti - dice Claudio Melchiorre a MeridioNews - ma serve capire come andrà il mercato» 

Marta Silvestre

Foto di: aerolinee siciliane

Foto di: aerolinee siciliane

«La compagnia aerea siciliana non si può fare soltanto su iniziativa pubblica, se c'è uno o ci sono più privati a scommettersi su questa impresa certamente gli enti pubblici, a cominciare dalla Regione, non resteranno a guardare». Dopo la riunione di ieri mattina all'aeroporto Falcone-Borsellino di Palermo, il presidente della Regione Siciliana Nello Musumeci è tornato a immaginare «una società mista pubblico-privata. La Regione - ha aggiunto - non può fare il giocatore come ha fatto per settant'anni, ma deve fare l'arbitro».

E, in effetti, un gruppo di privati ci sarebbe già. «La Regione cerca qualcuno che si faccia più avanti di noi?». La domanda retorica la fa a MeridioNews Claudio Melchiorre, tra i fondatori e membro del consiglio di sorveglianza della compagnia aerea Aerolinee Siciliane Spa. Nato lo scorso 25 gennaio, il progetto aveva preso avvio «su richiesta della Regione - sostiene - Eravamo stati contattati da persone vicinissime al presidente». Gli incontri procedono e il progetto pare essere condiviso. Fino a quando qualcosa si rompe. «La Regione, volendo, avrebbe dovuto anticipare 10 milioni di euro di capitale per azioni che la società avrebbe poi venduto» seguendo il principio dell'azionariato diffuso. «A un certo punto, però, sono scattati dei meccanismi che immagino essere politici», dice Melchiorre. 

Con o senza mamma Regione va avanti il progetto basato sul business plan redatto dal presidente Luigi Crispino. Un volto già noto del settore in quanto fondatore di Air Sicilia - società pioniera nel settore e fallita nel 2002 - che poi è stato anche tra gli azionisti principali di Wind Jet, fallita nel 2012. Il primo volo di Aerolinee Siciliane sarebbe dovuto decollare dopodomani - il 14 giugno alle ore 6.40 - da Comiso per atterrare a Milano. «Abbiamo dovuto fare slittare questa data a causa del coronavirus - precisa Melchiorre - Ma, volendo, potremmo partire anche oggi stesso. Perché il capitale versato c'è». Quanto sia, però, non è dato sapere. L'ultimo numero disponibile è quello iniziale: 173mila euro

La prossima data fissata per il decollo, adesso, è il 31 luglio. «Ma non è ancora certo se partiremo - rivela Melchiorre a MeridioNews - perché il mercato in questo settore ha subito una contrazione importante e non sappiamo se e come si stabilizzerà». Intanto le sottoscrizioni vanno avanti, ma per la Regione eventualmente la porta potrebbe essere riaperta? «Se la Regione volesse - spiega Melchiorre - potrebbe entrare al pari di tutti gli altri siciliani, ma non deve aspettarsi di comandare perché nella nostra filosofia non c'è e non ci può essere un azionista più importante di altri». Mentre Musumeci pensa alla Regione nel ruolo di «arbitro» e «non di giocatore», per Aerolinee Siciliane c'è una sola regola del gioco: «Che la Regione accetti di essere alla pari e non il principe che dispone - conclude Melchiorre - Per il resto non dobbiamo starci simpatici, ma trovare soluzioni per la Sicilia». 

MeridioNews è una testata registrata presso il tribunale di Catania n.18/2014
Direttora responsabile: Claudia Campese Editore Mediaplan Soc. Coop. Sociale
Riproduzione riservata

Coronavirus, tutto quello che c'è da sapere

La cronaca, gli aggiornamenti, le disposizioni della Regione, le informazioni utili, gli effetti collaterali. Tutto quello che c'è da sapere sul nuovo virus, arrivato anche nell'Isola.

Giustizia per Emanuele Scieri

Il paracadutista siracusano è stato trovato morto nella caserma di Pisa nel 1999. Ora si cerca di ricostruire quanto successo

Infrastrutture, Sicilia spezzata

Frane, autostrade a una carreggiata, statali interrotte. Viaggio in uno dei principali fattori del mancato sviluppo della Sicilia

Mario Ciancio e la mafia

Le indagini, la richiesta di archiviazione, il rigetto del giudice per le indagini preliminari e il proscioglimento. Tutte le tappe dell'avventura giudiziaria del direttore-editore del quotidiano etneo La Sicilia, imprenditore edilizio di opere pubbliche e private

MeridioKids, la rubrica per i più piccoli

Un modo per creare comunità in questo periodo senza socialità. Nasce per questo MeridioKids, la rubrica di MeridioNews pensata per la quarantena di grandi e piccini. Istruttori di discipline sportive, artisti, disegnatori, animatori, pasticceri, maghi. A ognuno abbiamo chiesto di pensare un'attività o un gioco ...

Leggi tutti i Dossier

Segnala una notizia

Utilizzando questo form puoi segnalare le tue notizie alla redazione

Invia un tuo contributo

I campi contrassegnati con * sono obbligatori

×

Abbonati a MeridioNews
il primo mese è gratuito

Raccontiamo il tuo quotidiano

×

Dall'8 luglio per leggere le notizie di MeridioNews chiediamo il tuo supporto. In cambio avrai accesso a tutti i contenuti, inclusi quelli speciali, senza pubblicità invasiva.

Disabilita AdBlock

Disabilita le estensioni "AdBlock" e ricarica la pagina per leggere MeridioNews